Susanthika Jayasinghe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Susanthika Jayasinghe
Osaka07 D7A Susanthika Jayasinghe medal.jpg
Susanthika Jayasinghe ai Mondiali 2007 di Ōsaka
Dati biografici
Nazionalità Sri Lanka Sri Lanka
Altezza 165 cm
Peso 65 kg
Atletica leggera Atletica leggera
Dati agonistici
Specialità Velocità
Record
100 m 11"04 (2000)
200 m 22"28 (2000)
Palmarès
Bandiera olimpica  Olimpiadi
Argento Sydney 2000 200 m
Gnome-emblem-web.svg  Mondiali
Argento Atene 1997 200 m
Bronzo Osaka 2007 200 m
Statistiche aggiornate al 5 ottobre 2009

Susanthika Jayasinghe (Atnawala, 17 dicembre 1975) è un'atleta singalese, specializzata nella velocità.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

È cresciuta in una famiglia povera in un piccolo villaggio a 60 km a nord di Colombo. Ai Mondiali di Atene del 1997 vince la medaglia d'argento nei 200 m, imponendosi a livello internazionale all'età di 22 anni. Dopo l'eccellente risultato decide di trasferirsi negli Stati Uniti d'America per allenarsi meglio. Alle Olimpiadi di Sydney del 2000 conquista nei 200 m la medaglia di bronzo, conquistando per lo Sri Lanka l'unica medaglia delle Olimpiadi. Successivamente, nel dicembre 2009, il CIO, dopo aver revocato causa doping il titolo dei 200 m alla vincitrice Marion Jones, decide di riassegnare le medaglie, consegnando a Susanthika Jayasinghe la medaglia d'argento.[1]

Nel 2002 conquista due ori su 100 e 200 metri ai Campionati Asiatici organizzati a Colombo, nella sua nazione. Doppio successo che verrà ripetuto nel 2007 ai Campionati Asiatici di Amman, Giordania. Il 31 agosto del 2007, a dieci anni di distanza dalla sua precedente medaglia mondiale, torna su un podio iridato vincendo la medaglia di bronzo sui 200 m ai Mondiali di Ōsaka.

Controversie[modifica | modifica sorgente]

Susanthika fu sospesa dalle competizioni nell'aprile del 1998 dopo esser stata trovata positiva ad un test;[2] lei accusò che il test era truccato, per via delle sue convinzioni politiche e per i suoi disaccordi col Ministero dello Sport. In seguito è stata assolta dall'accusa.[3] Dopo esser tornata a casa con la sua medaglia olimpica fu attaccata da un atleta perché, secondo lei, aveva supportato i precedenti membri del governo nella campagna elettorale.

Senza avere praticamente nessun supporto economico dalle associazioni atletiche del suo Paese ha contratto molti debiti per poter partecipare alle Olimpiadi del 2000, ma dopo aver vinto la medaglia d'argento è stata aiutata da una colletta nazionale a rientrare nel suo paese.

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Anno Manifestazione Sede Evento Piazzamento Risultato
1995 Mondiali Svezia Göteborg 100 m quarti di finale 11"76
1997 Mondiali Grecia Atene 200 m 22"39
1999 Mondiali Spagna Siviglia 100 m batteria 11"42
Finale del Grand Prix Germania Monaco 200 m 23"13
2000 Olimpiadi Australia Sydney 100 m semifinale 11"33
200 m 22"28
2001 Mondiali Indoor Portogallo Lisbona 200 m 23"24
2002 Giochi del Commonwealth Regno Unito Manchester 100 m 11"08
Campionati Asiatici Sri Lanka Colombo 100 m 11"29
200 m 22"84
Coppa del Mondo Spagna Madrid 100 m 11"20
200 m 22"82
2003 Mondiali Francia Parigi 100 m batteria 11"20
2007 Campionati Asiatici Giordania Amman 100 m 11"19
200 m 22"99
Mondiali Giappone Ōsaka 100 m batteria 11"13
200 m 22"63
2008 Olimpiadi Cina Pechino 200 m semifinale 22"98

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) IOC reallocates Marion Jones’ medals, olympic.org.
  2. ^ Doping: Susanthika Jayasinghe squalificata dopo controanalisi, adnkronos.com, 10 aprile 1998. URL consultato il 24 luglio 2012.
  3. ^ (EN) Susanthika Jayasinghe - Bio, nbcolympics.com. URL consultato il 24 febbraio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]