Sonda per introduzione liquida diretta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

In spettrometria di massa la sonda per introduzione liquida diretta (in inglese direct liquid introduction probe) è un'interfaccia non ionizzante per accoppiare la cromatografia liquida alla spettrometria. Questa interfaccia dà bassa sensibilità.

Si indica comunemente con la sigla DLI (dalla lingua inglese Direct Liquid Introduction).

Meccanismo[modifica | modifica wikitesto]

Il liquido passa in un capillare con una piccola predita (circa 5 µm). La parte che esce evapora essendo esposta al vuoto e il solvente in fase gassosa diventa gas reagente per la ionizzazione chimica. Non posso ionizzare con altri metodi.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia