Accademia di belle arti di Venezia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Facciata della sede attuale alle Fondamenta degli Incurabili

L'Accademia di Belle Arti di Venezia è un'accademia d'arte, ospitata, per quanto riguarda la sede centrale, nell'ex Ospedale degli Incurabili e con sedi distaccate presso l'Isola di San Servolo e in Villa Manin di Passariano di Codroipo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'istituzione nasce il 24 settembre 1750 per volontà del Senato veneto come "Veneta academia di pittura, scultura e architettura": il primo direttore fu Gianbattista Piazzetta, il primo presidente Giovanni Battista Tiepolo affiancato dai consiglieri Gianbattista Pittoni e Giovanni Maria Morlaiter.

Quattro erano gli insegnamenti principali: Figura, Ritratto, Paesaggio, Scultura, i cui Maestri venivano scelti di anno in anno fra i trentasei professori appartenenti al Collegio accademico. Nel 1768 fu istituito anche l'insegnamento di Prospettiva e Architettura. L'accademia veneziana, inoltre, si occupò subito del restauro di opere d'arte, in particolare pittoriche, tanto che Pietro Edwards, nel 1777, elaborò una sorta di Carta del Restauro ante-litteram e, nel 1819, fondò l'"Instituzione di una Formale Pubblica Scuola pel Ristauro delle danneggiate Pitture".

Nel 1807 venne riformata in "Accademia Reale di belle arti" e trasferita dalla prima sede del Fonteghetto della Farina ai locali dell'ex convento e Scuola di Santa Maria della Carità.

Già dal 1798 erano giunti nella sede dell'Accademia molti capolavori con finalità didattica, che costituirono l'embrione delle Gallerie dell'Accademia, aperte al pubblico dal 1817.

Fra gli artisti che insegnarono in Accademia si ricordano Piazzetta, Tiepolo, Hayez, Nono, Ettore Tito, Arturo Martini, Alberto Viani, Carlo Scarpa, Afro, Santomaso, Emilio Vedova, Riccardo Schweizer.

Sedi[modifica | modifica wikitesto]

Dopo 250 anni dalla fondazione, per permettere l'ampliamento del museo e per ospitare il sempre maggior numero di studenti iscritti, l'Accademia viene trasferita nel restaurato complesso dell'ex Ospedale degli Incurabili. Nel 2000 viene aperta anche una sede staccata a Villa Manin di Passariano, in Friuli-Venezia Giulia, sede inoltre di un centro di catalogazione e di un laboratorio di restauro.

Nel 2008 apre la succursale dell'Accademia di Belle Arti di Venezia nell'Isola di San Servolo, dove sono stati trasferiti i principali corsi dell'indirizzo "Nuove Tecnologie per le Arti".

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]