Andrée Chedid

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Andrée Chedid (in arabo: أندريه شديد) (Il Cairo, 20 marzo 1920Parigi, 6 febbraio 2011) è stata una poetessa e scrittrice egiziana naturalizzata francese. Nata da genitori libanesi, sognava di fare la ballerina ma a 21 anni sposò uno studente in medicina da cui ebbe due figli: il cantante Luis Chedid e la pittrice Michèle Chedid-Koltz, famosa presso il ducato di Lussemburgo.

La tomba del poeta situata nel cimitero di Montparnasse

Da giovane ha studiato presso scuole francesi, successivamente si è laureata presso l'Università Americana del Cairo. Torna nella sua terra d'origine con suo marito nel 1942 ma già nel 1946 la lascia per trasferirsi definitivamente a Parigi dove comincia a pubblicare le sue raccolte di poesie.

La sua opera è caratterizzata da una continua interrogazione sulla condizione umana e sui legami fra l'uomo e il mondo. Dalle sue pagine traspirano la sensualità e i profumi dell'Oriente ma anche il dolore che lei prova parlando della guerra che strazia il "suo" Libano.

È scomparsa nel 2011 all'età di 90 anni.


Poesia[modifica | modifica wikitesto]

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • Le cœur et le Temps (1976)
  • Lubies (1979)
  • L'autre (1981), da cui è stato tratto il film del regista Bernard Giraudeau
  • Le cœur suspendu (1981)
  • Mon ami, mon frère (1982)
  • L'Étrange Mariée (1983)
  • Derrière les visages (1984)
  • Grammaire en fête (1984)
  • Le Survivant (1987)
  • Les manèges de la vie (1989)
  • L'enfant multiple (1989)
  • Les métamorphoses de Batine (1994)

Romanzi e novelle[modifica | modifica wikitesto]

  • Le sommeil délivré (1952)
  • Jonathan (1955)
  • L'autre (1969), "L'altro" (2010), Edizioni Saecula
  • La Cité fertile (1972)
  • Le sixième jour (1960), da cui è tratto il film del 1986 del regista Youssef Chahine.
  • Le Survivant (1963).
  • L'étroite Peau (1965)
  • Nefertiti et le rêve d'Akhnaton (1974)
  • Les Corps et le Temps (1979)
  • Les marches de sable (1981)
  • La maison sans racines (1985)
  • L'après-midi du majordome (1988)
  • La balade des siècles (1988)
  • À la mort, à la vie (1992)
  • Les saisons de passage (1996)
  • La femme de Job (1993)
  • L'enfant des manèges
  • "Le Message" ([2000])
  • Petite terre, Vaste rêve (2002)
  • La Chèvre du Liban(?)
  • "L'écharpe" ([?])

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Bérénice d'Égypte, Les Nombres, Le Montreur (1981)
  • Échec à la reine, Le Personnage (1984)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 111004523 LCCN: n/50/36246