Studio 100 Tv

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Studio 100 TV
Logoicona.png
Paese Italia Italia
Lingua italiano
Tipo generalista
Target tutti
Slogan per me no grazie, per me Studio 100!
Data di lancio 1978
Formato 4:3 576i (SDTV)
Editore Gaspare Cardamone
Sito www.studio100.it
Diffusione
Terrestre
Digitale DVB-T in Puglia FTA nel mux Jet srl (LCN 15 Taranto) (LCN 187 Brindisi)
Streaming
Sito http://www.studio100.it

Studio 100 è un'emittente televisiva locale che trasmette sul territorio di Taranto e del Salento: le province raggiunte dal segnale sono quelle di Taranto e Brindisi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La nascita[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1976 nacque a Taranto una delle prime radio locali del sud Italia: Studio 100 Radio. Gli ascolti premiarono l'iniziativa editoriale, tanto che nel 1978 venne affiancata alla radio l'emittente televisiva Studio 100 Tv. Inizialmente, il segnale trasmesso dalla neonata tv raggiungeva solo l'hinterland tarantino, sconfinando appena nella vicina provincia di Matera.

Gli anni ottanta e novanta[modifica | modifica wikitesto]

Studio 100 ha presto acquisito consensi nelle località raggiunte dal suo segnale, posizionandosi al quarto posto tra le tv locali più seguite nella Puglia[senza fonte] con una programmazione basata su cartoni animati e telefilm apprezzati da un'ampia fetta di pubblico. L'informazione è partita il 13 marzo 1989 con il primo direttore responsabile Rocco Tancredi, in carica fino al febbraio seguente. Con il direttore successivo le edizioni del telegiornale 100 Notizie sono diventate tre, della durata di circa un'ora (inclusa la pubblicità) alle ore 14.00, alle ore 19.30 ed alle ore 22.30, seguite dall'approfondimento sportivo 100 Sport. Proprio lo sport ha acquisito con il tempo uno spazio progressivamente più ampio nella programmazione di Studio 100 Tv: alla fine degli anni novanta ebbero inizio le dirette domenicali con i collegamenti dai campi di calcio della provincia e nacque la trasmissione 100 Sport Magazine, condotta dal caporedattore della redazione sportiva Gianni Sebastio.

Gli anni duemila[modifica | modifica wikitesto]

I dirigenti dell'emittente decidono di puntare sempre più sull'informazione, specie sportiva dopo il successo di 100 Sport Magazine, la cui programmazione viene estesa con l'edizione mattutina delle ore 7.30. Il direttore della redazione giornalistica Walter Baldacconi conduce l'approfondimento locale il venerdì sera con la trasmissione Speciale 100 Notizie.

Nell 2004 il palinsesto dell'emittente propone il format televisivo Studio 100 By Night, contenitore di eventi, gossip, spettacolo, cultura e inserti che raccontano gli avvenimenti in Italia, visti in chiave goliardica, sotto la conduzione di Alfonso Zambrano.

I vertici di Studio 100 Tv decidono di estendere la copertura dell'emittente, raggiungendo la provincia di Brindisi. Con la tecnica dello "splittaggio" vanno in onda contemporaneamente trasmissioni giornalistiche diverse per Taranto e Brindisi. Dopo qualche mese, si decise di estendere ulteriormente la portata del segnale fino a raggiungere la provincia di Lecce: nacque così anche nel capoluogo salentino una redazione giornalistica autonoma. 100 Notizie ha nella sua programmazione un telegiornale regionale e tre telegiornali autonomi per le province di Taranto, Brindisi e Lecce.

Gli investimenti del gruppo dirigente continuano nel 2006, con l'avvio del canale satellitare Studio 100 Sat, visibile in chiaro su Hotbird e sulla piattaforma Sky, memorizzato al canale 925 dello SkyBox.

Nella programmazione 2008-2009 viene lanciato il contenitore del mattino Live, condotto da Nicla Pastore.

Nel 2010 l'emittente abbandona le trasmissioni sul satellite Hotbird per trasmettere in forma sperimentale sul digitale terrestre.

Copertura[modifica | modifica wikitesto]

Dal 25 maggio 2012, in seguito allo switch off in analogico della Puglia, l'emittente è visibile nell'intera regione sui canali 15 e 187 del digitale terrestre, quest'ultimo caratterizzato da alcuni contenuti rivolti al pubblico brindisino.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione