Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Vocale anteriore semiaperta non arrotondata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Anteriori Quasi anteriori Centrali Quasi posteriori Posteriori
Chiuse
Blank vowel trapezoid.svg
i • y
ɨ • ʉ
ɯ • u
ɪ • ʏ
* • ʊ
e • ø
ɘ • ɵ
ɤ • o
ɛ • œ
ɜ • ɞ
ʌ • ɔ
a • ɶ
ɑ • ɒ
Quasi chiuse
Semichiuse
Medie
Semiaperte
Quasi aperte
Aperte
Quando due simboli appaiono in coppia, quello a sinistra rappresenta
una vocale non arrotondata, quello a destra una vocale arrotondata.
Per quelli situati al centro, il suono labiale non è specificato.
Vedere anche: IPA, Consonanti
Vocale anteriore semiaperta non arrotondata
IPA - numero303
IPA - testoɛ
IPA - immagine
Xsampa-E2.png
UnicodeU+025B
Entityɛ
SAMPAE
X-SAMPAE
KirshenbaumE
Ascolto

La vocale anteriore semiaperta non arrotondata è un suono vocalico presente in alcune lingue. Il suo simbolo nell'Alfabeto fonetico internazionale è [ɛ], e l'equivalente simbolo X-SAMPA è E.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

  • La sua posizione è anteriore; orizzontalmente la pronuncia avviene infatti con la lingua in posizione avanzata all'interno della cavità orale.
  • Il suo grado di apertura è semiaperto; rispetto alla semichiusa [e], la lingua prosegue il suo spostamento in giù verso la normale posizione di riposo; la pronuncia avviene aprendo la bocca meno di una vocale aperta e più di una vocale media.
  • È una vocale non-arrotondata; durante la pronuncia, infatti, le labbra non vengono portate in avanti.

Occorrenze[modifica | modifica wikitesto]

In italiano[modifica | modifica wikitesto]

In italiano tale fono è reso con la grafia e o è (con l'accento grave), ed è presente per esempio nelle parole letto [ˈlɛtːo], cioè [t͡ʃoˈɛ*]. È conosciuto come E aperta.

L’e aperta /ɛ/, in italiano, è un fonema distinto dall'e chiusa /e/: si pensi a coppie minime come e /e/ (congiunzione) e è /ɛ/ (voce del verbo essere), légge /e/ (sostantivo, "norma") e lègge /ɛ/ (dal verbo leggere), pésca /e/ da pescare e pèsca /ɛ/ "frutto", mésto /e/ (voce di mestare) e mèsto /ɛ/ (aggettivo, "triste").

In francese[modifica | modifica wikitesto]

In francese tale fono è presente per esempio nella parola bête "animale" [bɛt].

In inglese[modifica | modifica wikitesto]

In inglese tale fono è presente per esempio nella parola bed "letto" [bɛd]. È conosciuto come short e ("e breve") in inglese.

In tedesco[modifica | modifica wikitesto]

In tedesco tale fono è presente per esempio nella parola Bett "letto" [bɛt].

In norvegese[modifica | modifica wikitesto]

In norvegese tale fono è presente come suono breve, come ad esempio nella parola penn "penna" [pʰɛnː]

In thailandese[modifica | modifica wikitesto]

In thailandese tale fono è reso con la grafia แ–ะ (il trattino corrisponde alla consonante che precede il fono) se il suono è tronco [ɛʔ] ed è presente per esempio nella parola "e" [lɛʔ].

Viene reso con la grafia แ– se il suono è lungo [ɛː] ed è presente per esempio nella parola สง "luce" [sɛːŋ].

In ungherese[modifica | modifica wikitesto]

In ungherese tale fono è reso con la grafia e ed è presente per esempio nella parola nem "no" [nɛm].

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pietro Maturi, Federico Albano Leoni, Manuale di Fonetica, La Nuova Italia Scientifica, Roma 1995

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica