Supermarine Walrus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Supermarine Walrus
Un Supermarine Walrus.
Un Supermarine Walrus.
Descrizione
Tipo ricognitore marittimo
Equipaggio 4
Progettista Reginald Joseph Mitchell
Costruttore Regno Unito Supermarine Aviation Works
Data primo volo 21 giugno 1933[1][2]
Data entrata in servizio 1935
Data ritiro dal servizio 1947[1]
Utilizzatore principale Regno Unito FAA
Altri utilizzatori Regno Unito RAF
Australia RAAF
Nuova Zelanda RNZAF
Esemplari 746[1][2]
Dimensioni e pesi
Lunghezza 11,35 m (37 ft 2 in)
Apertura alare 13,97 m (45 ft 8 in)
Altezza 4,65 m (15 ft 3 in)
Superficie alare 56,67 (610 ft²)
Peso a vuoto 2 223 kg (4 900 lb)
Peso max al decollo 3 266 kg (7 200 lb)
Propulsione
Motore un radiale Bristol Pegasus VI, a 9 cilindri raffreddato ad aria
Potenza 775 hp (567 kW)
Prestazioni
Velocità max 217 km/h (135 mph, 117 kt)
Autonomia 966 km (600 mi, 522 nm)
Tangenza 5 200 m (17 100 ft)
Armamento
Mitragliatrici 2 o 3 Vickers K da 7,7 mm (1 a prua e 1 o 2 nella postazione posteriore)
Bombe fino a 272 kg (600 lb)
oppure un carico equivalente di cariche di profondità
Note dati riferiti alla versione Walrus Mk.I

Dati tratti da Enciclopedia l'Aviazione[3],tranne dove integrato.

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Supermarine Walrus (tricheco) era un aereo anfibio biplano a scafo centrale prodotto dalla britannica Supermarine Aviation Works Ltd, entrato in servizio a metà degli anni trenta ed impiegato come ricognitore marittimo durante la seconda guerra mondiale.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Progettato da Reginald Joseph Mitchell, il Walrus è stato sviluppato su una specifica richiesta da parte della Royal Australian Air Force (RAAF) per dotare i propri incrociatori di un velivolo da ricognizione marittima[4].

In sostanza si trattava di uno sviluppo del Seagull del 1922 (tanto che inizialmente venne designato Seagull Mk.V): del predecessore manteneva la struttura complessiva mentre venne sostituita l'unità motrice, passando dal Napier Lion (motore W12, posto in posizione traente) al Bristol Pegasus (radiale, disposto in posizione spingente).

Disegnato per essere lanciato tramite una catapulta, il Walrus (il cui prototipo volò per la prima volta il 21 giugno del 1933) fu il primo velivolo anfibio al mondo dotato di carico bellico ad adottare questa soluzione[5].

Descrizione tecnica[modifica | modifica sorgente]

Struttura[modifica | modifica sorgente]

Il Walrus era un biplano anfibio con carrello di atterraggio retrattile; lo scafo centrale poteva essere metallico (nel caso delle versioni Seagull Mk.V e Walrus Mk.I) o di legno (nella versione Walrus Mk.II); alle estremità delle ali inferiori erano disposti galleggianti stabilizzatori.

Le ali erano ripiegabili, al fine di facilitare lo stivaggio sulle navi che lo impiegavano; l'ingombro del velivolo con le ali ripiegate era di poco inferiore ai 5,50 m.

Motore[modifica | modifica sorgente]

Poco al di sotto dell'ala superiore era posizionato il motore: nel prototipo era impiegato un Bristol Jupiter IX, ma nelle versioni di serie venne installato il radiale Bristol Pegasus VI (motore a 9 cilindri da 775 hp) disposto in posizione spingente; l'elica era di tipo quadripala in legno (ottenuta accoppiando due eliche bipala, avvitate sullo stesso mozzo).

In funzione della disposizione spingente e del senso di rotazione, il flusso d'aria generato dall'elica indirizzato verso gli impennaggi provocava l'imbardata del velivolo; per ovviare a tale inconveniente il motore era disposto disassato di tre gradi.

Armamento[modifica | modifica sorgente]

L'armamento difensivo era costituito da una mitragliatrice Vickers K calibro 7,7 mm sistemata nella postazione di prua e da una o due armi identiche disposte nella postazione situata nel tronco posteriore della fusoliera. In apposite rastrelliere alloggiate sotto l'ala inferiore, potevano essere trasportate bombe o cariche di profondità fino ad un peso massimo di 600 lb (pari a 272 kg)[3].

Impiego operativo[modifica | modifica sorgente]

La prima forza aerea ad impiegare il Walrus (come detto, con la designazione di Seagull Mk.V) fu la Royal Australian Air Force, che lo destinò a bordo degli incrociatori pesanti HMAS Australia e HMAS Canberra e degli incrociatori leggeri HMAS Perth, HMAS Sydney e HMAS Hobart.

L'anno successivo fu la volta della Fleet Air Arm, che impiegò i Walrus su tutte le principali unità della flotta attrezzate per il trasporto di velivoli. La prima consegna fu destinata all'incrociatore leggero HMS Achilles, che all'epoca faceva ancora parte della divisione neozelandese della Royal Navy (la Royal New Zealand Navy divenne una forza autonoma solo nel 1941). Tra le altre, i Walrus vennero impiegati anche dalla nave appoggio idrovolanti HMS Albatross.

Il compito principale dei Walrus era quello di osservatori in favore delle artiglierie delle unità navali di appartenenza; di tale tipologia di impiego si hanno testimonianze limitate alla Battaglia di capo Teulada (ad opera di velivoli basati sugli incrociatori HMS Renown e HMS Manchester) ed alla Battaglia di Capo Matapan (in questo caso si trattò di un solo velivolo imbarcato sull'incrociatore HMS Gloucester)[6].

A partire dal 1943, in ragione del perfezionamento del radar, l'impiego dei velivoli imbarcati sulle unità da battaglia venne progressivamente abbandonato.

Il Walrus venne impiegato anche nella lotta ai sommergibili: almeno 5 sommergibili sono stati gravemente danneggiati o affondati in missioni cui hanno partecipato i Walrus.

Tra questi avvenimenti si ricorda l'affondamento del sommergibile Poncelet (all'epoca in forza alla Repubblica di Vichy), cui prese parte un Walrus imbarcato sull'Albatross e (tra l'altro, l'ultimo in ordine cronologico) quello del sommergibile Ondina, avvenuto l'11 luglio 1942[1].

Tra gli episodi relativi alle missioni antisommergibili, viene ricordata l'infruttuosa caccia ad un sommergibile avvenuta il 3 ottobre 1941: in seguito si scoprì che l'unità interessata apparteneva alla Marina Sovietica[1].

Oltre alle missioni di combattimento, i Walrus vennero frequentemente impiegati anche nelle missioni di soccorso in mare.

Versioni[modifica | modifica sorgente]

Un Supermarine Walrus in versione addestratore presso la RNZAF.
  • Seagull Mk.V: versione iniziale, prodotta su richiesta della Royal Australian Air Force. Motorizzata con un Brisol Pegasus IIM2 e dotata di scafo metallico, venne prodotta in 24 unità.
  • Walrus Mk.I: versione di serie dotata di scafo metallico e motore Bristol Pegasus VI. Prodotta in 555 esemplari, di cui 285 dalla Supermarine ed altri 270 dalla Saunders-Roe.
  • Walrus Mk.II: versione di serie dotata di scafo in legno, prodotta in 191 esemplari dalla Saunders-Roe.

I dati sulle versioni sono tratti da Enciclopedia l'Aviazione[3]e "www.historyofwar.org"[7].

Utilizzatori[modifica | modifica sorgente]

Un Supermarine Walrus appena catapultato dall'incrociatore HMS Bermuda, classe Crown Colony Fiji, della Royal Navy.

Militari[modifica | modifica sorgente]

Argentina Argentina
operò con 8 Walrus 315.[8]
Australia Australia
Canada Canada
Egitto Egitto
Francia Francia
Irlanda Irlanda
Nuova Zelanda Nuova Zelanda
Regno Unito Regno Unito
Turchia Turchia
URSS URSS

Civili[modifica | modifica sorgente]

Australia Australia
Paesi Bassi Paesi Bassi
  • Due velivoli imbarcati sulla baleniera Willem Barendsz
Norvegia Norvegia
Regno Unito Regno Unito

Velivoli comparabili[modifica | modifica sorgente]

bandiera Regno d'Italia

Velivoli esistenti[modifica | modifica sorgente]

Il Seagull V esposto presso il RAF Museum London.

Sono ancora 4 gli esemplari di Walrus arrivati ai nostri giorni di cui uno quasi alle condizioni di volo.

Questo, matricola W2718 (G/RNLI), è parte della collezione del Solent Sky, un museo aeronautico con sede a Southampton, in Inghilterra. Il museo attualmente sta attuando una raccolta di fondi per riportare alle condizioni di volo il proprio velivolo.

Il Walrus HD 874 è conservato presso il Royal Australian Air Force Museum sito a Point Cook nella periferia di Melbourne, Victoria, Australia. Questo esemplare era usato nelle ricognizioni nelle regioni Antartico e nel 1947 rimase gravemente danneggiato da un uragano a Heard Island. Recuperato nel 1980 venne fatto oggetto di un accurato restauro tra il 1993 ed il 2002.

Il RAF Museum London espone il Seagull V A2-4, uno degli originali velivoli australiani che volarono dai diversi incrociatori tra i quali l'HMAS Sydney.[9]

Il Walrus L2301 è esposto presso il Fleet Air Arm Museum di Yeovilton, in Inghilterra. Questo è uno degli esemplari che volarono con l'irlandese Aer Chór na hÉireann prima di essere restituito, dopo la fine della seconda guerra mondiale, alla Fleet Air Arm che lo utilizzò come aereo da addestramento.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e (EN) Supermarine Walrus (Supermarine Seagull) in Fleet Air Arm Archive 1939-1945, http://www.fleetairarmarchive.net/, 4 marzo 2000. URL consultato il 14 agosto 2010.
  2. ^ a b (DE) Palt Karsten, Walrus / Seagull V in das Flugzeuglexicon, http://www.flugzeuginfo.net. URL consultato il 14 agosto 2010.
  3. ^ a b c Achille Boroli, Adolfo Boroli, L'Aviazione (Vol.12), Novara, Istituto Geografico De Agostini, 1983, p.133.
  4. ^ (EN) Friend or Foe in Flight, 21 agosto 1941. URL consultato il 13 agosto 2010.
  5. ^ (EN) The Supermarine Seagull Mark V in Flight, 29 marzo 1934. URL consultato il 16 agosto 2010.
  6. ^ (EN) C.F. Andrews, E.B. Morgan, Supermarine Aircraft Since 1914, Londra, Putnam Books Ltd., 2003, p.196-7, ISBN 0-85177-800-3.
  7. ^ (EN) J. Ricard, Supermarine Walrus in Military History Encyclopedia on the Web, http://www.historyofwar.org, Data di pubblicazione 30-10-2008. URL consultato il 16 agosto 2010.
  8. ^ (EN) Oskar Myszor, Aviación Naval Argentina in Historical Handbook of World Navies (since 1750), http://www.hicon.pl/~pothkan/hhwn/index.html, 15 marzo 2009. URL consultato il 14 ago 2010.
  9. ^ (EN) Supermarine Seagull V, Royal Air Force Museum, London. URL consultato il 06.10.2008.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) C.F. Andrews, E.B. Morgan, Supermarine Aircraft Since 1914 (2.a edizione, rivisitata), Londra, Putnam Books Ltd., 2003, ISBN 0-85177-800-3.
  • Enzo Angelucci, Paolo Matricardi, Guida agli Aeroplani di tutto il Mondo (Vol.5), Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1979, p.16.
  • Achille Boroli, Adolfo Boroli, L'Aviazione (Vol.12), Novara, Istituto Geografico De Agostini, 1983, p.133.
  • (EN) William Green, War Planes of the Second World War (Vol.5: Flying Boats), Londra, Macdonald & Co.(Publishers) Ltd., 1962, ISBN 0-356-01449-5.
  • (EN) James Kightly, Roger Wallsgrove, Supermarine Walrus & Stranraer, Sandomierz, Polonia/Redbourn, UK, Mushroom Model Publications, 2004, ISBN 83-917178-9-5.

Pubblicazioni[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) David Brown, Supermarine Walrus I & Seagull V Variants in Aircraft in Profile, vol. 11, 1972.
  • (EN) Alan W. Hall, Aircraft in Detail-The Supermarine Walrus in Scale Aircraft Modelling Magazine, vol. 8, nº 7, aprile 1986.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Video[modifica | modifica sorgente]