Stazione di Genova Pontedecimo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Genova Pontedecimo
stazione ferroviaria
Fabbricato viaggiatori Genova Pontedecimo.jpg
Localizzazione
Stato  Italia
LocalitàGenova, località Pontedecimo
Coordinate44°29′39.12″N 8°54′20.99″E / 44.4942°N 8.90583°E44.4942; 8.90583
Lineeferrovia Torino-Genova e ferrovia Milano-Genova
Caratteristiche
TipoStazione in superficie, passante
Stato attualeIn uso
GestoreRFI
Attivazione1853
Binari3
InterscambiAutobus urbani e provinciali AMT Genova
 

La stazione di Genova Pontedecimo è una stazione ferroviaria situata sulla linea Torino-Genova.
Prende il nome dell'omonimo quartiere genovese della Val Polcevera posto sulla strada dei Giovi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La stazione fu inaugurata nel 1853.

Nel corso degli anni sono state effettuati dei riammodernamenti della stazione, infatti nell'aprile 1970 la disposizione degli spazi appariva diverso da oggi, infatti l'attuale sala d'attesa era un tempo un semplice corridoio d'uscita ed un archivio, ed il vano considerato all'epoca come spogliatoio è l'attuale biglietteria con personale.

Pianta del piano terra del fabbricato viaggiatori nel aprile 1970

La stazione era dotata anche di un capannone per le merci ma il 21 settembre 2019 ha preso fuoco, erano presenti altri 7 binari che svolgevano servizio merci, ed erano anche stati elettrificati, ma ad oggi solo 2 binari per servizio merci funzionano ancora, anche se è stata tolta l'elettrificazione. Ad oggi l'area del capannone è diventato un parcheggio per i mezzi RFI e un punto di svolta per il servizio bus offerto da ATP Esercizio, ora AMT (Genova). Sui binari, ormai morti si trovano decine di mulinetti accantonati da RFI, in aggiunta all'erba alta.

Da qualche anno è stato rimosso il sovrappassaggio, che collegava il binario uno al due, senza dover utilizzare il sottopassaggio.

Da qualche anno il binario tre non effettua più servizio viaggiatori, quindi è stata rimossa la segnaletica che ne indica la presenza, anche se nel autunno 2021 un treno regionale proveniente da Genova Brignole aveva come termine corsa del treno proprio la stazione di Pontedecimo, quindi il treno si è fermato al Binario 3.

Strutture e impianti[modifica | modifica wikitesto]

La stazione è dotata di un fabbricato viaggiatori con sala d'attesa e biglietteria con personale, servizi igienici, un sottopasso, e un ulteriore sala d'attesa al binario due. Possiede tre binari passanti che svolgono servizio viaggiatori, più sette binari che svolgono servizio merci, di cui 4 passanti e gli altri tronchi, con annesso il relativo capannone.[1]

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

Per quello che riguarda la categorizzazione delle stazioni[2] RFI la considera di categoria silver.[3]

La stazione dispone di:

  • Sottopassaggio Sottopassaggio
  • Biglietteria a sportello Biglietteria a sportello
  • Biglietteria automatica Biglietteria automatica
  • Sala d'attesa Sala d'attesa
  • Servizi igienici Servizi igienici
  • Videosorveglianza Stazione video sorvegliata


Nel dicembre 2021 sono in corso opere di riqualificazione del sottopasso.

Rete Ferroviaria Italiana tramite un cartello posto nel 2011 è spiacente di comunicare la temporanea chiusura della sala d'attesa e dei bagni di questa stazione, con la conseguente sospensione della biglietteria con personale, ufficialmente mai chiusa. La chiusura è dovuta a continui e e gravi atti vandalici, compiuti da ignoti a danno della collettività hanno reso la situazione insostenibile, inoltre, sempre RFI, informa che sono in corso opere di ripristino.

La sala d'attesa al binario due è stata oggetto di rimozione di una delle vetrate, per evitare eventuali bivacchi; inoltre Rete Ferroviaria Italiana ha in programma la totale rimozione di quella sala d'attesa e la creazione, sempre in quello spazio, di uno spazio d'attesa sul tipo fermata d'autobus.

Interscambio[modifica | modifica wikitesto]

  • Fermata autobus Fermata autobus servizio urbano
  • Fermata autobus Fermata autobus servizio provinciale
  • ParcheggioParcheggio di scambio gratuito

Proprio sotto la stazione troviamo varie fermate bus, come le line del servizio urbano 7-9 ed il capolinea del 63 e del 63/. Troviamo anche la fermata bus del servizio di trasporto pubblico provinciale, servizio che fino al 31 dicembre 2021 era gestito da ATP Esercizio, ora assorbita da AMT (Genova), già gestore del servizio urbano.

Il servizio extraurbano offre un collegamento alla provincia, tramite il gruppo H, che da Pontedecimo arriva a Isoverde, frazione del comune di Campomorone, inoltre questo gruppo ha le sue diramazioni verso: San Martino, Sareto, Gaiazza, Langasco, Cravasco, Gallaneto e Santo Stefano. Troviamo anche il gruppo F, che collega la stazione di Pontedecimo con la Stazione di Busalla, attraverso Passo dei Giovi, quindi passando per la stazione di Piano Orizzontale dei Giovi e la stazione di Mignanego ,troviamo la diramazione per Paveto (Mignanego)

Dopo la rimozione di dei binari è nato il parcheggio di scambio, gestito fino a maggio 2015 da Metropark S.p.A. controllata da FS Sistemi Urbani che fa parte del gruppo Ferrovie dello Stato. Questo parcheggio quindi era a pagamento, con la presenza di sbarre; ma dopo un breve periodo di chiusura il parcheggio passo in gestione al Comune di Genova che lo rese gratuito, con la rimozione della sbarra.

Strutture vicine e progetti[modifica | modifica wikitesto]

Per tanti anni la stazione ha avuto una particolare cura e manutenzione da parte del DLF di Pontedecimo, che era posto proprio accanto alla stazione ed era dotata di: bar, palestre, campo da bocce e spazi verdi esterni direttamente accessibili dal binario 1, vicino alle ritirate. Il dopolavoro ha eseguito, in collaborazione con Ferrovie dello Stato delle opere per rendere la stazione più piacevole per i passeggeri, come ad esempio l’installazione di una tettoia verde che copre una fontana d’acqua.

Gli studenti della Scuola Media Don Orengo, dell’Istituto Comprensivo Pontedecimo, nell’ambito del progetto di riqualificazione dello scalo ferroviario ligure ‘Treno dell’Arté, voluto da Ferrovie dello Stato in collaborazione con il Dopolavoro Ferroviario, hanno riprodotti lungo le pareti del tunnel di collegamento fra i binari opere di Monet, De Chirico, Klee Russolo e Depero. Questi falsi d’autore nel dicembre 2021 sono stati rimossi.

Ad oggi il dopolavoro è stato chiuso e si trova in un evidente stato di abbandono e degrado.


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mappa stazioni italiane per regione Archiviato il 12 settembre 2008 in Internet Archive. (sottopagina liguria), sul sito di RFI SpA
  2. ^ Le categorie delle stazioni ferroviarie Archiviato il 13 luglio 2008 in Internet Archive., sul sito di RFI SpA
  3. ^ Mappa stazioni italiane per regione Archiviato il 12 settembre 2008 in Internet Archive. (sottopagina liguria), sul sito di RFI SpA

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]