Panslavismo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Per panslavismo si intende il movimento culturale nato nel XIX secolo con l'arrivo di ideali liberali e nazionali diffusi negli ambienti colti slavi in seguito al romanticismo e alle guerre napoleoniche. Mirava alla presa di coscienza dei popoli slavi di radici comuni, e si poneva come obiettivo quello di creare un unico stato nazionale.

La bandiera panslava assunta nel Primo Congresso Panslavo a Praga nel 1848, questa fu poi la bandiera della Jugoslavia

Lo scrittore Ján Kollár (1793-1852) attribuì agli idiomi slavi nel saggio Sulla reciprocità letteraria dei diversi ceppi e dialetti della nazione slava (1836) il carattere di dialetti riferentisi a un'unica antica lingua, quella che i linguisti odierni definiscono proto-slavo. I principali teorici furono presso le popolazioni residenti dentro i confini dell'Impero Asburgico, ovvero Cechi, Sloveni, Slovacchi, Croati e Serbi.

Il primo congresso panslavo fu a Praga nel 1848, presieduto dallo storico František Palacký. La più grande divisione teorica è quella tra il "Piccolo Panslavismo" (che esclude la Russia) e il "Grande Panslavismo". L'Impero Russo usò spesso l'idea della riunificazione slava e della Terza Roma per giustificare la sua espansione nell'Europa centro-orientale e nei Balcani. Il movimento ebbe ruolo ideologico fondamentale per la creazione del Regno di Jugoslavia. I principali ostacoli alla riunione dei popoli slavi sono aspri conflitti storici e la mancanza di coesione territoriale, essendo slavi del nord e del sud divisi geograficamente, dalla presenza di Austriaci, Ungheresi e Romeni, popoli di cultura e lingua non slava.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

politica Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica