Acqua di Colonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lettera di Giovanni Maria Farina di spedizione del nuovo profumo tratta dal registro della corrispondenza del 1716
Prospetto informativo del 1825 di Jean-Marie Farina (1785-1864), rue St.Honoré n° 333, Parigi, sull'Eau admirable dite de Cologne che - si legge - dal 13 gennaio 1727 Non ha cessato di godere della più grande reputazione, inventata da Paolo Feminis, il cui segreto fu confidato a Giovanni Antonio Farina e da questo trasmesso a Jean-Marie Farina
Fattura EAU DE COLOGNE di Giovanni Maria Farina in Colonia 1760
Casa Farina in Santa Maria Maggiore
Prospetto informativo del 1786 di Aziende Jean Antoine Farina in cui si attesta che la formula della sua Eau admirable de Cologne gli è stata data da Giovanni Paolo Feminis
Eau de Cologne prodotta da Johann Maria Farina di Colonia. 1811
Acqua di Colonia prodotta da Farina di Colonia. 1938

L'Acqua di Colonia è una soluzione di oli eterici in etanolo diluito (80-90%). Nella sua versione originale[1] l'Acqua di Colonia contiene da un 7 ad un 15% d'essenza di profumo[2].

L'Acqua di Colonia è composta da circa 25/30 essenze diverse. La base essenziale è il bergamotto, cui si aggiungono quella di: limone, arancia, mandarino, limetta, cedro e pompelmo. Inoltre può contenere olio di lavanda, neroli, rosmarino, timo, petitgrain, olio di gelsomino ed issopo.

L'Acqua di Colonia si differenzia dall'Eau de Toilette così come dall'Eau de Parfum per la differente quantità di essenza di profumo: essa, infatti, ne contiene dal 3% al 5%.

Attualmente il nome Acqua di Colonia Originale (Echt Kölnisch Wasser oppure Original Eau de Cologne) identifica un prodotto ad indicazione geografica protetta di Colonia[3].

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Recenti studi hanno attribuito l'invenzione della formula dell'Aqua mirabilis a Giovanni Paolo Feminis (ca 1660-1736), originario di Crana, piccola borgata che oggigiorno fa parte del comune di Santa Maria Maggiore, nella Valle Vigezzo (vallata che assieme ad altre formano la Val d'Ossola nel Nord Piemonte ed a pochi chilometri dal confine svizzero), emigrato in giovanissima età in Germania e stabilitosi a Colonia nel 1693, proveniente da Magonza. Importante, per il successo della sua attività, fu l'amicizia e il sostegno di un mercante vigezzino emigrato a Maastricht, Giovanni Maria Farina (1657-1732). La creazione del prodotto era stata attribuita in precedenza da alcuni studiosi a Giovanni Maria Farina (1685-1766), commerciante originario di Santa Maria Maggiore (Italia) in Valle Vigezzo, anche lui emigrato a Colonia insieme a due fratelli e nipote di Giovanni Maria di Maastricht.

A Feminis si deve la creazione di un'essenza profumata chiamata Aqua Mirabilis[4]. La formula di quell'Acqua passò alla morte di Feminis nelle mani del suo aiutante, Giovanni Antonio Farina (1718-1787), figlio di Carlo Gerolamo (1693-1762), come lo stesso attestò sulle etichette dei flaconi di profumo[5]. Una sentenza della Suprema corte dell'Impero tedesco[6], a Colonia, stabilì nel 1907 che l'inventore dell'Acqua di Colonia fu Giovanni Paolo Feminis. Altrettanto certo è che un'Acqua di Colonia venne prodotta e diffusa anche da Johann Maria Farina (1685-1766)[7] e dai suoi discendenti.

Il successo del distillato, che si diffuse in Europa con il nome di Eau de Cologne[8][9], creò una forte concorrenza e diede luogo a molti contenziosi per la tutela del nome e del marchio e per contrastare le contraffazioni. Si trattava di un profumo nuovo e in contrapposizione con le pesanti essenze usate all'epoca. Durante il XVIII secolo, Giovanni Antonio e Giovanni Maria Farina (1685-1766) fecero di Colonia[10] la città del profumo, rendendola famosa a livello mondiale. Le ditte che produssero Acqua di Colonia con o senza il nome Farina si moltiplicarono esponenzialmente e con esse i processi: uno nel 1736, fino a contarne trentanove nella sola Colonia nel 1865[11].

Amata ed utilizzata da grandi personalità quali Goethe[12], Napoleone, Voltaire o la regina Vittoria, l'Acqua di Colonia veniva esportata in tutto il mondo[13].

Nel 1900 poi, in occasione di un'esposizione organizzata dalla città di Colonia, artisti come Klee, Macke e Kandinskij disegnarono alcuni progetti per una nuova linea di confezioni dell'Acqua di Colonia. Al termine della rassegna vennero scelti i disegni di Kandinskij.

Produttori[modifica | modifica sorgente]

Buona notorietà ha il marchio 4711 attualmente prodotto dall'azienda Mäurer & Wirtz di Colonia in passato prodotto e commercializzato dall'azienda famigliare Mühlens GmbH & Co. KG nella Glockengasse.

Un grande produttore di Acqua di Colonia fu un altro Farina, Jean-Marie Farina, che a Parigi creò nel 1806 la famosa Maison Jean Marie Farina[14] di rue St Honoré n° 333, di fronte al mercato e ai Giacobini, venduta nel 1840 a Jacques Collas. Quindi nel 1862 l'azienda venne ceduta ad Armand Roger et Charles Gallet per la somma elevatissima di 200.000 franchi. Roger&Gallet registrò in Francia il 17 maggio 1907, con il numero 6108, il marchio Eau de Cologne Jean-Marie Farina Extra Vieille[15].

A. Maout scrisse nel 1865 un poema comico, illustrato da Jules Chéret, in cui, tra gli altri, si prende alla berlina il proliferare di ditte con il nome Farina

Nel 2006 la Roger&Gallet festeggiò i duecento anni della creazione della Jean-Marie Farina Eau de Cologne, creando anche un apposito flacone di Acqua di Colonia in cui galleggiavano pagliuzze d'oro.[16]

Ricette[modifica | modifica sorgente]

Le ricette per fare l'acqua di Colonia sono sempre state segrete e ancor oggi i profumieri produttori non pubblicano le loro formule sull'etichetta; qui di seguito alcune ricette per fare l'acqua di Colonia:

Paolo Carrara, maestro distillatore, dedica il capitolo 18° ad uno spirito composito detto acqua di Colonia e riporta 3 ricette: la prima di Giovanni Maria Farina.

Pietro Valsecchi, distillatore e liquorista, nel capitolo Miscellanea e segreti utili, trattando l'acqua di Colonia, ci avvisa che esiste una moltitudine di ricette per fabbricare l'acqua di Colonia, molte delle quali danno prodotti di qualità inferiore e vendute a prezzo esorbitante. Seguono le ricette per distillare l'acqua di Colonia, dei principali produttori dell'epoca, che sono Giovanni Maria Farina, Paolo Feminis, del Codice, di Cadet-Gassicourt, di Vourland, di Pléney, di Dyon, di Fabré detta anche acqua dei Templari.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Acqua di Colonia originale. Guide Europe. 2007.
  2. ^ Orientarsi nel mondo dei profumi e degli aromi Vivo di benessere.
  3. ^ (EN) 4711 Echt Kolnisch Wasser Original Eau de Cologne. Make up alley.
  4. ^ Accademia del profumo: Il XVII secolo: acqua di colonia
  5. ^ Claudio Mori: Conclusa la querelle su chi inventò l'Acqua di Colonia?, Gazzetta del Sud, 3 marzo 2009 pag.18.
  6. ^ Ernst Aug. Utescher, Der Mailand Prozess, 1951, Berlin, Carl Heymanns Verlag K G.
  7. ^
    « … nostro fratello Carlo ci a scrito che non avete piu de la nostra aqua admirable p ciò et che hogi con il caro di posta imperiale vi navemo mandio in un pacchetto in tela cirata di segno M+C tre casete, due da 6 B et una da 12 B intuto 24 botelie. »
    (Giovanni Maria Farina scrisse in una lettera al Sign. Mattey di Frankfurt, 19.04.1725 , (RWWA Abt 33, BB1))
  8. ^ All'Aqua mirabilis venne dato il nome di Eau de Cologne quando le truppe francesi nel 1800 entrarono in Colonia, cfr. Storia Illustrata della città di Colonia ed.1956: Gli ufficiali, che stimavano molto quest'acqua profumata, la chiamarono nella loro lingua ufficiale, Eau de Cologne. Tanto è vero che questa denominazione venne abbandonata anche in Germania nel 1914 per essere sostituita con quella più nazionale di Kolnisch Wasser
  9. ^ Acqua di Colonia, l'invenzione di Giovanni Paolo Feminis.
  10. ^ La produzione di Acqua di Colonia secondo la ricetta di Farina è attualmente affidata all'azienda Johann Maria Farina gegenüber dem Jülichs-Platz (letteralmente Giovanni Maria Farina di fronte alla piazza di Jülich). Il particolare nome deriva dal fatto che le case non possedevano ancora numeri civici ed era perciò difficile indicarle senza descriverne l'esatta posizione.
  11. ^ Alcune ditte che producevano Aqua mirabile detta di Colonia: Zur Stadt Mailand di Giovanni Antonio Farina (1718-1787), Colonia; Johann Maria Farina (1685-1786), Colonia, in piazza Julichs; Franz Maria Farina di Ferdinando Mulhens, Colonia; Zur Stadt Turin di Johann Maria Farina (1755-1813) figlio di Giovanni Antonio; Jean-Marie Farina fondata a Parigi nel 1806 da Jean-Marie Farina (1785-1864); Johann Maria Farina in piazza Georgs, Colonia, attiva nel 1899
  12. ^ In una sua lettera del 9 maggio 1802 al pittore Hoffmann di Colonia Goethe scrive tra l'altro: Cogliendo l´occasione vorrei pregarVi di inviarmi una cassettina con 6 boccette di Eau de Cologne, l´importo restante delle quali io verserò volentieri. Cosa che prontamente Hoffmann fece il successivo 22 maggio.
  13. ^ All'inizio della produzione l'Acqua di Colonia veniva confezionata in piccole bottiglie dalla forma allungata dette rosolie. Esse venivano riempite per mezzo di un piccolo bricco d'ottone, sigillate con la cera lacca, etichettate, incartate e ulteriormente poste in una cassettina di legno che ne facilitava il trasporto. In seguito, siccome durante il trasporto di queste confezioni verso paesi caldi molte bottiglie esplodevano a causa delle alte temperature, si ideò una bottiglia detta “a champagne” che garantiva l'integrità della bottiglia e ne facilitava dunque la spedizione.
  14. ^ Nel prospetto informativo della sua Acqua, Jean Marie Farina scrive: Annunciando l'Acqua mirabile detta Eau de Cologne, il cui segreto è stato lasciato a me, è Jean-Marie Farina, nipote di Gian Antonio Farina, uno dei più antichi distillatori di Colonia, pronipote di Paolo Feminis, primo inventore, devo consacrare e giustificare la qualità superiore della mia Eau, utilizzata da centocinquanta anni, mettendo in mostra gli illustri titoli di cui sono onorato dalle Corti di Francia e di Germania, delle quali sono l'unico fornitore.
  15. ^ Sulle etichette vi era scritto tra l'altro:... Le qualità dell'Acqua di Colonia Jean-Marie Farina hanno fatto nascere la contraffazione. A Colonia ci sono più di venti ditte che usurpano il nome di Jean-Marie Farina...
  16. ^ Nel foglietto illustrativo del flacone di profumo vi era scritto: Nel 1806, Jean-Marie Farina, erede della formula segreta dell'Eau de Cologne, arriva a Parigi e si installa come profumiere in via Saint-Honoré. L'Eau de Cologne Jean-Marie Farina conosce un successo immediato. Napoleone ne scopre i benefici e ne fa un uso così abbondante che viene soprannominata l'Eau de Cologne Impériale. Nel 1862, Armand Roger e Charles Gallet acquisiscono la maison Jean-Marie Farina. Il marchio Roger et Gallet nasce così; ricerca e creatività diventano allora le parole maestre della ditta. Nel 1879, inventano il primo sapone tondo profumato con la sua, ormai celebre, carta di seta spiegazzata e il suo anello. L'Eau de Cologne Jean-Marie Farina, quanto a lei, si adorna di belli e numerosi flaconi tra cui il prestigioso flacone Emeri ancor oggi sigillato a mano.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Pierre Bachoffner, Sur une fausse véritable Eau admirable de Cologne, 1987, Parigi, Revue de l'Histoire de la Pharmacie, XXXIV, 6, pp. 130–132
  • Silvia Ceccomori, Acqua di Colonia, l'invenzione di G. P. Feminis e altre storie della Valle Vigezzo, a cura di Arnaldo Ceccomori e Claudio Mori, 2009, Blurb editore
  • Markus Eckstein: Eau de Cologne 300 Anni Farina, Bachem Verlag, Colonia 2009, (Italiano) ISBN 978-3-7616-2316-9
  • Giovanni Fenaroli, L. Maggesi: [Acqua di Colonia]. In: Rivista italiana essenze, profumi, piante offizinali, olii vegetali, saponi, Jg. 42 (1960).
  • Louis Irissou, Sur l'origine de l'Eau de Cologne, Revue d'Histoire de la Pharmacie, 1951, pp. 262
  • Francesco La Face: Le materie prime per l'acqua di colonia. In: Relazione al Congresso di Sta. Maria Maggiore 1960.
  • Ernst Rosenbohm, Kölnisch Wasser – ein Beitrag zur europäischen Kulturgeschichte, Berlin – Detmold – Köln – München 1951. La seconda parte dello studio, dedicata a G. P. Feminis, alla famiglia Farina e allo sviluppo del prodotto Acqua di Colonia, fu redatta in collaborazione con l'avvocato E. A. Utescher.
  • Dr. Karl Kempkes, Kritische Betrachtungen zu dem Buche von Prof.Dr.Ernst Rosenbohm:"Kölnisch Wasser" 352 Seiten, Köln 1955.
  • Claudio Mori, Libri: Emigrazione,crisi economica e famiglie nel '6-700 / Luigi Rossi studia documenti inediti su Piemonte e i Farina, 15 giugno 2009, Roma, Ansa
  • Luigi Rossi, Una storia profumata in Le Rive 3 / 1999, Casale Corte Cerro (Verbania)
  • Luigi Rossi, J.P.F. - Aqua Mirabilis, 1995, Stanghella (Padova), ISBN 978-88-903859-0-2.
  • Luigi Rossi, Il Piemonte in Europa. 500 anni di emigrazione della Val Vigezzo: la famiglia Farina e l'Acqua di Colonia, Novara, Interlinea, 2009, ISBN 978-88-8212-679-7.
  • Sébastien Sabetay: Les Eaux de Cologne Parfumée. Sta. Maria Maggiore Symposium 1960.
  • Frederick V. Wells: Variations on the Eau de Cologne Theme. Sta. Maria Maggiore Symposium 1960.
  • Frederick V. Wells, Marcel Billot: Perfumery Technology. Art, science, industry. Horwood Books, Chichester 1981, ISBN 0-85312-301-2, pg. 25, pg. 278
  • Jürgen Wilhelm (edito da.): Das große Köln-Lexikon. Greven Verlag, Köln 2005, ISBN 3-7743-0355-X

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Moda Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Moda