Blindati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Blindati
Paese Italia
Anno 2002
Formato miniserie TV
Genere azione
Puntate 2
Durata 180 min
Lingua originale italiano
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio
Colore colore
Audio stereo
Crediti
Regia Claudio Fragasso
Soggetto Rossella Drudi
Sceneggiatura Rossella Drudi, Claudio Fragasso
Interpreti e personaggi
Musiche Pino Donaggio
Produttore Avi Lerner
Produttore esecutivo Danny Lerner
Casa di produzione Nu Image
Prima visione
Prima TV Italia
Dal 10 giugno 2002
Al 12 giugno 2002
Rete televisiva Rete 4

Blindati è una miniserie televisiva italiana, la regia è di Claudio Fragasso ed è stato trasmesso per la prima volta nel 2002 su Rete 4.

La miniserie, nonostante avesse un cast formato da attori di "peso" come Tony Sperandeo, Edoardo Leo, Luca Lionello, Luca Ward, Andrea Giordana e molti altri, non riscontrò molto successo, come invece sperava il regista Fragasso.

Come nell'altra miniserie di Claudio Fragasso, Operazione Odissea, girata 3 anni prima (che, a differenza di Blindati, riscontrò un buon successo), sono presenti gli attori Edoardo Leo, Luigi Maria Burruano e Luca Lionello.

Con questa miniserie, per la prima volta Mediaset scelse di non programmare un suo prodotto in prima visione su Canale 5, ma su Rete 4. All'epoca, il regista giustifico ciò col fatto che Canale 5 giudicava troppo "forte" questa miniserie.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Durante un posto di blocco, tre finanzieri vengono barbaramente uccisi da un commando di uomini armati di mitra che forzano il posto di blocco uccidendoli. Il capitano Roberto Mori (Claudio Vanni), che poco prima aveva parlato con uno dei tre uccisi, decide di prendere questa missione con il capitano Lidiano Cruciano (Edoardo Leo) e il Colonnello Brando Massari (Tony Sperandeo). Dopo un po' si scopre che gli assassini dei tre finanzieri sono i killer di una nota famiglia mafiosa: La famiglia dei Callea, capeggiata da Ettore Callea (Andrea Giordana), suo figlio Michele (Ivan Lucarelli), e il killer albanese Stano(Luca Lionello). Ettore Callea è in contrasto con i fratelli Paride (Luca Ward) e Enea (Francesco Benigno) per la stessa donna. I Callea si stanno portando in porto un grosso traffico di droga con una famiglia malavitosa albanese. Nel mezzo a tutto questo,la storia della figlia del boss Irene (Michela Fioravanti),la quale si era allontanata dalla Sicilia,perché diversa dal resto della famiglia,che si innamora tramite la chat,di un finanziere che tenterà di infiltrarsi nella Famiglia,e con il quale nascerà una storia d'amore, e quel finanziere è proprio il capitano Mori. Alleato della fam.Callea,il figlio di uno dei più grandi boss albanesi,il quale,con vari accordi e tranelli,farà uccidere tra di se,vari membri dei Callea.Vedremo poi,che il Boss albanese,era il fratello caduto in mare e dato per morto,il quale naufragato chissà come in Albania,diventa un potentissimo boss,e vuole vendicarsi verso gli stessi membri della sua famiglia.

Riprese[modifica | modifica sorgente]

Le riprese sono state effettuate a Gaeta, dove tutta la Guardia di Finanza ha messo a disposizione tutti i suoi mezzi, e a Marzamemi - frazione del Comune di Pachino (SR), Portopalo di Capo Passero (SR) e Ragusa, nelle masserie bianche.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione