Lucio Cassio Longino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lucio Cassio Longino
Nome originale Lucius Cassius Longinus
Gens Cassia
Consolato 107 a.C.

Lucio Cassio Longino (in latino Lucius Cassius Longinus; ... – 107 a.C.) è stato un politico romano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Le truppe di Cassio Longino passano sotto il giogo[1] dopo la disfatta di Agen del 107 a.C. contro le popolazioni di Cimbri, Teutoni e Tigurini, dipinto di Charles Gleyre

Pretore nel 111 a.C., venne inviato in Numidia. Console nel 107 a.C. con Gaio Mario, nello stesso anno, durante la guerre cimbriche, i Tigurini, tribù degli Elvezi, guidati da Divicone, penetrarono nella Gallia narbonese, provincia romana. Cassio Longino, a quel punto, si diresse con sei legioni e seimila cavalieri verso Tolosa – percorrendo la strada fatta costruire da Gneo Domizio Enobarbo – e ingaggiò battaglia, a poca distanza dalla città celtica, contro il popolo dei Volci Tectosagi, a cui si erano uniti parte dei Cimbri, Teutoni e Tigurini, riuscendoli a battere. Dopodiché il console continuò l'avanzata in territorio nemico, portando con sé i bagagli, come se fosse una normale marcia di trasferimento, risalendo la valle del fiume Garonna, fino a Burdigala. L'esercito romano, ormai distante dalla provincia romana, fu massacrato nella zona di Agen – nei territori dei Nitiobrogi – e i superstiti fatti passare sotto il giogo; lo stesso Cassio Longino perse la vita.[1]

Cesare nel 58 a.C., memore del massacro degli uomini di Longino, impedì il passaggio agli Elvezi che premevano per entrare nella Narbonense, sconfiggendo anche i Tigurini di li a poco, vendicando l'onta romana come afferma nel De Bello Gallico.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Gaio Giulio Cesare, Bellum Gallicum, I, 12.5.
  2. ^ Cesare, De Bello Gallico, I, 7.4 e I, 12.5.
Predecessore Fasti consulares Successore Consul et lictores.png
Servio Sulpicio Galba
e
Lucio Ortensio
107 a.C.
con Gaio Mario I
Quinto Servilio Cepione
e
Gaio Atilio Serrano