Cima d'Asta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cima d'Asta
Cima d'Asta.jpg
Massiccio di Cima d'Asta
Stato Italia Italia
Regione Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
Provincia Trento Trento
Altezza 2.847 m s.l.m.
Catena Alpi
Coordinate 46°10′40.8″N 11°36′21.38″E / 46.178°N 11.60594°E46.178; 11.60594Coordinate: 46°10′40.8″N 11°36′21.38″E / 46.178°N 11.60594°E46.178; 11.60594
Data prima ascensione 1906
Autore/i prima ascensione Pompeo Tomaselli
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Cima d'Asta
Mappa di localizzazione: Alpi
Dati SOIUSA
Grande Parte Alpi Orientali
Grande Settore Alpi Sud-orientali
Sezione Dolomiti
Sottosezione Dolomiti di Fiemme
Supergruppo Dolomiti Meridionali di Fiemme
Gruppo Massiccio di Cima d'Asta
Sottogruppo Dorsale Cima d'Asta-Quarazza
Codice II/C-31.V-B.5.a

La Cima d'Asta è la vetta principale del massiccio omonimo situato nel Trentino orientale, tra l'Altopiano del Tesino e la Valle del Vanoi.

Geologia[modifica | modifica sorgente]

Il gruppo montuoso è costituito da rocce granitiche e questo aspetto lo distingue dai vicini rilievi del Lagorai, costituiti soprattutto da porfidi. Vista tuttavia la contiguità geografica, il massiccio di Cima d'Asta è considerato da alcuni geografi un sottogruppo della catena del Lagorai.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Il gruppo si caratterizza per la presenza di numerosi laghetti alpini di origine nevosa, detti laghi a circo per la loro forma sostanzialmente circolare. Da uno di essi ha origine il torrente Grigno, affluente del fiume Brenta.

Vie d'accesso[modifica | modifica sorgente]

Cima d'Asta vista dalle Pale di San Martino

Il gruppo montuoso si presenta come una area montana estremamente isolata e selvaggia e non è raggiungibile attraverso impianti di risalita. Poco distante dalla sommità è presente il rifugio alpino della Società Alpinisti Tridentini (SAT) Ottone Brentari, situato a 2480 m s.l.m. e il bivacco Cima d'Asta-Gianni Cavinato, situato proprio sulla cresta della cima a 2840 m s.l.m.

Il migliore accesso per avvicinarsi alle vette del gruppo è rappresentato dalla Val Malene di Pieve Tesino, ma il complesso montuoso è raggiungibile anche da altre vie e da Caoria di Canal San Bovo. Dal rifugio si può salire in breve tempo sulla sommità del massiccio, da cui si gode un buon panorama sulle vallate sottostanti, sulla catena del Lagorai e sui gruppi dolomitici vicini, come il Latemar e le Pale di San Martino.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]