Tito Statilio Tauro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri personaggi omonimi, vedi Tito Statilio Tauro (disambigua).
Tito Statilio Tauro
Titus Statilius Taurus.jpg
Tito Statilio Tauro
Nome originaleTitus Statilius Taurus
GensStatilia
Legatus legionis34 a.C.[1]
Consolatoconsul suffectus nel 37 a.C. e ordinarius nel 26 a.C.

Tito Statilio Tauro (... – ...) è stato un militare romano, che ottenne il consolato nel 37 a.C. come consul suffectus e poi come ordinarius nel 26 a.C..

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Proveniente da una famiglia non nobile, fu uno dei migliori comandanti militari del suo tempo. Molto ricco, dispose una parte del personale patrimonio per la costruzione di una serie di opere pubbliche in Roma, fra cui si ricorda un anfiteatro in pietra, e nel Lazio. Restaurò e costruì edifici alle sorgenti termali della "Ficoncella", nei pressi della futura Centumcellae (l'odierna Civitavecchia).

Esisteva, vicina alla Ficoncella, appunto, una cittadina denominata Aquae, che già all'epoca della partizione augustea aveva il diritto municipale[2] ed alla quale forse si riferì Scribonio Largo nel Compositiones medicamentorum; il toponimo Aquae, dato in epoca imperiale ad oltre duecento centri prossimi a fenomeni di termalismo, secondo un'ipotesi prese il genitivo TAURI[3] per le opere realizzate dal console, ma nessuna fonte letteraria e nessun scavo archeologico ha mai suffragato tale supposizione.[4]

Partecipò alle campagne militari di Ottaviano in Illirico (35-33 a.C.), portando a termine l'assedio di Setovia dei Dalmati.[1]

Nel 16 a.C. ottenne la prefettura della città di Roma.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b AppianoGuerra illirica, 27.
  2. ^ Plinio il Vecchio, Naturalis Historia III,8.
  3. ^ Arturo Solari, "Topografia storica dell' Etruria" vol.1,1918.
  4. ^ Salvatore Bastianelli, Centumcellae-Castrum Novum, Roma, Istituto di Studi Romani, 1954.
  5. ^ Cassio Dione, LIV, 19.6.