Svevi del Danubio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Svevi del Danubio
Donauschwaben
Sottogruppisvevi di Satu Mare, svevi del Banato
Linguatedesco
ReligioneCattolicesimo, Luteranesimo
Gruppi correlatisassoni di Transilvania, tedeschi
Distribuzione
Ungheria Ungheria
Romania Romania
Serbia Serbia
Croazia Croazia
Germania Germania

Con il termine Svevi del Danubio si intendono i tedeschi che durante il XVIII secolo emigrarono verso l'Europa centro-orientale e quella del centro-sud-est per sostituire la popolazione originale sterminata dall'Impero Ottomano. Il termine nacque nel 1920 per descrivere i molti "svevi" che vivevano nella regione meridionale del Danubio, in Ungheria, Jugoslavia e Romania (esclusi gli austriaci, i Sassoni di Transilvania e altri tedeschi di Romania).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Agli svevi del Danubio appartengono i tedeschi d'Ungheria, gli svevi di Satu Mare, gli svevi del Banato ed i tedeschi di Jugoslavia, ad eccezione di untersteirer (Stiria slovena) e dei tedeschi di Kočevje nel ducato di Carniola.

Durante la seconda guerra mondiale, la Germania nazista reclutò una divisione da montagna delle Waffen-SS principalmente tra gli svevi del Danubio: la 7. SS-Freiwilligen-Gebirgs-Division "Prinz Eugen", che combatté dal 1942 al 1945 sul fronte jugoslavo mostrando aggressività e combattività ma anche un comportamento violento e brutale verso prigionieri e civili[1].

Svevi del Danubio famosi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ D. Greentree, Caccia a Tito, pp. 20 e 106.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4012719-9