Venchi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Venchi
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione1878[1] a Torino, Italia
Fondata daSilviano Venchi
Sede principaleCastelletto Stura (CN)
Persone chiave
SettoreAlimentare
Prodotti
Fatturato63,5 milioni di [2] (2016)
Dipendenti720 (2016)
Sito web
Stand della Venchi a CioccolaTò 2012

La Venchi è un'azienda alimentare italiana, specializzata nella produzione e vendita di cioccolato.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Silviano Venchi inizia l'attività di dolciere a 16 anni. All'età di 20 anni investe i propri risparmi per acquistare due calderoni di bronzo e poter cominciare così le sperimentazioni culinarie nel proprio appartamento. Nel 1878 apre il proprio laboratorio in via degli Artisti a Torino. Agli inizi del Novecento si distingue soprattutto per le "Nougatine", bon-bon a base di nocciole tritate e caramellate, ricoperte di cioccolato extra fondente. Il laboratorio si estende su 300 metri quadrati.

  • 1900: l'azienda cresce rapidamente e per il laboratorio affitta una superficie di 3000 m². I prodotti Venchi cominciano ad essere conosciuti come “…la più elegante pralineria in Piemonte…”
  • 1960: Venchi, Unica e Talmone si fondono in un'unica azienda: la Talmone-Venchi-Unica. Raggiungendo negli anni settanta la massima espansione con 300 punti vendita e 5 mila dipendenti. Poi la crisi, anche per uno scandalo finanziario, che porta al fallimento e la Venchi ad essere una piccola realtà locale
  • 2000: un gruppo di investitori privati acquisisce un'altra storica fabbrica di cioccolato piemontese, la Cuba (Cussino, Biscotti e Affini)[1], fondata nel 1949 da Pietro Cussino e nota fra l'altro per la produzione dei "Cuneesi al rum" (praline ripiene di crema rum colata in un guscio di cioccolato fondente), e cambia nome in Cuba Venchi. Dal gennaio 2003 la denominazione aziendale si ritrasforma da Cuba Venchi in Venchi.

La nuova realtà aziendale è stata completamente riorganizzata con l'inserimento di nuovi prodotti, l'adozione di una diversa strategia distributiva e l'investimento in nuovi macchinari ed infrastrutture, che includono uno stabilimento di 3000 m² a Robilante e di 12000 m² a Castelletto Stura

  • 2006: Venchi acquista la Camelot srl acquisendone il "know-how" per un innovativo sistema di produzione di gelato; nasce così la Venchi Gelato
  • 2006: Venchi lancia il suo nuovo format di world retail: la Cioccogelateria, negozio monomarca di gelato e cioccolato artigianale.

Da New York a Hong Kong[modifica | modifica wikitesto]

La sede Venchi si trova a Castelletto Stura (CN).[3] La gamma di prodotto Venchi è quanto più “universale” possibile. L'azienda è specializzata nel cioccolato fondente e nel Gianduja. Venchi produce oltre 350 differenti ricette per tutti i gusti e di tutti i tipi e dal 2007 90 gusti di gelato. Tutta la produzione, a partire dall'autunno 2009, è totalmente priva di glutine. Non vengono utilizzati grassi vegetali idrogenati, additivi, aromi artificiali, edulcoranti chimici.

Il settore export copre, attraverso distributori esclusivi, buona parte dell'Europa, Stati Uniti, Giappone, Russia e Paesi arabi.

Nel 2017 Venchi gestisce direttamente 88 negozi monomarca (47 in Italia) nei principali aeroporti, nelle stazioni e nei centri storici delle principali città, tra cui New York, Dubai e Hong Kong. Dei 720 dipendenti 500 sono impegnati nelle cioccogelaterie che preparano il gelato con il 40% in meno di grassi.[4]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004 il Chocaviar di Venchi, microsfere a caviale di pura massa di cacao Sud America lavorata a mano, ha vinto il Vassoio D'Oro all'Eurochocolate di Perugia.

Nell'ambito di Eurochocolate Awards 2005 Venchi ha vinto la sezione "Special events".

Nel 2007 Venchi è fornitore ufficiale agli eventi che fanno da cornice alla consegna del Premio Nobel per la pace[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Storia dell'Azienda, Cioccolato Venchi, su venchi.com. URL consultato il 13 ottobre 2014.
  2. ^ Affari & Finanza di Repubblica, 9 ottobre 2017.
  3. ^ Contatti, su Venchi. URL consultato il 13/10/2014.
  4. ^ La Repubblica, 9 ottobre 2017.
  5. ^ Cioccolato Venchi ospite d'onore a Oslo per il gala del Nobel per la Pace, su Italia a Tavola. URL consultato il 13/10/2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]