Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Vocale anteriore semichiusa arrotondata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Anteriori Quasi anteriori Centrali Quasi posteriori Posteriori
Chiuse
Blank vowel trapezoid.svg
i • y
ɨ • ʉ
ɯ • u
ɪ • ʏ
* • ʊ
e • ø
ɘ • ɵ
ɤ • o
ɛ • œ
ɜ • ɞ
ʌ • ɔ
a • ɶ
ɑ • ɒ
Quasi chiuse
Semichiuse
Medie
Semiaperte
Quasi aperte
Aperte
Quando due simboli appaiono in coppia, quello a sinistra rappresenta
una vocale non arrotondata, quello a destra una vocale arrotondata.
Per quelli situati al centro, il suono labiale non è specificato.
Vedere anche: IPA, Consonanti
Vocale anteriore semichiusa arrotondata
IPA - numero 310
IPA - testo ø
IPA - immagine Xsampa-2.png
Unicode U+00F8
Entity ø
SAMPA
X-SAMPA 2
Kirshenbaum Y
Ascolta[?·info]

La vocale anteriore semichiusa arrotondata è un suono vocalico presente in alcune lingue. Il suo simbolo nell'Alfabeto fonetico internazionale è [ø], e l'equivalente simbolo X-SAMPA è 2.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

  • La sua posizione è anteriore; la pronuncia avviene infatti con la lingua in posizione avanzata all'interno della cavità orale.
  • Il suo grado di apertura è semichiuso; la pronuncia avviene infatti aprendo la bocca meno di una vocale media e più di una vocale chiusa.
  • L'arrotondamento di questa vocale è compresso.

Occorrenze[modifica | modifica wikitesto]

In danese[modifica | modifica wikitesto]

In danese tale fono è reso con la grafia ø ed è presente per esempio nella parola dør "porta" [døːr].

In italiano[modifica | modifica wikitesto]

In italiano standard tale fono è presente solo in prestiti linguistici dal francese e dal tedesco. Nelle aree italofone è però presente nelle lingue lombarda (reso con il trigrafo oeû secondo l'ortografia lombarda classica), piemontese, ligure e nelle varietà occidentali dell'emiliano.

In lombardo[modifica | modifica wikitesto]

In insubrico, secondo la grafia classica, tale fono è reso con la grafia oeu ed è presente per esempio nella parola pedrioeu ("imbuto").

In orobico, tale fono è reso con la grafia ö ed è presente per esempio nella parola sömelèc ("fulmine").

In francese[modifica | modifica wikitesto]

In francese tale fono è presente per esempio nella parola peu "poco" [pø] Ascolta[?·info].

In norvegese[modifica | modifica wikitesto]

In norvegese tale fono è reso con la grafia ø ed è presente per esempio nella parola øl [øːl].

In svedese[modifica | modifica wikitesto]

In svedese tale fono è reso con la grafia ö ed è presente per esempio nella parola öl "birra" [øːl] Ascolta[?·info].

In tedesco[modifica | modifica wikitesto]

In tedesco tale fono è reso con la grafia ö ed è presente per esempio nella parola schön "bello" [ʃøːn].

Vocale anteriore media arrotondata[modifica | modifica wikitesto]

Alcune lingue hanno una vocale anteriore media arrotondata. Comunque, poiché nessuna lingua distingue tra una vocale media, semichiusa e semiaperta, non c'è un simbolo IPA diverso per rappresentare la vocale media, e si usa generalmente [ø]. Se c'è bisogno di precisione, si può aggiungere un diacritico abbassante: [ø̞].

Occorrenze[modifica | modifica wikitesto]

Per semplicità il diacritico abbassante è omesso nelle seguenti trascrizioni.

In finlandese[modifica | modifica wikitesto]

In finlandese tale fono è reso con la grafia ö ed è presente per esempio nella parola tyttö "ragazza" [tytːø].

In inglese[modifica | modifica wikitesto]

Tale fono non è fonema standard della lingua inglese, ma è presente in alcune varietà.

In turco[modifica | modifica wikitesto]

In turco tale fono è reso con la grafia ö ed è presente per esempio nella parola göz "occhio" [ɟøz].

In ungherese[modifica | modifica wikitesto]

In ungherese tale fono è reso con la grafia ő ed è presente per esempio nella parola nő "donna" [nøː] Ascolta[?·info].

Note[modifica | modifica wikitesto]


Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica