Yersinia pestis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Bacillo della peste
Yersinia pestis.jpg
Yersinia pestis
Classificazione scientifica
Dominio Prokaryota
Regno Bacteria
Phylum Proteobacteria
Classe Gamma Proteobacteria
Ordine Enterobacteriales
Famiglia Enterobacteriaceae
Genere Yersinia
Specie Y. pestis
Nomenclatura binomiale
Yersinia pestis
(Lehmann & Neumann, 1896) van Loghem, 1944

La Yersinia pestis[1] (in passato chiamato Pasteurella pestis) è un batterio coccobacillo, gram-negativo, a forma di bastoncino, senza spore, appartenente alla famiglia delle Enterobacteriaceae, immobile e psicrofilo. Esso fa parte dei non coliformi, cioè non è in grado di fermentare il lattosio. Ha una catalasi (+), pertanto, è in grado di scindere l'acqua ossigenata in acqua e ossigeno. La sua fermentazione è acido mista e, se coltivato in terreni contenenti sangue, cresce meglio.

È un organismo anaerobico facoltativo in grado di infettare l'uomo attraverso la pulce del ratto orientale.[2] È responsabile della malattia della peste che, se contratta, può manifestarsi in tre forme principali: peste bubbonica, peste setticemica e peste polmonare.[2][3][4]

La peste presenta anche un effetto dannoso sui mammiferi non umani:[5] negli Stati Uniti, mammiferi come il cane della prateria dalla coda nera e il furetto dai piedi neri sono gravemente minacciati.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso della storia umana, tutte e tre le forme sono state responsabili di numerosi morti a seguito di una serie di epidemie, tra cui la peste di Giustiniano del VI secolo, la peste nera che uccise almeno un terzo della popolazione europea tra il 1347 e il 1353, la Grande peste di Londra del 1665 e la cosiddetta terza pandemia con cui si intende la peste moderna iniziata alla fine del XIX secolo in Cina e che, diffondendosi sui battelli a vapore, causò quasi 10 000 000 di morti.[6][7][8][9] Si suppone che tali epidemie abbiano anticamente avuto origine in Cina per poi diffondersi in occidente attraverso le rotte commerciali.[9][10] Una ricerca del 2018 ha suggerito che la Yersinia pestis possa essere stato la causa di ciò che è stato definito come periodo del "declino del mondo Neolitico", in cui le popolazioni europee diminuirono in modo significativo.[11]

Tracce di DNA di Yersinia pestis sono state rinvenute negli scheletri sepolti in dieci siti europei e del Maghreb interessati dalla pestilenze del XIV e del XVII secolo. In Italia, la presenza del bacillo è stata confermata a Venezia, Genova, Parma e nel Regno di Napoli.[12]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Peste del 1656.

Il batterio Yersinia pestis venne scoperto nel 1894 da Alexandre Yersin, un medico franco-svizzero, operante come batteriologo dell'Istituto Pasteur durante un'epidemia di peste scoppiata ad Hong Kong.[13] Yersin apparteneva alla scuola di pensiero di Pasteur. Kitasato Shibasaburō, un batteriologo giapponese di formazione tedesca che praticava la metodologia di Koch, era anch'egli impegnato all'epoca nella ricerca dell'agente causale della peste.[14] Tuttavia, fu proprio Yersin che riuscì a riconoscere la correlazione tra la peste e la Yersinia pestis. Inizialmente chiamato Pasteurella pestis, il batterio venne ribattezzato Yersinia pestis nel 1944 in onore del suo scopritore.

Ogni anno, migliaia di casi di peste vengono ancora segnalati all'Organizzazione mondiale della sanità, sebbene che per la maggior parte dei pazienti, se trattati con una cura adeguata, la prognosi appare ad oggi molto migliore.

Durante la guerra del Vietnam si è assistito ad un aumento, da cinque a sei volte, dei casi in Asia, probabilmente a causa dell'interruzione degli ecosistemi e della maggior vicinanza tra persone e animali.

Agli inizi del XXI secolo la peste si trova più frequentemente nell'Africa subsahariana e nel Madagascar, aree in cui si verificano oltre il 95% dei casi segnalati.

Patologie[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Peste.

È l'agente eziologico della peste: si tratta di una zoonosi (di topi, ratti, scoiattoli, conigli, lepri, marmotte..) la cui trasmissione avviene attraverso le pulci (che rigurgitano il contenuto batterico al pasto successivo). L'animale è pestigeno e pestifero.

Se inoculato dalla pulce nell'organismo umano, il bacillo viene fagocitato dai monociti e dai granulociti polimorfonucleati (neutrofili). Solo i neutrofili riescono a degradare il batterio, che invece continua a vivere all'interno dei monociti, dove sviluppa degli antigeni (frazione I, antigene V, antigene W) che gli conferiscono un particolare potere antifagocitario. Il potere patogeno del batterio potrebbe essere anche dovuto alla tossina murina.

L'incubazione è di 2-7 giorni.

Si distinguono tre forme:

  • peste bubbonica, data dalla proliferazione nei linfonodi con conseguente necrosi. Se non trattata, evolve in setticemia e può talvolta esitare in polmonite secondaria
  • peste polmonare, con trasmissione attraverso le vie aeree. Si tratta di una polmonite primaria mortale in meno di 4 giorni.
  • peste setticemica, forma più rara ma letale per via dell'infezione generata nel sangue dopo la puntura del vettore.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Katya Sutyak, Student presentation on Yersinia pestis, University of Connecticut, 10 novembre 2015. URL consultato il 3 dicembre 2019 (archiviato dall'url originale il 12 settembre 2013).
  2. ^ a b Ryan KJ, Ray CG (a cura di), Sherris Medical Microbiology, 4ª ed., McGraw Hill, 2004, pp. 484–488, ISBN 978-0-8385-8529-0.
  3. ^ Zsolt Boszormenyi, RSOE EDIS - - Event reports (Earthquakes, events, tropical storms, tsunamies and others), su RSOE EDIS. URL consultato l'11 dicembre 2018.
  4. ^ CDC https://www.cdc.gov/plague/
  5. ^ CDC, "The Plague", Centers for Disease Control and Prevention, Oct. 2017
  6. ^ Suzanne Austin Alchon, A pest in the land: new world epidemics in a global perspective, University of New Mexico Press, 2003, p. 21, ISBN 978-0-8263-2871-7.
  7. ^ Michaela Harbeck, Lisa Seifert, Stephanie Hänsch, David M. Wagner, Dawn Birdsell, Katy L. Parise, Ingrid Wiechmann, Gisela Grupe, Astrid Thomas, Paul Keim, Lothar Zöller, Barbara Bramanti, Julia M. Riehm e Holger C. Scholz, Yersinia pestis DNA from Skeletal Remains from the 6th Century AD Reveals Insights into Justinianic Plague, in PLoS Pathogens, vol. 9, #5, 2013, pp. e1003349, DOI:10.1371/journal.ppat.1003349, PMC 3642051, PMID 23658525.
  8. ^ Adam Carter, Black Death mysteries unlocked by McMaster scientists, CBC News, 27 gennaio 2014.
  9. ^ a b Nicholas Wade, Europe's Plagues Came From China, Study Finds, in The New York Times, 31 ottobre 2010. URL consultato il 1º novembre 2010.
  10. ^ G. Morelli, Y. Song, C.J. Mazzoni, M. Eppinger, P. Roumagnac, D.M. Wagner, M. Feldkamp, B. Kusecek, A.J. Vogler, Y. Li, Y. Cui, N.R. Thomson, T. Jombart, R. Leblois, P. Lichtner, L. Rahalison, J.M. Petersen, F. Balloux, Pl Keim, T. Wirth K, J. Ravel, R. Yang, E. Carniel e M. Achtman, Yersinia pestis genome sequencing identifies patterns of global phylogenetic diversity, in Nature Genetics, vol. 42, #12, December 2010, pp. 1140–1143, DOI:10.1038/ng.705, PMC 2999892, PMID 21037571.
  11. ^ Zhang, Sarah, "An Ancient Case of the Plague Could Rewrite History", The Atlantic, December 6, 2018
  12. ^ Silvia Scasciamacchia, Luigina Serrecchia, Luigi Giangrossi, Giuliano Garofolo, Antonio Balestrucci, Gilberto Sammartino e Antonio Fasanella, Plague Epidemic in the Kingdom of Naples, 1656–1658, in Emerging infectious diseases, vol. 18, n. 1, gennaio 2012, DOI:10.3201/eid1801.110597, ISSN 1080-6040 (WC · ACNP), OCLC 8081543734.
  13. ^ Bockemühl J, 100 years after the discovery of the plague-causing agent – importance and veneration of Alexandre Yersin in Vietnam today, in Immun Infekt, vol. 22, #2, 1994, pp. 72–75, PMID 7959865.
  14. ^ Howard-Jones N, Was Kitasato Shibasaburō the discoverer of the plague bacillus?, in Perspect Biol Med, vol. 16, #2, 1973, pp. 292–307, DOI:10.1353/pbm.1973.0034, PMID 4570035.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 32038