Antonio Sanfilippo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Antonio Sanfilippo (Partanna, 8 dicembre 1923Roma, 31 gennaio 1980) è stato un pittore italiano, che con la sua pittura ha contribuito dal 1945 all’affermazione dell'astrattismo in Italia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il Gruppo Forma 1

Artista tra i più importanti dell'arte italiana ed europea del secondo dopoguerra, nasce nel 1923 a Partanna in provincia di Trapani. Dopo gli studi al Liceo artistico di Palermo, dove è allievo di Michele Dixit e, per Storia dell'arte, di Guido Ballo, frequenta l'Accademia di belle arti di Firenze, allievo di Felice Carena, e l'Accademia di belle arti di Palermo, allievo di Giovanni Rosone, e si avvicina al Neocubismo.

Nel 1947 aderisce al formalismo e firma, con gli amici Pietro Consagra, Ugo Attardi, Piero Dorazio, Mino Guerrini, Achille Perilli, Giulio Turcato e con Carla Accardi, che sposerà nel 1949, il manifesto del Gruppo Forma 1 dando vita all'omonimo gruppo di avanguardia di ispirazione marxista: "Noi ci proclamiamo formalisti e marxisti, convinti che i termini marxismo e formalismo non siano inconciliabili", si legge nel primo ed unico numero della rivista Forma pubblicato il 15 aprile 1947.

Espone alla XXIV Biennale di Venezia del 1948; parteciperà anche alle edizioni del 1954 e del 1964 e, con una sala personale, a quella del 1966; nel 1948 partecipa alla Rassegna nazionale di arti figurative (V Quadriennale Nazionale d'Arte) di Roma; esporrà anche alla VII Quadriennale di Roma del 1955. La sua fu sempre una ricerca basata sul segno.

Muore a Roma in un incidente stradale il 31 gennaio del 1980 all'età di 56 anni.

Sue opere sono presenti nella Galleria nazionale d'arte moderna e contemporanea di Roma (GNAM) (Sala 19: Evoluzione e approdi dell'arte astratta: Paesaggio, 1949) e alla Galleria La Salerniana di Erice.

Nel 2007 è stato pubblicato il Catalogo generale di Antonio Sanfilippo.[1]

Antonio Sanfilippo nei musei[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Antonio Sanfilippo, Catalogo generale dei dipinti dal 1942 al 1977. Testi di Giuseppe Appella e Fabrizio D'Amico, Consulenza d'archivio di Antonella Sanfilippo. De Luca Editori d'arte. Roma, 2007.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Benedetto Patera, "Antonio Sanfilippo. La poesia del segno-colore", supplemento alla rivista Kalós, n. 3/4, 1991

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]