Targhe automobilistiche austriache

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Targa dell'automobile ufficiale del Presidente della Repubblica, con lo stemma nazionale tra la sigla e le cifre
Piastra di un motociclo

Sistema in uso[modifica | modifica wikitesto]

Targa standard di un veicolo immatricolato nel distretto urbano di Klagenfurt

Nelle targhe automobilistiche dell'Austria, nere su fondo bianco e con caratteri disposti su una o (nei motocicli) due righe, la banda blu con le dodici stelle simbolo dell'Unione Europea e la sigla automobilistica internazionale A di colore bianco, presente a partire dal 2002, precede la sigla del distretto (composta da una o due lettere), lo stemma dello​ Stato federato (non presente nelle targhe con codici speciali) e una serie alfanumerica. Due sottili bande orizzontali rappresentano i colori della bandiera austriaca.

Esempio di targa personalizzata

È possibile richiedere targhe personalizzate, il cui costo ammonta a circa 230 ; diversamente da quelle ordinarie, la sigla del distretto e lo stemma del Land sono seguiti da una serie di lettere (non viene utilizzata la "Q") e da una o più cifre. Talvolta anche i mezzi pubblici usano piastre personalizzate: per esempio l'autobus con matricola interna 450 dell'azienda IVB di Innsbruck avrà come targa I 450 IVB.

Formato precedente[modifica | modifica wikitesto]

Targa con formato emesso dal 1990 al 2002

Dal 1990 al 2002 venivano utilizzate targhe di formato identico a quello in uso oggi, senza però la banda blu dell'Unione Europea.

Sigle dei distretti e codici speciali[modifica | modifica wikitesto]

Alta Austria Bassa Austria Burgenland Carinzia Salisburghese
Stiria Tirolo Vienna Vorarlberg Sigle speciali[1]
  • W
    • Vienna (Città) (Wien)
    • Autorità governative del Land Vienna
  • A - Organi Supremi della Repubblica (Oberste Organe der Republik)
  • BB - Ferrovie federali (Bundesbahnen) fino al 01/01/2004
  • BD
    • Servizio Autobus delle Poste (Postbusse) dal 2008, fino al 1997 Servizio Autobus federali (Bundesbusdienst)
    • Corpo Diplomatico nel Land Burgenland
  • BG - Gendarmeria federale (Bundesgendarmerie) fino al 01/07/2005
  • BH - Esercito federale (Bundesheer)
  • BK - Corpo Consolare (Konsular Korps) nel Land Burgenland
  • BP - Polizia federale (Bundespolizei)
  • FV - Guardia di Finanza (Finanzverwaltung) dal 31/12/2004
  • GD - Corpo Diplomatico nel Land Stiria (Steiermark)
  • GK - Corpo Consolare (Konsular Korps) nel Land Stiria
  • JW - Polizia Penitenziaria (Justizwache)
  • KD - Corpo Diplomatico nel Land Carinzia (Kärnten)
  • KK - Corpo Consolare (Konsular Korps) nel Land Carinzia
  • ND - Corpo Diplomatico nel Land Bassa Austria (Niederösterreich)
  • NK - Corpo Consolare (Konsular Korps) nel Land Bassa Austria
  • OD - Corpo Diplomatico nel Land Austria Superiore (Oberösterreich)
  • OK - Corpo Consolare (Konsular Korps) nel Land Austria Superiore
  • PT - Poste Austriache (Österreichische Post), fino al 1996 Amministrazione Poste e Telecomunicazioni (Post- und Telegraphenverwaltung)
  • SD - Corpo Diplomatico nel Land Salisburghese
  • SK - Corpo Consolare (Konsular Korps) nel Land Salisburghese
  • TD - Corpo Diplomatico nel Land Tirolo
  • TK - Corpo Consolare (Konsular Korps) nel Land Tirolo
  • VD - Corpo Diplomatico nel Land Vorarlberg
  • VK - Corpo Consolare (Konsular Korps) nel Land Vorarlberg
  • WD - Corpo Diplomatico nel Land Vienna (Wien)
  • WK - Corpo Consolare (Konsular Korps) nel Land Vienna
  • ZW - Guardia Doganale (Zollwache) fino al 31/12/2004

Targhe colorate e loro significato[modifica | modifica wikitesto]

Targa di prova per test drive
Targa per immatricolazioni provvisorie
Targa di transito (per importazione o esportazione di veicoli)
Targa per portabici o rimorchi esteri che devono essere trainati da automezzi immatricolati in Austria
  • Targhe azzurre con caratteri bianchi. Identificano targhe per test drive e sono utilizzate da titolari di concessionarie, officine meccaniche, autorimesse. L'aggancio può essere provvisorio.
  • Targhe azzurre con caratteri bianchi e fascia rossa a destra (in basso a destra nelle piastre su doppia linea, in basso in quelle dei ciclomotori). Vengono usate per immatricolazioni provvisorie, nei casi in cui una persona non abbia la residenza principale in Austria o una società non abbia sede legale in Austria. A destra è posizionata una fascia rossa al cui interno sono scritte le ultime due cifre dell'anno di validità (per esempio 16 sta per 2016). La durata massima è di un anno.
  • Targhe di colore verde acqua o verde scuro con caratteri bianchi. Identificano targhe temporanee importate in Austria o da esportazione. A destra è indicata in un bollino rotondo la data di scadenza della validità (giorno, mese ed anno). L'aggancio di queste targhe può essere provvisorio.
  • Targhe rosse con caratteri bianchi. Sono utilizzate in: a) rimorchi immatricolati all'estero che devono essere trainati da automezzi immatricolati in Austria, a condizione che il conducente dell'automezzo dimostri che deve effettuare il trasporto dall'estero verso il territorio austriaco; b) ciclomotori e quadricicli con un'unica targa di dimensioni ridotte e su due linee, composta dalla sigla della zona di immatricolazione, un trattino e un blocco alfanumerico generalmente di tre o quattro caratteri; c) portabiciclette da installare sul gancio di traino.

Sigle terminate[modifica | modifica wikitesto]

Sigle del Land Stiria terminate il 30/06/2012 o 30/06/2013[modifica | modifica wikitesto]

Sigle del Land Bassa Austria terminate il 31/12/2016[modifica | modifica wikitesto]

Sistema usato dal 1947 al 1990[modifica | modifica wikitesto]

Targa di un veicolo immatricolato nel Land Stiria con formato utilizzato dal 1973 al 1990
Targa di un rimorchio del Land Alta Austria (1973–1990)

Dal 1947 al 1990 le piastre erano nere con caratteri bianchi, composte da una lettera (soltanto il Land Stiria era indicato da due lettere, la seconda delle quali minuscola) indicante lo Stato federato di provenienza seguita da un numero di cifre variabile da uno a sei. Nei Länder che avevano esaurito tutte le combinazioni numeriche possibili, la sequenza diventava alfanumerica, cioè al posto della quarta cifra (cioè la prima dopo il punto) si inseriva una lettera in progressione partendo da A. Nelle targhe dei veicoli immatricolati nell'Alta Austria, per evitare che la lettera "O" venisse letta come uno "0", si inseriva un trattino prima delle cifre.
Le targhe colorate avevano lo stesso significato di quelle emesse dal 1990. Le piastre dei motocicli di cilindrata non superiore a 50 cm³ ma più veloci dei ciclomotori avevano fondo nero e scritte bianche come quelle ordinarie, dalle quali si differenziavano unicamente per una fascia arancione riflettente sotto la targa. I rimorchi si distinguevano per le piastre con il contorno rosso.

Le sigle automobilistiche e i Länder corrispondenti erano i seguenti:

Targhe e sigle automobilistiche dell'Impero Austro-Ungarico[modifica | modifica wikitesto]

L'arciduca Eugenio d'Asburgo-Teschen a bordo della prima vettura dell'Impero immatricolata a Vienna (sigla A) nel 1906

Fin dal 1906 l'Austria usava un sistema di targhe provinciali. Queste erano bianche e si componevano di una combinazione in nero formata dalla lettera identificativa del Land seguita dal numero di serie, tenendo presente però la particolarità per cui le migliaia erano indicate con numeri romani. Le lettere provinciali non erano le iniziali del nome del Land, ma erano state assegnate in ordine alfabetico seguendo un immaginario itinerario attraverso l'impero[2]. Le province e le rispettive sigle erano le seguenti:

  K IV 529  
Schema di una targa di Trieste

Questo meccanismo fu mantenuto fino al 1930, anche dopo il disastro della Grande Guerra. Per il nuovo Land del Burgenland, ceduto dall'Ungheria, venne riciclata la lettera "M" rimasta libera.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Quelle terminate sono scritte in grassetto e corsivo.
  2. ^ La parte ungherese usava però targhe proprie.

Fonti consultate e altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti