Uomini in rosso

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Uomini in rosso
Titolo originale Redshirts
Autore John Scalzi
1ª ed. originale 2012
1ª ed. italiana 2014
Genere romanzo
Sottogenere fantascienza umoristica
Lingua originale inglese
Ambientazione Astronave Intrepid e Terra
Protagonisti Andrew Dahl

Uomini in rosso (Redshirts) è un romanzo di fantascienza di John Scalzi del 2012, vincitore nel 2013 del Premio Hugo[1] e del Premio Locus per il miglior romanzo di fantascienza.[2]

È un'avventura spaziale che costituisce assieme una parodia e un omaggio al personaggio stereotipato dei membri di basso rango "usa e getta" delle serie tv tipo Star Trek che spesso muoiono all'inizio degli episodi.[3]

L'audiolibro in lingua originale è narrato dall'attore Wil Wheaton.[4]

Il romanzo è stato pubblicato in italiano nel 2014.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il guardiamarina Andrew Dahl entra a far parte dell'equipaggio dell'astronave Intrepid insieme ad altri cinque giovani marinai, che ha modo di conoscere poco prima di arrivare a bordo. Entrato a far parte del laboratorio di xenobiologia, si accorge ben presto che c'è qualcosa che non va nel comportamento dell'equipaggio. Discutendone con i suoi nuovi amici, capisce che non è l'unico a notare qualcosa di strano, infatti ai nuovi arrivati balza subito all'occhio l'incredibile catena di morti accidentali che coinvolgono gli "uomini in rosso" (il colore della divisa di marinai e guardiamarina) ogni volta che c'è da affrontare uno sbarco su un pianeta, tanto che alcuni ufficiali della nave letteralmente scappano per non far parte di queste missioni.

Con l'aiuto di un misterioso uomo di nome Jenkins scoprono infine che la loro realtà viene modificata dalle sceneggiature di un vecchio telefilm di fantascienza. Per quanto incredibile possa loro sembrare, sono costretti a tornare indietro nel tempo sulla Terra per poter salvare le proprie vite e quelle di tutti gli altri uomini in rosso della nave, presenti e futuri.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo è composto da un breve prologo, 24 capitoli e tre code che consistono nel raccontare le conseguenze, avute da 3 persone diverse, ai fatti raccontati dalla parte principale del romanzo.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 2013 Hugo Awards, The Hugo Awards. URL consultato il 31 marzo 2013.
  2. ^ Locus Online News » 2013 Locus Awards Winners, Locus, 29 febbraio 2012. URL consultato il 31 marzo 2014.
  3. ^ Giampaolo Rai, Uomini in rosso, su Corriere della Fantascienza, 10 ottobre 2014. URL consultato il 14 dicembre 2014.
  4. ^ John Scalzi, Redshirts Audiobook News + Tabletop, whatever.scalzi.com. URL consultato il 15 luglio 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]