X-Men (videogioco 1992)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
X-Men
videogioco
X-Men Arcade.jpg
Dazzler nel primo livello
PiattaformaArcade, iOS, Android
Data di pubblicazioneArcade:
Mondo/non specificato 1992

PlayStation Network:
Flags of Canada and the United States.svg 14 dicembre 2010
Zona PAL 2 febbraio 2011
Xbox Live:
Mondo/non specificato 15 dicembre 2010

iOS, Android:
Mondo/non specificato 2 giugno 2011
GenerePicchiaduro a scorrimento
TemaX-Men
SviluppoKonami, Backbone Entertainment (PSN, XBL, iOS, AND)
PubblicazioneKonami
Modalità di giocoGiocatore singolo, multigiocatore
Periferiche di inputDualShock 3, gamepad
SupportoDownload
Distribuzione digitalePlayStation Network, Xbox Live
Fascia di etàCERO: B
ESRB: E10+
PEGI: 12
Specifiche arcade
CPU68000 @ 16 MHz
Z80 @ 8 MHz)
Processore audioYM2151 (@ 4 MHz)
K054539 (@ 48 kHz)
SchermoRaster
Risoluzione288x224 pixel, 2048 colori
Periferica di inputJoystick 8 direzioni, 3 pulsanti

X-Men è un videogioco arcade prodotto dalla Konami nel 1992. Si tratta di un picchiaduro a scorrimento orizzontale basato sull'omonimo fumetto sotto licenza della Marvel Comics. L'animazione degli X-Men e dei loro avversari sono basati su L'audacia degli X-Men, episodio pilota di una serie di cartoni animati del 1989. Il 9 ottobre 2010 la Konami ha rivelato che il videogioco sarà reso disponibile per PlayStation Network ed Xbox Live Arcade.[1] Il videogioco è uscito rispettivamente il 14 e 15 dicembre 2010.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

In X-Men il giocatore può scegliere uno fra sei personaggi: Ciclope, Colosso, Wolverine, Tempesta, Nightcrawler o Dazzler. Il loro obiettivo è fermare il malvagio Magneto che sta per scatenare il caos nella civiltà umana. Gli X-Men devono combattere centinaia di sentinelle o X-Men malvagi come Pyro, Blob, Wendigo, Nimrod, The White Queen, Juggernaut e Mystique. In seguito, Magneto rapisce Professor X e Kitty Pryde, costringendo gli eroi ad una missione di salvataggio. Gli X-Men dovranno farsi strada per giungere sino all'Isola M ed alla fine alla base di Magneto nell'Asteroid M, dove si svolgerà la battaglia finale con Magneto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The X-Men Return to the Arcade, in IGN. URL consultato l'11 ottobre 2010 (archiviato dall'url originale il 14 ottobre 2010).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]