Gaio Servilio Casca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'assassinio di Giulio Cesare
Lucio Tillio Cimbro (al centro) mostra la petizione e tira la tunica di Cesare, mentre uno dei due fratelli Casca si prepara a pugnalarlo da dietro. Dipinto di Karl Theodor von Piloty.

Gaio Servilio Casca (Roma, ... – ...) è stato un assassino romano che assieme a un gruppo di circa sessanta senatori partecipò all'uccisione di Gaio Giulio Cesare il 15 marzo del 44 a.C., le "Idi di marzo" secondo il calendario romano.

Quasi del tutto ignota la biografia di Gaio Servilio Tasca se non il fatto che apparteneva alla famiglia dei Servilii come il suo più noto fratello Publio Servilio Casca. Della stessa famiglia fece parte uno dei maggiori autori del cesaricidio: Marco Bruto Giunio Cepione, figlio di un autorevole sostenitore di Cesare, il console Decimo Giunio Bruto e di Servilia Cepione, amante dello stesso Cesare [1]. Quando Marco Bruto Cepione fu adottato per testamento nel 59 a.C. dallo zio Quinto Servilio Cepione, entrò anche lui a far parte della gens Servilia [2].

Riguardo all'assassinio di Cesare le fonti non specificano chi dei due fratelli colpì per primo Cesare e chi da questi fosse stato ferito a sua volta:

« Quando [Cesare]si fu messo a sedere, i congiurati gli si fecero attorno come per rendergli onore, e immediatamente Cimbro Tillio, che si era assunto il compito di dare il segnale, gli si avvicinò come per chiedergli qualcosa, e poiché Cesare gli opponeva un rifiuto e col gesto mostrava di voler rinviare quella faccenda a un altro momento, lo afferrò per la toga su ambedue le spalle; e mentre egli gridava: "Ma questa è violenza!" uno dei due Casca lo colpì di fronte, ferendolo poco sotto la gola. Cesare, afferrato il braccio di Casca, lo trapassò con lo stilo, e tentò di balzare in piedi...[3] »

Non chiarisce l'avvenimento nemmeno quanto riporta Cassio Dione:

« In quella confusione accadde anche un fatto che merita di essere ricordato. Il tribuno Gaio Casca, vedendo che Cinna era stato ucciso a causa dell'omonimia con il pretore Cinna, temette di fare la stessa fine perché il tribuno Publio Servilio Casca era stato uno degli assassini di Cesare. Allora diffuse una dichiarazione nella quale affermava che i due Casca avevano uguale nome ma diversi sentimenti. [4] »

Il testo di Dione non chiarisce se il Gaio Casca citato fosse il fratello di Publio Servilio Casca e anzi sembrerebbe che questo Gaio, forse un semplice omonimo, non avesse partecipato all'assassinio di Cesare. Ma se non era lui il fratello di Publio non si capisce perché temesse di subire l'ira del popolo Romano che avrebbe confuso lui, a suo dire cesariano, con il fratello dallo stesso nomen e prenomen.

Anche lo storico Appiano nel riferire del cesaricidio non chiarisce il ruolo di ognuno dei due fratelli [5]

Lo storico statunitense Barry Strauss (n. 1953) ritiene invece che Gaio Servilio Casca «...fratello di Publio pugnalò Cesare alle costole sferrando forse il colpo fatale»[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Questo fatto spiegherebbe l'espressione famosa di Cesare morente «Tu quoque, Brute, fili mi!» che potrebbe aver ritenuto che Bruto fosse suo figlio naturale (dell'argomento parlano Plutarco (Bruto 5), Appiano (Le guerre civili 2, 112, 468) e Svetonio (Vita di Cesare 50, 2)
  2. ^ Enciclopedia Italiana Treccani alla voce "Bruto, Marco Giunio"
  3. ^ Svetonio, Caesar, LXXXII
  4. ^ Cassio Dione, Storia romana, XLIV, 52, 23
  5. ^ Appiano, Guerre civili II. 113 (in cui si confondono i due fratelli) e II. 115 (In trad.it. in Le guerre civili de' romani di Appiano Alessandrino tradotte dal greco dall'ab. Marco Mastrofini .., presso Vincenzo Poggioli, 1826 p.103)
  6. ^ Barry Strauss, La morte di Cesare: L'assassinio più famoso della storia, Gius. Laterza & Figli Spa - 2015

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Antica Roma Portale Antica Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Antica Roma