Antonio Taffi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antonio Taffi
arcivescovo della Chiesa cattolica
Archbishop CoA PioM.svg
Titolo Arcivescovo titolare di Sergiopoli
Incarichi ricoperti Nunzio apostolico a Cuba

Nunzio apostolico in Nicaragua

Nunzio apostolico in Honduras

Canonico liberiano

Nato 11 dicembre 1897 a Farnese
Ordinato presbitero 19 febbraio 1921
Consacrato arcivescovo 8 giugno 1947 dal cardinale Benedetto Aloisi Masella
Deceduto 6 gennaio 1970 a Roma

Antonio Taffi (Farnese, 11 dicembre 1897Roma, 6 gennaio 1970) è stato un arcivescovo cattolico italiano e nunzio apostolico a Cuba, in Nicaragua e in Honduras.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque l'11 dicembre 1897 a Farnese, piccolo comune della provincia di Viterbo in diocesi di Acquapendente.

Ordinato sacerdote il 19 febbraio 1921, intraprese la carriera diplomatica che lo portò a lavorare nelle rappresentanze pontificie in Costarica, Haiti, Repubblica Domenicana, Argentina, Bolivia, Panama, Nicaragua e Brasile.

Dal 1941 al 1946 fu incaricato d'affari ad interim delle Nunziature Apostoliche in Costa Rica, in Nicaragua ed a Panama, nel periodo in cui il Nunzio Apostolico, designato dal 3 dicembre 1941, Luigi Centoz, arcivescovo titolare di Edessa di Osroene, a causa della Seconda Guerra Mondiale non poté raggiungere le sedi cui era stato destinato.

Papa Pio XII lo nominò a nunzio apostolico a Cuba, il 14 maggio 1947, e contemporaneamente arcivescovo titolare di Sergiopoli.

Ricevette l'ordinazione episcopale l'8 giugno di quello stesso anno per l'imposizione delle mani del cardinale Benedetto Aloisi Masella, fino all'anno precedente nunzio apostolico in Brasile, coconsacranti i vescovi Giuseppe Pronti e Francesco Pieri, rispettivamente di Acquapendente e di Orvieto, ma originario quest'ultimo di Acquapendente.

Il 9 gennaio 1950 fu trasferito alle nunziature di Nicaragua e Honduras; rassegnò le sue dimissioni da questi uffici nel 1958 e venne nominato canonico della Patriarcale Basilica Liberiana di Santa Maria Maggiore in Roma.

Partecipò a tutte e quattro le sessioni del Concilio Vaticano II.

Morì il 6 gennaio 1970 in Roma e, dopo le solenni esequie, nella Basilica Liberiana, presiedute dal cardinale arciprete Carlo Confalonieri, venne sepolto nella tomba di famiglia nel cimitero di Farnese.

Fu il consacrante principale dei vescovi Carlos Luis Geromini, ordinario di Santa Rosa de Copán in Honduras, l'8 giugno 1952, e Marco Antonio García y Suárez di Granada in Nicaragua, il 24 maggio 1953.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Successione apostolica.
  • Vescovo Carlos Luis Geromini
  • Vescovo Marco Antonio García y Suárez

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Dati riportati su www.catholic-hierarchy.org alla pagina [1]
  • GCatholic.org
  • Dati riportati su Nunciatura Apostólica en Cuba
  • Salvador Miranda: Episcopologio de la Iglesia Católica en Cuba (1517-2011).
  • Giuseppe De Marchi: Le Nunziature Apostoliche dal 1800 al 1956, Edizioni di Storia e Letteratura, Roma 1957

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Arcivescovo titolare di Sergiopoli Successore Archbishop CoA PioM.svg
Natale Gabriele Moriondo 14 maggio 1947 - 6 gennaio 1970 sede vacante
Predecessore Nunzio apostolico a Cuba Successore Flag of the Vatican City.svg
George Joseph Caruana 14 maggio 1947 - 9 gennaio 1950 Giuseppe Burzio
Predecessore Nunzio apostolico in Honduras Successore Flag of the Vatican City.svg
Liberato Tosti 9 gennaio 1950 - 1958 Sergio Portalupi
Predecessore Nunzio apostolico in Nicaragua Successore Flag of the Vatican City.svg
Liberato Tosti 9 gennaio 1950 - 1958 Sergio Portalupi

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]