Abdelmajid Lakhal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Abdelmajid Lakhal

Abdelmajid Lakhal, anche traslitterato ʿAbd al-Majid o Abdel Majid (Biserta, 29 novembre 1939Tunisi, 27 settembre 2014), è stato un regista e attore tunisino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Biserta il 29 novembre 1939, passa la sua infanzia e la giovinezza a Hammam-Lif.[1]

Parlava correntemente arabo e francese e comprendeva abbastanza bene italiano e inglese.[senza fonte]

Attività artistica[modifica | modifica wikitesto]

Abdelmajid Lakhal durante un momento di relax, 2007

Ricopre il suo primo ruolo nel 1948, a soli nove anni, in Khātimat al-naffāf ("La fine di un morfinomane"). A sedici anni sboccia la passione per il teatro: partecipa alla creazione del Gruppo Teatrale Jeunes Comédiens, nell'ambito del Circolo studentesco di Hammam-lif. Nel 1960 entra ufficialmente nel Conservatorio Nazionale di teatro, Musica e Danza di Tunisi, dove resta per tre anni. Nel 1964 adempie gli obblighi militari. Nel 1965 dirige Georges Dandin, o il marito confuso di Molière con la compagnia al-Nuhūd di Tunisi.

Nel 1966-67 lavora alla messa in scena di Flaminio (Robert Merle), di Yerma (Federico García Lorca) e de Il Maresciallo (da Le Bourgeois Gentilhomme di Molière). Nel 1968 è la volta dell'Amleto ad Hammamet, come assistente alla regia di Ali Ben Ayed. È del 1971 la sua prima regia professionistica, con Otto Donne di Robert Thomas. Nel 1974 è impegnato nella regia de Il mercante di Venezia di William Shakespeare.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Le prime trasmissioni televisive in Tunisia hanno avuto luogo nel 1966.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Abdelmajid Lakhal durante un'intervista, all'Hotel Saint Georges a Tunisi, 2006

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Gli ultimi lavori di Lakhal a teatro sono l'adattamento de Le baruffe chiozzotte di Carlo Goldoni (Baruf à Chioggia - El Khsuma) nel 2000 e 2001 e la rappresentazione di al-Nawres (Il gabbiano) di Anton Cechov nel 2005. Entrambi gli spettacoli hanno iniziato la tournée al Festival Internazionale di Cartagine per poi passare al teatro municipale di Tunisi.

Da tempo si era ritirato a vita privata, anche a causa di precarie condizioni di salute[2]. Abdelmajid Lakhal è morto il 27 settembre 2014; è stato sepolto il giorno stesso al cimitero di Boukornine, a Hammam Lif.[3][4][5][6]

Riconoscimenti e onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

  • 1983: 1º premio come attore protagonista al Festival delle Televisioni Arabe
  • 1989: Ufficiale al Merito

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Abdelmajid Lakhal in Shelf3d.com. URL consultato il 29 settembre 2014.
  2. ^ (FR) Mehdi Jomaa: l'Etat prendra en charge les frais de soins de l'artiste tunisien Abdelmajid Lakhal in Babnet Tunisie, 6 settembre 2014. URL consultato il 29 settembre 2014.
  3. ^ (FR) Nécrologie : décès de l'acteur Abdelmajid Lakhal in Tunivisions.net, 28 settembre 2014. URL consultato il 29 settembre 2014.
  4. ^ (FR) Décès de l’acteur Abdelmajid Lakhal in Mosaiquefm.net, 28 settembre 2014. URL consultato il 29 settembre 2014.
  5. ^ (FR) L’acteur Abdelmajid Lakhal n’est plus in Tunisie14.tn, 27 settembre 2014. URL consultato il 30 settembre 2014.
  6. ^ (EN) Actor and Director Abdelmajid Lakhal Passes Away in http://world.einnews.com, 29 settembre 2014. URL consultato il 2 ottobre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]