Ériu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ériu, detta anche Eri, nella mitologia irlandese è una delle dee patrone eponime dell'Irlanda.

Secondo la mitologia, Ériu aiutò i Gaelici nella conquista dell'isola irlandese, come descritto dal Libro delle Invasioni.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il nome inglese dell'Irlanda, Eire, viene proprio da Ériu e dalla parola che in antico norvegese o anglosassone significa terra.

Spiegazione mitologica[modifica | modifica sorgente]

Ériu, con le sorelle Fodla e Banba, faceva parte di un'importante triade divina.

Quando i Milesi giunsero dalla Spagna in Irlanda, ciascuna delle tre sorelle chiese che all'isola fosse dato il proprio nome. Ériu vinse, ma anche Banba fu spesso usato in poesia per indicare l'isola.

Secondo Seathrún Céitinn, Ériu venerava Macha la quale, come Badb, è spesso indicata come figlia di Ernmas; tutte e tre dee potrebbero essere equivalenti.

All'inizio Ériu fu una dea della guerra e della fertilità; lei, Banba e Fodhla sono interpretate come dee della sovranità; secondo Céitinn le tre dee andrebbero identificate con la triade Badhbh, Macha e Móirríoghan.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Seathrún Céitinn, Foras Feasa ar Érinn. CELT online translation

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Micha F. Lindemans, Ériu sulla Encyclopedia Mythica