al-Shahrastani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Tāj al-Dīn Abū al-Fatḥ Muḥammad ibn ʿAbd al-Karīm al-Shahrastānī noto come al-Shahrastānī (Shahristān, 1086Shahristān, 1153) è stato un filosofo, teologo e storico persiano, influente storico delle religioni e specialista di eresie nell'ambito dell'Islam.

È stato uno dei pionieri nello sviluppo di un approccio scientifico negli studi religiosi.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Al-Shahrastānī nacque nella città di Shahristān nell'attuale Repubblica del Turkmenistan, confinante con l'odierno Iran e Afghanistan, in quella vasta area denominata Khorasan. In seguito si trasferì a Nīshāpūr in Persia per la sua formazione giovanile.
All'età di 30 anni si mosse verso Baghdad per intraprendere un corso di studio teologico triennale presso la scuola prestigiosa ash'arita hanafita, chiamata Niẓāmiyya (perché fondata dal visir selgiuchide Niẓām al-Mulk) e proprio a Baghdad ottenne i suoi primi incarichi.
Una volta rientrato in Persia lavorò come politico presso la cancelleria di Sanjar, governatore selgiuchide del Khorasan. Alla fine della sua vita ritornò a vivere nella sua città nativa, luogo nel quale morì nell'anno 1153.

Al-Shahrastānī è stato identificato come un mutakallim ash'arita. Secondo vari storici tuttavia al-Shahrastānī avrebbe praticato la taqiyya, quindi un occultamento della propria fede (nel suo caso ismailita), e un'adesione puramente formale al sunnismo, allo scopo di sfuggire a difficoltà, se non addirittura a una persecuzione, di tipo religiose.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Al-Shahrastānī si è distinto per l'aspirazione di descrivere nel modo più obiettivo possibile la storia delle religioni universali dell'umanità. Questo suo desiderio è stato impresso nel suo lavoro monumentale intitolato Kitāb al-Milal wa al-Niḥal (Il libro delle sette e delle fedi religiose), che annovera e presenta i punti di vista dottrinali di tutte le religioni e le filosofie esistite sino a quel tempo.

Oltre alla sua opera principale, la originalità e l'importanza del pensiero espresso nei lavori teologici e filosofici di al-Shahrastani sono manifestati nelle sue altre opere maggiori, tra le quali:

  • La Nihāyat al-aqdām fī ʿilm al-kalām (rapporto tra scienza e teologia che presenta differenti discussioni teologiche ed evidenzia i limiti della teologia musulmana (kalām).
  • Il Majlis al-khalq wa l-ʿamr (Convegno sulla creazione e l'ordine) è un discorso, scritto durante il periodo maturo della sua vita.
  • La Muṣāraʿat al-falāsifa (discute con i filosofi e in particolar modo critica la dottrina di Ibn Sina (Avicenna) enfatizzando alcune peculiari argomentazioni ismailite sulla divisione del tempo).
  • Le Mafātīḥ al-asrār wa maṣābīḥ al-abrār (introduzione al Corano arricchita da un esauriente commentario dei primi due capitoli del Corano.

Ash'arita o ismailita ?[modifica | modifica wikitesto]

Risulta complicato persino oggi inquadrare ed etichettare con esattezza le credenze di al-Shahrastani, data l'enorme varietà sia filosofica sia teologica del suo lessico e del suo pensiero. Egli fu un abile e arguto pensatore, come evidenziano le varie intricate tradizioni e le nozioni (Imam) trovate nei suoi scritti. Spesso si esprimeva in forma allegorica oppure parlava in forma indiretta utilizzando simbologie, preferendo utilizzare un suo vocabolario piuttosto che prendere spunto da quello tradizionale. Per tutta questa serie di ragioni, molti studenti che affrontano le opere di al-Shahrastani sono ancora oggi indecisi sulla sua identità religiosa.

Al-Shahrastani viene generalmente considerato un seguace della teologia degli ashariti, anche se alcuni studiosi, anche contemporanei, come ad esempio Wilferd Madelung, Jean Jolivet e Guy Monnot, ritengono che il suo lavoro rispecchi maggiormente la tradizione ismailita, mentre attribuiscono le sue manifestazioni vicine alla scuola degli ashariti, ad una pratica di taqiyya, ovvero una dissimulazione religiosa, in quanto la corrente ismailita era perseguitata il quel periodo storico.

Filosofia[modifica | modifica wikitesto]

Al-Shahrastani si mostrò critico nei confronti degli ash'ariti per quanto riguarda il tema della creazione, della quale Dio è l'unico agente che suddivise in due parti il mondo: quello spirituale e quello fisico; inoltre discusse con gli ash'ariti della impeccabilità del Profeta; attaccò Avicenna riguardo alle conoscenze universali ma non necessariamente particolari dell'Essere Necessario. Proclamò l'unicità di un Dio unico e trascendentale, indefinibile che possiede attributi non condivisibili dagli esseri umani, visto che è al di sopra di ogni umana comprensione.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Danish-Pazhuh, Muhammad Taqi, "Dāʿi al-duʿāt Taj al-din-i Shahrastana." Nama-yi astan-i quds, 1968. vol. 7, pp. 77–80.
  • (EN) Danish-Pazhuh, Muhammad Taqi, "Dāʿi al-duʿāt Taj al-din-i Shahrastana." Nama-yi astan-i quds, 1969, vol. 8, pp. 61–71.
  • (FR) Gimaret, Daniel, Monnot, Guy and Jolivet, Jean, Livre des religions et des sectes. 2 vols. Belgio, Peeters: UNESCO, 1986-1993.
  • (FR) Jolivet, Jean, "Al-Shahrastânî critique d'Avicenne dans la lutte contre les philosophes (quelques aspects)," Arabic Sciences and Philosophy, 2000, vol. 10, pp. 275–292.
  • (DE) Madelung, Wilferd, "Ash-Shahrastanis Streitschrift gegen Avicenna und ihre Widerlegung durch Nasir ad-din at-Tusi." Akten des VII. Kongresses für Arabistik und Islamwissenschaft, Abhandlungen der Akademie des Wissenschaften in Göttingen, 1976, vol. 98, pp. 250–9.
  • (FR) Monnot, Guy, "Islam: exégèse coranique." Annuaire de l'École Pratique des Hautes Études, 1983-84, vol. 92, pp. 305–15.
  • (FR) Monnot, Guy, "Islam: exégèse coranique." Annuaire de l'École Pratique des Hautes Études, vol. 95, pp. 253–59.
  • (FR) Monnot, Guy, "Islam: exégèse coranique." Annuaire de l'École Pratique des Hautes Études, vol. 96, 1987-1988, pp. 237–43.
  • (FR) Monnot, Guy, 1996 «Shahrastani», su: Encyclopédie de l'islam, 1996, vol. 9, pp. 220–22.
  • (FR) Monnot, Guy, 1999 Book review of La pensée philosophique et théologique de Shahrastani (m. 548/1153) by Diane Steigerwald in: Bulletin critique des annales islamologiques, vol. 15, pp. 79–81.
  • (EN) Monnot, Guy, 2001 Book review of Majlis-i maktub-i Shahrastani-i mun'aqid dar Khwarazm. Ed. Muhammad Rida R. Jalali Na'ini and translated into French by Diane Steigerwald in Majlis: Discours sur l'ordre et la création. Sainte-Foy (Québec): Les Presses de l'Université Laval in Bulletin critique des annales islamologiques, vol. 17.
  • Naʿini, Jalāli, Sharh-i Ḥāl wa Athar-i Ḥujjat al-Ḥaqq Abu al-Fatḥ Muḥammad b. ʿAbd al-Karim b. Aḥmad Shahrastāni. Tehran, 1964.
  • al-Nuʿmān, Abū Ḥanīfa, 1956 Al-Risāla al-Mudhhiba. In: Khams Rasāʾil Ismāʿīliyya. Ed. ʿĀrif Tāmir, Beirut.
  • (DE) Al-Shahrastānī, Abū al-Fatḥ Ibn ʿAbd al-Karīm, 1850 Kitāb al-Milal wa al-Niḥal. Trans. Theodor Haarbrücker in Religionspartheien und Philosophen-Schulen. Vol. 1 Halles.
  • (EN) Al-Shahrastānī, Abū al-Fatḥ Ibn ʿAbd al-Karīm, 1923 Kitāb al-Milal wa al-Niḥal. Ed. William Cureton in Books of Religions and Philosophical Sects. 2 vols. Leipzig: Otto Harrassowitz (reprint of the edition of London 1846).
  • (EN) Al-Shahrastānī, Abū al-Fatḥ Ibn ʿAbd al-Karīm, 1934 Nihāyat al-Aqdām fī ʿIlm al-Kalām. Ed. and partially trans. Alfred Guillaume, in The Summa Philosophiae of Shahrastani. Oxford: Oxford University Press.
  • Al-Shahrastānī, Abū al-Fatḥ Ibn ʿAbd al-Karīm, 1366-1375/1947-1955 Kitāb al-Milal wa al-Niḥal. Ed. Muḥammad Fatḥ Allāh Badrān, 2 vols. Cairo.
  • Al-Shahrastānī, Abū al-Fatḥ Ibn ʿAbd al-Karīm, 1396/1976 Muṣāraʿat al-falāsifa. Ed. Suhayr M. Mukhtār. Cairo.
  • Al-Shahrastānī, Abū al-Fatḥ Ibn ʿAbd al-Karīm, 1989 Mafātīḥ al-asrār wa-masābīḥ al-abrār. Tehran.
  • (FR) Al-Shahrastānī, Abū al-Fatḥ Ibn ʿAbd al-Karīm, 1998 Majlis-i maktub-i Shahrastāni-i munʿaqid dar Khwārazm. Ed. Muḥammad Riżā R. Jalāli Naʾini and translated into French by Diane Steigerwald in Majlis: Discours sur l'ordre et la création. Sainte-Foy (Québec): Les Presses de l'Université Laval.
  • (EN) Al-Shahrastānī, Abū al-Fatḥ Ibn ʿAbd al-Karīm, 2001 Muṣāraʿat al-falāsifa. Ed. and translated by Wilferd Madelung and Toby Mayer in Struggling with the Philosopher: A Refutation of Avicenna's Metaphysics. London: I.B. Tauris.
  • (FR) Steigerwald, Diana, 1995 "L'Ordre (Amr) et la création (khalq) chez Shahrastani." Folia Orientalia, vol. 31, pp. 163–75.
  • (EN) Steigerwald, Diana, 1996 "The Divine Word (Kalima) in Shahrastani's Majlis." Studies in Religion/Sciences religieuses, vol. 25.3, pp. 335–52.
  • (FR) Steigerwald, Diana, 1997 La pensée philosophique et théologique de Shahrastani (m. 548/1153). Sainte-Foy (Québec): Les Presses de l'Université Laval.
  • (FR) Steigerwald, Diana, 1998 "La dissimulation (taqiyya) de la foi dans le shi'isme ismaélien." Studies in Religion/Sciences religieuses, vol. 27.1, pp. 39–59.
  • (EN) Steigerwald, Diana, 2001 Book review of al-Shahrastānī, Kitāb Muṣāraʿat al-falāsifa (Struggling with the Philosopher: A Refutation of Avicenna's Metaphysics), edited and translated by Wilferd Madelung and Toby Mayer, London, Tauris, 2001 in Studies in Religion/Sciences religieuses, vol. 30.2, pp. 233–234.
  • (EN) Steigerwald, Diana, "The Contribution of al-Shahrastani to Islamic Medieval Thought." In Reason and Inspiration: Islamic Studies in Honor of Hermann A. Landolt. London: I.B. Tauris, 2005.

Controllo di autorità VIAF: 90052220 LCCN: n83043209

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie