Trionfale (suburbio di Roma)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
S. X Trionfale
Stazione San Filippo Neri 004.jpg
Stazione F.S. San Filippo Neri
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
ProvinciaRoma Roma
CittàRoma-Stemma.png Roma Capitale
CircoscrizioneMunicipio Roma XIII
Municipio Roma XIV
Data istituzione24 maggio 1926[1]
Codice310
Superficie11,0764 km²
Abitanti21 050 ab.[2] (2016)
Densità1 900,44 ab./km²
Mappa dei quartieri di

Coordinate: 41°56′47.4″N 12°22′48″E / 41.9465°N 12.38°E41.9465; 12.38

Trionfale è il decimo suburbio di Roma, indicato con S. X.

Il nome è associato all'omonimo quartiere ed è preso, come per il quartiere, dalla via Trionfale.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Si trova nell'area nord-ovest della città, a ridosso ed internamente al Grande Raccordo Anulare

Il suburbio confina:

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il suburbio viene definito con delibera di Giunta n. 20 del 20 agosto 1921 con numerazione S. XI e codice toponomastico 311, quindi assunse l'attuale numerazione e codice in concomitanza della soppressione del suburbio S. VII Ostiense, avvenuta con variazione del dizionario toponomastico del 1º marzo 1954.

Nella delibera del Commissario Straordinario n. 2453 del 13 settembre 1961, contenente la riorganizzazione dei comprensori periferici a causa la notevole urbanizzazione, fu definita anche l'istituzione del quartiere Primavalle, utilizzando la porzione est del suburbio, adiacente al quartiere Trionfale, di circa 500 ha. Ancora molte strade del nucleo storico di Primavalle riportano le targhe stradali originali con l'indicazione del suburbio S. X, invece di quella del quartiere di pertinenza, Q. XXVII.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa dei cattolici ucraini di Roma di rito greco-cattolico.
Progetto dell'architetto Gabriele Molè.
Progetto degli architetti Glauco Ghesleri e Roberto Ghesleri.

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Urbanistica[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio del suburbio Trionfale si estendono parte delle zone urbanistiche 18C Fogaccia, 19B Primavalle e 19D Santa Maria della Pietà e le aree urbane di Quartaccio (PdZ 13V), San Giusto/Podere Zara (zona "O" 68)[9][10] e Torresina (PdZ B44).

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovia regionale laziale FL3.svg
 È raggiungibile dalle stazioni di: Monte Mario e San Filippo Neri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Delibera del Governatore di Roma n. 3454 del 24 maggio 1926.
  2. ^ Roma Capitale - Roma Statistica. Popolazione iscritta in anagrafe al 31 dicembre 2016 per suddivisione toponomastica.
  3. ^ Separato di via di Casal del Marmo, dal sottopassaggio del GRA a via Trionfale.
  4. ^ Separato da via Trionfale, nel tratto da via di Casal del Marmo a via dell'Insugherata.
  5. ^ Separato da via Trionfale, nel tratto da via dell'Insugherata a via Vincenzo Chiarugi.
  6. ^ Separato da via Vincenzo Chiarugi, via Sebastiano Vinci, via Cesare Lombroso, .... via Giuseppe Guicciardi, via della Valle dei Fontanili e via di Torrevecchia fino a via di Boccea.
  7. ^ Separato da via di Boccea, nel tratto da via di Torrevecchia al GRA.
  8. ^ Separata dal Grande Raccordo Anulare, nel tratto da via di Boccea a via di Casal del Marmo.
  9. ^ Zona O 68, San Giusto - Podere Zara.
  10. ^ Nucleo 18.03, Podere Zara.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma