HMNZS Achilles (70)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
HMS, poi HNZMS Achilles
HMNZS Achilles SLV AllanGreen.jpg
Descrizione generale
Naval Ensign of the United Kingdom.svg
TipoIncrociatore leggero
ClasseLeander
ProprietàNaval Ensign of the United Kingdom.svg Royal Navy
Naval Ensign of New Zealand.svg Royal New Zealand Navy
Naval Ensign of India.svg Indian Navy (INS Delhi)
Identificazione70
CostruttoriCammell Laird
CantiereBirkenhead, Inghilterra
Impostazione11 giugno 1931
Varo11 settembre 1932
Entrata in servizioNaval Ensign of the United Kingdom.svg Royal Navy: 10 ottobre 1933
Naval Ensign of New Zealand.svg Royal New Zealand Navy: 1º ottobre 1941
Naval Ensign of India.svg Indian Navy: 1948
Radiazione1948
Destino finaleVenduto alla Indian navy il 5 luglio 1948
Caratteristiche generali
Dislocamento9.740
Lunghezza169,3 m
Larghezza17 m
Pescaggio5,8 m
Propulsionevapore:
Velocità32 nodi (59 km/h)
Autonomia5.730 miglia a 13 nodi
Equipaggio570
Armamento
Armamentoartiglieria alla costruzione:
  • 8 cannoni da 152/50 mm in 4 torri binate
  • 4 cannoni singoli da 102/45 mm
    sostituiti da 8 cannoni da 102/45mm in 4 torri binate
  • 12 mitragliere da 12,7 mm
  • siluri:

    CorazzaturaDepositi munizioni: 76 mm
    Ponte di coperta: 25mm
    Torrette: 25mm
    Mezzi aereiFairey Seafox
    (in origine)

    Successivamente:

    [senza fonte]

    voci di incrociatori presenti su Wikipedia

    L'HMNZS Achilles (Pennant number 70), quinta nave da guerra britannica a portare questo nome, è stato un incrociatore leggero della Classe Leander della Royal Navy. Venne impostata nei cantieri Cammell-Laird l'11 giugno 1931, varata l'11 settembre 1932 ed entrò in servizio il 10 ottobre 1933. Divenne famoso soprattutto per aver partecipato il 13 dicembre 1939 alla Battaglia del Rio della Plata nella quale, assieme al gemello Ajax e all'incrociatore pesante Exeter, danneggiò col tiro dei cannoni la corazzata tascabile tedesca Admiral Graf Spee che in seguito fu costretta ad autoaffondarsi al largo di Montevideo, Uruguay.

    Successivamente il 23 febbraio 1940 si portò ad Auckland, Nuova Zelanda, dove entrò nello ANZAC Squadron; nel settembre 1941 venne ceduto alla costituenda Royal New Zealand Navy, acquisendo il prefisso HMNZS (His Majesty's New Zealand Ship ed impegnato sul fronte del Pacifico, partecipando alla campagna di Guadalcanal e alla battaglia di Okinawa[1].

    Servizio[modifica | modifica wikitesto]

    Anni 30[modifica | modifica wikitesto]

    Al momento dell'ingresso in servizio l'Achilles venne assegnata al New Zealand Squadron, che raggruppava navi equipaggiate principalmente con neozelandesi. Pochi mesi prima dello scoppio della seconda guerra mondiale venne assegnato alla Divisione sudamericana, dove rimase dopo l'inizio delle ostilità.

    La seconda guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

    1939-1941[modifica | modifica wikitesto]

    Gli incrociatori leggeri Alleati HMS Achilles ed HMS Ajax durante l'inseguimento all'Admiral Graf Spee

    Il 3 settembre 1939 giorno dell'entrata in guerra del Regno Unito, intercettò le navi tedesche Olinda e Carl Fritzen, che si autoaffondarono prima di essere catturate. Per il resto del mese rimase di pattuglia nella zona delle isole Falkland, venendo impiegata dall'inizio del mese di ottobre nella caccia alla corsara tedesca Graf Spee. Il 5 dicembre intercettò insieme alla Cumberland il mercantile tedesco Usskuma, autoaffondato anche questo dall'equipaggio. Il 13 dicembre prese parte alla battaglia del Rio de la Plata insieme agli incrociatori Exeter e Ajax, costringendo la Graf Spee a riparare nel porto di Montevideo, dove si sarebbe autoaffondata pochi giorni dopo.

    1942-1945[modifica | modifica wikitesto]

    La HMNZS Achilles ormeggiata in una foto dell'Archivio di Stato del Queensland.

    Nel dopoguerra[modifica | modifica wikitesto]

    Note[modifica | modifica wikitesto]

    1. ^ http://www.naval-history.net/xGM-Chrono-06CL-Achilles.htm HMS Achilles - Leander-class Light Cruiser

    Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

    Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

    Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

    Marina Portale Marina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di marina