Balantiocheilos melanopterus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Squalo di Bala
Balantiocheilos melanopterus.JPG
Un giovane adulto
Stato di conservazione
Status iucn2.3 EN it.svg
In pericolo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Cyprinodontiformes
Famiglia Cyprinidae
Sottofamiglia Cyprininae
Genere Balantiocheilos
Specie B. melanopterus
Nomenclatura binomiale
Balantiocheilos melanopterus
(Bleeker, 1851)
Sinonimi
  • Balantiocheilus melanopterus
  • Barbus melanopterus
  • Puntius melanopterus
Nomi comuni

Squaletto, Squalo di Bala o Bala Shark

Balantiocheilos melanopterus, conosciuto comunemente come Squaletto o Squalo di Bala o Bala Shark, è un pesce d'acqua dolce appartenente alla famiglia Cyprinidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa nel Sudest asiatico, nel bacino idrografico dei fiumi Chao Phraya e Mekong e nelle acque dolci di Sumatra, Borneo, Malaysia e Thailandia, dove è presente in acque medie e profonde di grandi bacini o bracci fluviali. È stata introdotta nelle Filippine (negli anni '70 del XX secolo) ma anche nel continente nordamericano (USA e Canada): non si conoscono esiti di queste introduzioni.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Un esemplare giovanile
Un adulto

Gli esemplari giovanili presentano un corpo snello e allungato, piuttosto compresso ai fianchi, con profili dorsale e ventrale poco accentuati e peduncolo caudale allungato. La coda è biforcuta. Le scaglie argentee sono ben evidenti e lucenti. Le pinne sono grandi e triangolari, con angoli smussati. La testa è appuntita con occhi grandi. Gli esemplari adulti hanno un profilo più robusto e tozzo, con dorso e ventre più arrotondati. La livrea giovanile presenta un corpo grigio-argenteo, con grosse scaglie. Le pinne sono trasparenti, orlate di nero. Gli adulti sono grigio-verdastri, con dorso più scuro. Le pinne sono gialle, sempre orlate di nero. Tutte le pinne vengono portate sempre erette e mettono ben in evidenza i bordi neri, soprattutto quello della pinna dorsale. I maschi sono leggermente più colorati e le femmine presentano ventre più arrotondato.
Raggiunge una lunghezza massima di 35 cm.

Etologia[modifica | modifica sorgente]

Pacifico pesce di branco che forma gruppetti di non meno di cinque esemplari. Molto attivo, copre solitamente i livelli di nuoto centrale ed inferiore ma se agitato è solito saltare fuori dall'acqua.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

Sono pesci ovipari: la fecondazione è esterna e avviene durante la deposizione. Non vi sono cure parentali.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Onnivoro: si nutre di fitoplancton, insetti, invertebrati e crostacei.

Stato di conservazione[modifica | modifica sorgente]

Balantiocheilos melanopterus è inserito nella IUCN Red List con la dicitura in pericolo: dal 1996[2] è infatti in pericolo di estinzione nei luoghi d'origine a causa dell’industrializzazione che ha compromesso il suo habitat naturale.

Acquariofilia[modifica | modifica sorgente]

Anche se in pericolo di estinzione, nei luoghi d'origine è ancora oggetto di pesca per l'esportazione commerciale per l'acquariofilia. La maggior parte dei rivenditori occidentali però commercializza esemplari nati in cattività. È diffuso negli acquari. Generalmente pacifico e sta in compagnia con altre specie di pesci tropicali. Il soprannome "squalo" è usato per la linea affusolata e le lunghe pinne, specie quella dorsale. Sono disponibili in commercio in modo molto diffuso, ma raggiungono dimensioni ragguardevoli e necessitano di vasche opportune. È un pesce saltatore e può farsi male saltando contro il coperchio delle vasche. Sono pesci robusti che tollerano cambiamenti di temperatura, pH, e altri fattori che danneggerebbero altre specie. Il pH dell'acqua dovrebbe attestarsi su 6.0–8.0. La durezza dell'acqua dovrebbe essere tra leggera e media (5.0–12.0 dGH). La temperatura tenuta tra 22–28 °C. La specie preferisce essere tenuta in gruppi di due o più esemplari (possono comunque sopravvivere da soli). Necessitano di acquari chiusi in quanto sono gran saltatori.[3]

5balasharks.jpg

Esemplari molto giovani generalmente vengono tenuti in vasche piccole. Data la loro dimensione da adulti necessitano successivamente di spazi adeguati. Gli acquariofili dibattono sulla reale necessità di volume d'acqua minima, raccomandano almeno una vasca di base 180cm. FishBase raccomanda 150cm. Altri considerano troppo grandi gli esemplari da poterli considerare da acquario domestico; solo enormi vasche possono essere considerate accettabili. Uno stagno domestico è considerato accettabile. L'habitat naturale di questo pesce è spesso distrutto, e la specie considerata a rischio.

Crystal Clear app babelfish.png Mantenimento in acquario
Nota : Le informazioni qui mostrate sono solamente a titolo indicativo. Leggere attentamente il testo.
Origine Sudest asiatico Acqua dolce
Durezza dell'acqua da 5 a 12 °GH pH da 6 a 8
Temperatura da 22 a 28 °C Volume min. l
Alimentazione onnivoro Taglia da adulto 30 cm
Riproduzione oviparità Zone occupate
Socialità Gruppo Difficoltà Media

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Balantiocheilos melanopterus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2013.2, IUCN, 2013.
  2. ^ Pagina IUCN su Balantiocheilos melanopterus
  3. ^ Herbert R. Axelrod, Emmens, C.; Burgess, W.;Pronek, N., Exotic Tropical Fishes, T.F.H. Publications, 1996. ISBN 0-87666-543-1.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Fonti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci