Adolfo Apolloni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
sen. Adolfo Apolloni
Stemma del Regno d'Italia Parlamento del Regno d'Italia
Senato del Regno d'Italia
Adolfo Apolloni
Luogo nascita Roma
Data nascita 1º marzo 1855
Luogo morte Roma
Data morte 19 ottobre 1923
Professione Scultore
Legislatura XXV
Adolfo Apolloni

Sindaco di Roma
Durata mandato 8 giugno 1919[1] –
25 novembre 1920[2]
Predecessore Prospero Colonna
Successore Luigi Rava
Adolfo Apolloni - Monumento funerario ad Agostino Chigi (1915). Basilica di Santa Maria del Popolo, Roma

Adolfo Apolloni (Roma, 1º marzo 1855Roma, 19 ottobre 1923) è stato uno scultore italiano.

Vita[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver studiato all'Accademia di San Luca, Apolloni si trasferì nel 1879 a Boston, dove insegnò scultura e disegno al Conservatorio di Musica. In seguito si trasferì a Providence (Rhode Island), dove conobbe e sposò sua moglie Martha, nel 1883.

Partecipò alla III Esposizione internazionale d'arte di Venezia del 1899.

Dal 1900 al 1922, presiedette la Regia Scuola d'arte applicata all'industria di Fano (che dopo la sua morte fu a lui intitolata).

Assessore comunale per le Antichità e belle arti del Comune Roma nel 1905 e nel 1914, tra il giugno del 1919 e il novembre del 1920 fu Sindaco di Roma. Nell'ottobre del 1919 fu nominato Senatore del Regno.

Nel 1919 eseguì una copia in travertino della Fontana delle Api di Gianlorenzo Bernini, oggi collocata all'ingresso di Via Veneto.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Grand'Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine della Corona d'Italia
Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro

Opere[modifica | modifica sorgente]

Ritratti[modifica | modifica sorgente]

  • Marchesa Corsini di Laiatico
  • Isabella Kemp
  • Autoritratto (alla Galleria Comunale d'Arte Moderna e Contemporanea di Roma)
  • Dante corrucciato (al Senato della Repubblica)

Sculture simboliche[modifica | modifica sorgente]

  • Il violinista
  • Il Telefono
  • La Scultura (all'Accademia di San Luca e gesso alla Scuola d'Arte di Fano)
  • Dea Roma

Fontane[modifica | modifica sorgente]

  • La vendemmia (nell'atrio dell'Albergo Excelsior del Lido di Venezia)
  • L'orso col cane e col gatto (nella Villa Celere di Roma, oggi scomparsa)

Sculture celebrative[modifica | modifica sorgente]

Decorazioni[modifica | modifica sorgente]

  • Palazzo Lubin (nella Villa Borghese a Roma)
  • Prospetto epigrafico di Porta Pia (nel punto della Breccia)
  • svariate medaglie di soggetto patriottico e celebrativo

Opere architettoniche e scultoree[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Vita italiana, Volume 20, Presidenza del Consiglio dei ministri, Servizio delle informazioni, 1970, pg. 862.
  2. ^ Scheda di Adolfo Apolloni sul Sito del Senato

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Sindaco di Roma Successore Roma-Stemma.png
Prospero Colonna 8 giugno 1919 - 25 novembre 1920 Luigi Rava