Targhe automobilistiche lituane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Targa automobilistica lituana

Le targhe automobilistiche della Lituania presentano tre lettere e, separate da due bollini rotondi autoadesivi, tre cifre nere su sfondo bianco riflettente. Come negli altri Stati dell'Unione Europea, a sinistra della targa ci sono una banda blu con le dodici stelle simbolo dell'UE (dal 20 settembre 2004, prima di questa data al suo posto era posizionata la bandiera nazionale) e il codice automobilistico internazionale, "LT". Le targhe dei taxi hanno fondo giallo riflettente. Le piastre dei ciclomotori sono quadrate, con numeri e lettere disposti su due righe. Dal 2001 sono in circolazione targhe personalizzate.

A partire dal 1º maggio 2004, data che ha sancito l'ingresso del Paese nell'Unione europea, non c'è più corrispondenza tra le lettere delle targhe e la provenienza, che era indicata dalla SECONDA delle tre lettere. Nei rimorchi la contea o città di immatricolazione era indicata dalla seconda delle due lettere nelle targhe con caratteri disposti su un'unica riga, dalla prima nelle targhe con caratteri disposti su due righe (in alto la banda blu e le lettere, in basso il numero composto da tre cifre).

Sono ancora presenti, però, i seguenti codici speciali:

  • KAMKAP, KARKAV Krašto Apsauga (Esercito Lituano)
  • LRS Lietuvos Respublikos Seimas (Parlamento Lituano)
  • LRV Lietuvos Respublikos Vyriausybė (Governo Lituano)
  • P, R (caratteri rossi + cifre) targa per veicoli commerciali o proprietari di concessionarie
  • T (caratteri neri su fondo giallo) Taksi.

Le targhe del Corpo Diplomatico si contraddistinguono per i caratteri bianchi in campo verde; sono composte, a partire dall'11 ottobre 2004, da tre numeri (quello a sinistra, di due cifre, indica il Paese di provenienza) separati da due spazi; prima della data sopra specificata c'erano alcune cifre precedute dalla lettera "D".

Fonti consultate e altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

  • N. Parker - J. Weeks, Registration Plates of the World, Fourth Edition, Europlate, Yeovil, Somerset, United Kingdom 2004, pp. 356-358. ISBN 0-9502735-7-0.