Blackburn Iris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Blackburn Iris
Il Blackburn Iris Mk III S1263 in volo
Il Blackburn Iris Mk III S1263 in volo
Descrizione
Tipo ricognitore marittimo
Equipaggio 5
Costruttore Regno Unito Blackburn
Data primo volo 1926
Data entrata in servizio 1929
Utilizzatore principale Regno Unito Royal Air Force
Esemplari 5
Dimensioni e pesi
Lunghezza 20,54 m (67 ftin)
Apertura alare 29,6 m (97 ft 0 in)
Altezza 7,7 m (25 ft 5 in)
Superficie alare 228,7 (2 461 ft²)
Carico alare 57,6 kg/m² (11,8 lb/ft²)
Peso a vuoto 8 773 kg (19 301 lb)
Peso carico 13 182 kg (29 000 lb)
Peso max al decollo 13 405 kg (29 490 lb)
Propulsione
Motore 3 Rolls-Royce Condor H-1B
Potenza 675 hp (503 kW) ciascuno
Prestazioni
Velocità max 190 km/h (118 mph, 102 kt)
Velocità di crociera 155 km/h (97 mph, 79 kt)
Velocità di salita 3,20 m/s (630 ft/min)
Autonomia 1 280 km (800 mi, 691 nm)
Tangenza 3 230 m (10 597 ft)
Armamento
Mitragliatrici 3 Vickers da 7,7 mm (.303 in)
Bombe fino a 900 kg (1 984 lb)
Note dati riferiti alla versione Iris III

i dati sono estratti da Aircraft of the Royal Air Force 1918-57[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Blackburn Iris era un idrovolante biplano a scafo centrale da ricognizione marittima prodotto dall'azienda britannica Blackburn Aeroplane & Motor Company (poi Blackburn Aircraft Limited) negli anni venti ed utilizzato dalla Royal Air Force nel periodo interbellico.

L'ultima versione, l'Iris Mark V, verrà utilizzata come base per sviluppare il successivo Blackburn Perth.

Descrizione tecnica[modifica | modifica sorgente]

Il Blackburn Iris era un idrovolante a scafo centrale caratterizzato da un abitacolo di pilotaggio aperto in posizione avanzata.

La configurazione alare era biplana, con ala superiore ed inferiore di ugual misura collegate tra loro da una serie di montanti e tiranti in filo d'acciaio, e con l'inferiore dotata di galleggianti equilibratori posti in prossimità dall'estremità alare.

La coda, anch'essa biplana, era dotata di piani orizzontali a semisbalzo collegati tra loro da un impennaggio bideriva. L'apparato di propulsione, affidato nelle diverse versioni a differenti tipi di motorizzazione, era affidato a tre motori posizionati tra le ali in configurazione traente.

Versioni[modifica | modifica sorgente]

R.B.1 Iris I
prototipo, realizzato in un solo esemplare.
R.B.1A Iris II
versione dell'Iris I motorizzata con tre motori 12 cilindri a V Rolls-Royce Condor IIIA da 675 hp (503 kW) ciascuno.
R.B.1B Iris III
versione da ricognizione marittima a lungo raggio a 5 posti destinata alla RAF, motorizzata con tre Rolls-Royce Condor IIIB da 675 hp (503 kW); realizzata in 4 esemplari.
R.B.1C Iris IV
variante dell'Iris II dotata di 3 radiali Armstrong Siddeley Leopard III da 800 hp (597 kW) ciascuno.
R.B.1D Iris V
ultima versione realizzata. Tre versioni Iris III rimotorizzate con 3 Rolls-Royce Buzzard IIMS da 825 hp (615 kW) ciascuno.

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Regno Unito Regno Unito

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Thetford 1957, pp. 74–75.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) A.J. Jackson, Blackburn Aircraft since 1909, London, Putnam, 1968, ISBN 0-370-00053-6.
  • (EN) Peter London, British Flying Boats, Stroud, Sutton Publishing, ISBN 0-7509-2695-3.
  • (EN) Owen Thetford, Aircraft of the Royal Air Force 1918-57, 1st edition, London, Putnam, 1957, pp. 74–75.