Luigi Nono (pittore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Raccolta delle patate, 1877 (Fondazione Cariplo)

Luigi Nono (Fusina, 8 dicembre 1850Venezia, 17 ottobre 1918) è stato un pittore italiano, esponente della scuola veneziana dell'Ottocento.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Fusina (oggi in comune di Venezia, allora località di Mira) da Francesco Luigi, impiegato alla dogana di origini bergamasche, e dalla sua seconda moglie Rosa Della Savia, nativa del Friuli. L'anno successivola famiglia si trasferì a Sacile, dove Luigi trascorse l'infanzia.

Iniziò gli studi tecnici a Treviso ma nel 1865 il padre, avendo notato la sua precoce attitudine al disegno, lo iscrisse all'Accademia di Belle Arti di Venezia.

Nel 1875 dipinse nella Piana Sacile, ai Camoi, "La Fanfara dei Granatieri"; poi nel 1876 soggiornò a Firenze, Roma e Napoli. Dopo il primo di questi viaggi dipinse "Primi passi", "Bambino malato" e "Sepoltura di un bambino". Partecipò a tutte le Biennali di Venezia, ove nel 1901 presentò anche una cospicua mostra personale. Nel 1881 espose a Milano "La morte del pulcino". Insegnò pittura alle Accademie di Belle Arti di Venezia e di Bologna. Dopo la scomparsa del padre visse a Venezia, dove anch'egli morì alla fine della prima guerra mondiale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]