Unione dei Teatri d'Europa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Unione dei Teatri d'Europa è un'associazione a scopo culturale europea.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'associazione è stata fortemente voluta da Jack Lang e dal regista italiano Giorgio Strehler, che in particolare si adoperò per la creazione dell'associazione al fine di riunire produzioni spettacolari e lavori artistici europei sotto il segno degli scambi culturali e della formazione di un'identità culturale comune.

La nascita dell'associazione avvenne nel 1990 ed era originariamente composta da un circuito formato da sette teatri: il Piccolo Teatro di Milano per l'Italia, l'Odéon di Parigi per la Francia, il Teatre Lliure di Barcellona per la Spagna, il Deutsches Theater di Berlino e il Düsseldorfer Schauspielhaus di Düsseldorf per la Germania, il Kungliga Dramatiska Teatern di Stoccolma per la Svezia ed il Katona József Színház di Budapest per l'Ungheria.

L'associazione si prefisse come scopo l'unione dei saperi e delle culture attraverso una serie di scambi culturali, tournée, pubblicazione di riviste e di monografie, creazione di spettacoli, premi internazionali e festival teatrali. Ogni anno, infatti, si svolge in una delle città che ospita uno dei teatri d'Europa, un festival con la presentazione di alcuni lavori di interesse internazionale.

L'Unione dei Teatri d'Europa è organismo associato e sostenitore del Premio Europa per il Teatro.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

L'organizzazione prevede l'adesione spontanea di teatri, organismi teatrali e persone fisiche. Mentre i primi si devono impegnare con una produzione di spettacoli, le persone fisiche si adoperano per il progetto lavorando singolarmente senza appartenere obbligatoriamente ad un organismo teatrale definito.

Gli attuali membri[modifica | modifica wikitesto]

Membri onorari[modifica | modifica wikitesto]

Membri a titolo personale[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]