Slender Man

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Slender Man
Тонкий человек.jpg

Illustrazione dello Slender Man

Anno 2009 - oggi
Stato Attivo
Origine Something Awful
Fenomeno internetiano Copypasta
Genere di fenomeno internetiano Creepypasta
Tipo di letteratura
Genere letterario Racconto
Narrativa di genere Thriller; Soprannaturale
Stile di narrazione Leggenda
Tipo di creepypasta
Tipologia di creepypasta Assimilata
Genere di creepypasta Leggenda metropolitana
Influenza
Tendenza fenomeno Google Trends
World Map - seographical areas affected by the Slender Man phenomenon.svg

Lo Slender Man (letteralmente uomo snello) o ,più semplicemente Slender, è un personaggio immaginario protagonista di racconti dell'orrore del genere creepypasta e di videogiochi, nato e diffusosi come fenomeno di Internet.[1] Venne creato nel 2009 da Erik Knudsen, noto col nome d'arte di Victor Surge, per un concorso fotografico sul sito Something Awful[2]. Il personaggio ha avuto numerosi adattamenti e compare in serie tv, cartoni animati e videogiochi come easter egg ed è stato oggetto anche di un caso di cronaca, l'Accoltellamento di Slender Man.

Genesi del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio venne creato da Erik Knudsen nel 2009 e venne reso pubblico attraverso il sito web Something Awful, in seguito a un concorso fotografico che si basava sull'idea di usare il fotoritocco per aggiungere dettagli macabri o entità misteriose nelle foto.[2][3] Il personaggio nelle illustrazioni create da Knudsen appariva spesso insieme a dei bambini in alcuni parchi giochi; le immagini erano modificate con un filtro seppia per ricreare l'effetto di una foto invecchiata, corredate da una breve didascalia. Il personaggio impressionò la giuria e Knudsen vinse il concorso, riscuotendo un enorme successo e divenendo protagonista di numerose creepypasta (brevi racconti horror) e di numerose opere fan art, le quali diedero vita a un vero e proprio fandom. In un'intervista pubblicata sul sito Know Your Meme, Knudsen dichiarò di essersi ispirato a leggende popolari come l’uomo nero, le opere di Howard Phillips Lovecraft, Zack Parsons, e Stephen King (in particolare al romanzo La nebbia) e ai libri dello scrittore surrealista William Seward Burroughs II.[2][4]

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

La prima vera diffusione del personaggio avvenne tramite la piattaforma YouTube con il canale MarbleHornets, sul quale vennero caricati una serie di video in stile finto documentario. Nei filmati dei ragazzi, con l'aiuto di una telecamera amatoriale, riprendevano eventi misteriosi per un concorso scolastico. Durante le riprese, l'essere fu avvistato più volte e i ragazzi ne furono perseguitati. In questi video, l'entità viene chiamata The Operator (l'operatore) e agisce insieme a due persone da lui controllate e soprannominate Masky e Hoody (Timothy e Brian nell'edizione italiana) per via del fatto che indossano rispettivamente una maschera e una felpa, obbedendo ciecamente all'operatore e tenendo nascosta la loro identità. La webserie riscosse un enorme successo, tanto che ne fu estratto un adattamento cinematografico.[5]

Il primo simbolo viene usato da molte vittime per rappresentare Slender Man in una forma simbolica molto semplice. Questo simbolo viene usato per la prima volta nel videogioco Slender: The Eight Pages, in una delle 8 pagine che si devono recuperare nel gioco.
Il secondo simbolo viene usato dai Proxy per indicare la volontà di Slender Man o per autorappresentarsi, in una forma simbolica molto semplice. Il simbolo viene usato molto spesso per indicare i Proxy ma assume molteplici significati in base all'utilizzo. Questo logo venne usato per la prima volta nella webserie Marble Hornets per indicare The Operator (Slender Man).

Caratterizzazione del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Aspetto fisico[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio è un uomo di carnagione bianca e dalla testa calva di corporatura snella, molto alto[6] e col volto privo di occhi, bocca e orecchie; ha due braccia lunghe fino alle ginocchia che terminano in grosse mani con dita provviste di artigli; inoltre, dalla sua schiena fuoriescono tentacoli neri (da 4 a 8). Indossa un abito nero con una cravatta rossa che venne aggiunta dai fan.[7]

Attività[modifica | modifica wikitesto]

È abitualmente dedito al sequestro di persona di bambini e adolescenti ma non è raro che prenda di mira anche gli adulti. Si trova spesso nelle foreste o in luoghi abbandonati e pieni di bambini, ma sono stati segnalati avvistamenti anche in zone di villaggi abitati. Una volta che ha scelto la sua preda, può seguirla fino in città o in casa o addirittura perseguitarlo in capo al mondo, non lascerà mai la sua preda perché lui può teletrasportarsi, rendendosi visibile soltanto a lei e i suoi amici e familiari. Di solito le sue apparizioni avvengono gradualmente: all'inizio si limita ad apparire sui tetti delle case, in lontananza o a lasciare indizi sulla sua presenza, ad esempio video, messaggi o chiamate, ma col passare del tempo le sue apparizioni diventano sempre più frequenti. Più parli di lui e più hai occasione di incontrarlo. Le vittime dello Slender Man entrano in paranoia o in diarrea, cominciano ad avere allucinazioni, febbre, risate isteriche, pensieri volgari e malesseri vari, tranne i bambini che a volte assumono un comportamento molto amichevole con gli altri per poi incastrarli, facilitandogli così la cattura.

Poteri[modifica | modifica wikitesto]

Lo Slender Man possiede diversi poteri: uno dei più conosciuti è la capacità di teletrasportarsi (o muoversi molto velocemente) da un luogo all'altro e di mimetizzarsi nell'ambiente circostante. È inoltre in grado di causare interferenze a tutti i componenti elettronici e apparecchiature elettroniche, capacità molto usata nei videogiochi Slender: The Eight Pages e nel suo seguito Slender: The Arrival. Sempre nei due videogiochi, la presenza dell'entità causa anche problemi con le fonti di luce. Può provocare inoltre malesseri come: vertigini, nausea, disorientamento, vomito, mal di testa, svenimento, perdita di memoria temporanea e sanguinamenti vari. Vi sono poi sintomi più gravi, quali insonnia, paranoia, aggressività, panico, ansia, allucinazioni, autolesionismo, disturbo dissociativo dell'identità e disturbo ossessivo-compulsivo. Questi sintomi vengono associati alla Slender Man Sickness (in italiano Malattia dello Slender Man) che sono gli effetti delle sue interferenze. Lo Slender Man possiede anche la capacità di trasformare le sue vittime in proxy (che significa intermediario), che usa per diversi scopi. In alcuni casi, certi proxy non adempiono ai suoi ordini e vengono ripudiati o eliminati: alcuni si ribellano e prendono il nome di Mutinoxy[8].

Proprietà intellettuale[modifica | modifica wikitesto]

Il personaggio non è di dominio pubblico poiché Knudsen ha registrato un copyright sul nome "Slender Man" nel gennaio 2010.[9] Diverse imprese a fini di lucro che coinvolgono la figura Slender Man hanno inequivocabilmente riconosciuto Knudsen come il creatore di questo personaggio; inoltre, alcuni progetti commerciali, compreso un film finanziato su Kickstarter, sono stati bloccati a seguito delle denunce legali dei detentori dei diritti.[2] Anche se Knudsen ha dato la sua approvazione a una serie di progetti correlati (webserie e opere sul web), il tutto è complicato dal fatto che, nonostante lui sia il creatore del personaggio, i diritti di adattamento in altri media, incluso il cinema e la televisione, sono in possesso di terzi. L'identità del detentore dei diritti non è stata resa pubblica.[2] Lo stesso Knudsen ha dichiarato e sostenuto che la sua applicazione del diritto d'autore non ha che fare con i soldi bensì con l'integrità artistica del personaggio stesso.[9]

Terminologia[modifica | modifica wikitesto]

Nelle numerose opere legate allo Slender Man, sono stati coniati alcuni termini utilizzati per indicare il personaggio stesso o entità in qualche modo collegate ad esso.

  • The Operator: Il termine The Operator (in italiano: l'Operatore) viene usato per indicare Slender Man nella webserie Marble Hornets.[10][11]
  • Proxy: Il termine Proxy (in italiano: Intermediario) viene usato per indicare le entità o persone che sono sotto l'influenza o il controllo di Slender Man. Questo termine è stato usato per la prima volta nell'ARG (Alternate Reality Game) DarkHarvest00.[12]
  • Mutinoxy o Reneged: Il termine Mutinoxy viene usato per indicare entità o persone che sono riuscite a liberarsi dal controllo di Slender Man. Il termine Mutinoxy, derivato dall'incrocio delle parole Mutinous (in italiano: Ammutinato) e Proxy, viene usato dai Proxy per riferirsi ai Proxy traditori. Il termine viene utilizzato nella scrittura delle Creepypasta Proxy che vedono come protagonisti Slender Man, Proxy e Mutinoxy. In seguito il temine per riferissi ai Mutinoxy viene sostituito con Reneged (in italiano: Rinnegato).
  • The Collective (in italiano: I collettivi): gruppi di Proxy che praticano le volontà di Slender Man. Si dividono principalmente in due categorie: i Guardians (in italiano: Guardiani) si occupano di salvaguardare il gruppo dalle minacce degli The Hunters (in italiano: I cacciatori), mentre i Served (in italiano: Servi) si occupano di eseguire la volontà di Slender Man, ad esempio lasciando o rimuovendo indizi.[13] Questo termine è stato introdotto per la prima volta nell'ARG TribeTwelve.[14]
  • The Renegades (in italiano: I rinnegati): gruppi di Mutinoxy che hanno deciso di vivere insieme per sopravvivere alla persecuzione da parte dei Proxy o di cercare di eliminare la maledizione di Slender Man che li ha condannati. Il termine viene usato nella scrittura dei creepypasta che vedono come protagonisti Slender Man o i Proxy.
  • The Hunters (in italiano: I cacciatori): coloro che danno la caccia a Slender Man, come ad esempio gli agenti della SCP Foundation. Il termine viene utilizzato nella scrittura dei creepypasta che riguardano la SCP Foundation o individui che danno la caccia a Slender Man.[15]

Influenza culturale[modifica | modifica wikitesto]

Avvenimenti di cronaca[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 31 maggio 2014, nello stato del Wisconsin, nella contea di Milwaukee, due dodicenni, Morgan E. Geyser e Anissa E. Weier, accoltellarono una loro coetanea. Il caso divenne uno dei più seguiti negli Stati Uniti d'America. Le due bambine affermarono poi di voler effettuare un sacrificio umano al personaggio, e il caso venne quindi ricordato come Accoltellamento di "Slender Man".[16][17]
  • Nello Stato dello Ohio, nella città di Hamilton, il 6 giugno 2014 una madre di ritorno dal lavoro venne aggredita in cucina da sua figlia tredicenne con indosso una maschera bianca; la figlia venne quindi arrestata per tentato omicidio e condannata a scontare una pena detentiva in un centro di detenzione giovanile; anche in questo caso la figlia era ossessionata dal personaggio.[18][19]
  • Nello Stato della Florida, nella città di Port Richey, una quattordicenne, Lily Marie Hartwell, ossessionata dal personaggio, diede alle fiamme la casa con dentro sua madre e il fratello di 9 anni che riuscirono a salvarsi grazie all'antincendio della casa; non vedendo la figlia, la madre cercò invano di rientrare per cercarla, e lo stesso fecero i pompieri che poi ipotizzaro che non fosse all'interno della casa; più tardi la quattordicenne contattò la madre con un messaggio dichiarando di essere stata lei a causare l'incendio. L'adolescente fu rintracciata e arrestata dalle forze dell'ordine per incendio doloso e duplice tentato omicidio nei confronti della madre e del fratellino. Anche in questo caso furono riscontrati influenze del personaggio sulla ragazza.[20][21]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi:

Lungometraggi:

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

  • Beware the Slenderman - documentario di 1 h 57 min della HBO (2016).[40]

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

La grande popolarità di Slender Man portò molti fan a creare dei fan game dedicati al personaggio. Il primo videogioco a riscuotere un discreto successo fu Slender: The Eight Pages, originariamente conosciuto come Slender[41], un survival horror sviluppato dalla Parsec Productions e rilasciato gratuitamente nel 2012. Il titolo successivo fu Slender's Woods, pubblicato il 19 ottobre 2012 da Zykov Eddy e Aseptic Void[42][43]. La popolarità del videogioco fu dovuta in parte ai numerosi video di gameplay pubblicati su YouTube dai videogiocatori e per le recensioni di numerosi siti e riviste dedicati al mondo dei videogiochi[44][45][46]. Sulla scia del successo, alcuni sviluppatori indipendenti pubblicarono Slender Man's Shadow, considerato il sequel non ufficiale del famoso Slender: The Eight Pages. Nel marzo 2013 la Parsec Productions con la collaborazione della Blue Isle Studios pubblicò Slender: The Arrival, "il primo videogioco multipiattaforma dedicato al personaggio, sequel ufficiale di Slender: The Eight Pages".[47] Il videogioco è stato distribuito per PC e per le console PlayStation 3 e Xbox 360. Slender: The Arrival è stato il primo videogioco sullo Slender Man distribuito a pagamento[48][49]. Nel dicembre 2014, un fan italiano chiamato Luca Bersiga, sviluppò un fan game intitolato: Slender: Lo Sguardo Dell'Orrore, ispirato al capostipite Slender: The Eight Pages.[50]

Leggende metropolitane[modifica | modifica wikitesto]

La grande influenza del personaggio ha dato origine a numerose opere immaginarie create dai fan, al punto che si sono create intorno a esse diverse leggende metropolitane. Le leggende metropolitane più note sono quella incentrate sui riferimenti storici sullo Slender Man. I riferimenti sono ambientati in luoghi storici reali o fittizi in cui vengono trovati manufatti, opere o documenti che fanno riferimento a misteriose creature simili allo Slender Man.[51][52][53] Queste opere inventate dai fan hanno contribuito alla diffusione virale del personaggio, tanto da far credere che esistesse realmente.[54]

Altre citazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Aleks Krotoski, un commentatore della BBC Radio 4, si è riferito allo Slender Man come "Il primo grande mito del web".[55]
  • Tye Van Horn, uno scrittore della The Elm, ha dichiarato che lo Slender Man è la personificazione della paura verso l'ignoto.[56]
  • Eric Knudsen potrebbe aver creato il personaggio Slender Man ispirandosi su un altro personaggio creato da Ben Croshaw nel 2003, in una serie di videogiochi intitolati Chzo Mythos. La serie di giochi comprende un capitolo intitolato: Trilby's Notes, dove una creatura chiamata "Cabadath", a volte indicata come "Tall Man", presenta notevoli similitudini con lo Slender Men. Il personaggio viene descritto come un uomo alto e magro, dal volto vuoto, vestito con un lungo cappotto nero.[57]

Altre opere ispirate[modifica | modifica wikitesto]

  • Nell'episodio 2 della terza stagione di Lost Girl, Una creatura si presenta con l'aspetto del Slender Man e con poteri simili. Quando l'eroina le chiede che cosa è, egli risponde che tra i tanti nomi che gli sono stati dati, Slender Man è uno dei più recenti.[58]
  • Il film I bambini di Cold Rock (titolo originale: "The Tall Man"), narra di una piccola città negli USA, dove molti bambini sono scomparsi senza lasciare traccia. La superstizione cittadina parla di un uomo alto e scuro, che li rapisce nel cuore della notte. Si pensa che il film si sia ispirato allo Slender Man.[51]
  • Nel videogioco Minecraft, esiste un mostro chiamato Enderman chiaramente ispirato allo Slender Man sia per il nome che per le abilità. Lo stesso Notch ha dichiarato, nella discussione su Reddit, che avrebbe dato un nome che avrebbe fatto riferimento allo Slender Man, poiché si era ispirato a quest'ultimo per creare l'Enderman.[59][60]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Sito ufficiale The Daily Dot: The definitive guide to creepypasta-the Internet’s scariest urban legends, su dailydot.com, 31 ottobre 2012. URL consultato il 2 febbraio 2014.
  2. ^ a b c d e (EN) Sito ufficiale The Daily Dot: How the Internet's creepiest meme mutated from thought experiment to Hollywood blockbuster, su dailydot.com, 21 agosto 2013. URL consultato il 21 gennaio 2015.
  3. ^ (EN) Sito Internet Archive Wayback Machine: Pagina del Forum Something Awful - Discussione del forum in cui Slender Man è stato creato, su forums.somethingawful.com, 10 giugno 2009. URL consultato il 21 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 20 gennaio 2012).
  4. ^ (EN) Sito ufficiale CBC News: Slender Man stabbings - Who is Slender Man?, su cbc.ca, 3 giugno 2014. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  5. ^ (EN) Sito ufficiale Variety: ‘Marble Hornets’ Flying to Bigscreen, in Variety, 25 febbraio 2013. URL consultato il 21 gennaio 2015.
  6. ^ L'altezza è stata calcolata sulla base dello Slender Man che appare all'interno della casa di Kate nel videogioco Slender: The Arrival. Vedi video:(EN) Sito ufficiale YouTube canale: Raketenbaum - video: Slender the Arrival: Play with the Slenderman! [Hardcore-Slender!!!], su youtube.com, 6 aprile 2013.
  7. ^ (EN) Sito ufficiale Google Libri: What Happens Next? ISBN 978-1-59884-634-8, su books.google.it. URL consultato il 2 febbraio 2014.
  8. ^ La parole deriva dall'incrocio di due parole inglesi: Mutinous e Proxy
  9. ^ a b (EN) Sito ufficiale ON The Media: #13 - Managing a Monster, su onthemedia.org, 30 gennaio 2014. URL consultato il 21 gennaio 2015.
  10. ^ (EN) Sito ufficiale Wiki: The Slender Man Wiki: The Operator, su theslenderman.wikia.com. URL consultato il 12 marzo 2015.
  11. ^ (EN) Sito ufficiale Google Libri: Internet Horror, Science Fiction and Fantasy Television Series, 1998-2013, su books.google.it. URL consultato il 9 marzo 2015.
  12. ^ (EN) Sito ufficiale Wiki: The Slender Man Wiki: Proxy, su theslenderman.wikia.com. URL consultato il 12 marzo 2015.
  13. ^ I dettagli dei Guardians e dei Served sono stati aggiunti dai fan che hanno ampliato l’idea.
  14. ^ (EN) Sito ufficiale Wiki: The Slender Man Wiki: Collective, su theslenderman.wikia.com. URL consultato il 12 marzo 2015.
  15. ^ Dettagli aggiunti dai fan delle Creepypasta e degli SCP Foundation che hanno ampliato l’idea delle Creepypasta Proxy.
  16. ^ (EN) Sito ufficiale TMJ4: Girls charged in Waukesha stabbing motivated by 'Slender Man' character, in TMJ4, 31 maggio 2014. URL consultato il 22 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 22 gennaio 2015).
  17. ^ (EN) Sito ufficiale MailOnline: 'I wanted to live': Girl, 12, stabbed 19 times by classmates who wanted to impress Slender Man reveals herself to cameras as doctors say she was less than a millimeter from death, in MailOnline, 27 settembre 2014. URL consultato il 22 gennaio 2015.
  18. ^ (EN) Sito ufficiale WLWT: Hamilton Co. mom: Daughter's knife attack influenced by Slender Man, in WLWT, 6 giugno 2014. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  19. ^ (EN) Sito ufficiale Daily News: ANOTHER knife attack linked to Slender Man: Mother claims her disturbed daughter, 13, stabbed her after becoming obsessed with creepy horror character, in Daily News, 7 giugno 2014. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  20. ^ (EN) Sito ufficiale The Suncoast News:PR teen faces attempted murder, arson charges in home fire, in The Suncoast News, 4 settembre 2014. URL consultato il 23 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 23 gennaio 2015).
  21. ^ (EN) Sito ufficiale Daily News: Florida teen obsessed with Slender Man set fire to own home as mom, brother slept: cops (VIDEO), in Daily News, 5 settembre 2014. URL consultato il 23 gennaio 2015.
  22. ^ (EN) IMDb: Slenderman, su imdb.com. URL consultato il 27 aprile 2015.
  23. ^ (EN) IMDb: The Slender Case, su imdb.com. URL consultato il 27 aprile 2015.
  24. ^ (EN) IMDb: Slenderman, su imdb.com. URL consultato il 27 aprile 2015.
  25. ^ (EN) IMDb: Slender, su imdb.com. URL consultato il 27 aprile 2015.
  26. ^ (EN) IMDb: Slender (I), su imdb.com. URL consultato il 27 aprile 2015.
  27. ^ (EN) IMDb: Slender (II), su imdb.com. URL consultato il 27 aprile 2015.
  28. ^ (EN) IMDb: The Slender Man, su imdb.com. URL consultato il 27 aprile 2015.
  29. ^ (EN) IMDb: Slender: The Film, su imdb.com. URL consultato il 27 aprile 2015.
  30. ^ (EN) IMDb: Slenderman, su imdb.com. URL consultato il 27 aprile 2015.
  31. ^ (EN) IMDb: Slenderman, su imdb.com. URL consultato il 27 aprile 2015.
  32. ^ (EN) IMDb: Slender Man, su imdb.com. URL consultato il 27 aprile 2015.
  33. ^ (EN) IMDb: Slender (III), su imdb.com. URL consultato il 27 aprile 2015.
  34. ^ (EN) IMDb: The Esoteric, su imdb.com. URL consultato il 28 aprile 2016.
  35. ^ (EN) IMDb: Curse of the Slender Man, su imdb.com. URL consultato il 28 aprile 2016.
  36. ^ (EN) IMDb: Always Watching: A Marble Hornets Story, su imdb.com. URL consultato il 27 aprile 2015.
  37. ^ (EN) IMDb: Slender, su imdb.com. URL consultato il 27 aprile 2015.
  38. ^ Beware the Slenderman (2016), su imdb.com.
  39. ^ Slender Man (2018), su imdb.com.
  40. ^ (EN) IMDb: Beware the Slenderman, su imdb.com. URL consultato il 28 aprile 2016.
  41. ^ (EN) Sito ufficiale GiantBomb: Slender: The Eight Pages, su giantbomb.com, 15 novembre 2013. URL consultato il 21 gennaio 2015.
  42. ^ (EN) Slender's Woods su Softonic, su slenders-woods.en.softonic.com, 19 ottobre 2012. URL consultato il 21 gennaio 2015.
  43. ^ (EN) Slender's Woods, su Indie DB, 19 ottobre 2012. URL consultato il 21 gennaio 2015.
  44. ^ (EN) Sito ufficiale YouTube: Slender: The Eight Pages, su youtube.com. URL consultato il 13 marzo 2015.
  45. ^ (EN) Sito ufficiale Game Informer: Slender: Things Go Bump In The Night, su gameinformer.com, 10 agosto 2012. URL consultato il 13 marzo 2015.
  46. ^ (EN) Sito ufficiale IGN: Slender is Pure Horror, su ign.com, 6 luglio 2012. URL consultato il 13 marzo 2015.
  47. ^ (EN) Sito ufficiale Blue Isle Studios, su blueislestudios.com. URL consultato il 13 marzo 2015.
  48. ^ (EN) Sito ufficiale Slender: The Arrival, su slenderarrival.com. URL consultato il 13 marzo 2015.
  49. ^ (EN) Sito ufficiale Steam: Slender: The Arrival, su store.steampowered.com. URL consultato il 13 marzo 2015.
  50. ^ (EN) Sito ufficiale Indie DB: Slender - The Gaze of Horror, su indiedb.com. URL consultato il 13 marzo 2015.
  51. ^ a b Sito Splatter Container: Slenderman - Tutti i Segreti, i Video e le Immagini del Mostro divenuto Leggenda, su 37.9.234.11, 13 febbraio 2014. URL consultato il 13 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2015).
  52. ^ (EN) Sito Creepypasta Wikia: The Slender Man, su creepypasta.wikia.com, 11 aprile 2011. URL consultato il 13 aprile 2015.
  53. ^ Blog The Raccoon City Times: Speciale Slender Man #1 – Introduzione e Cenni Storici, su redrumrealm.it, 4 gennaio 2014. URL consultato il 13 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2015).
  54. ^ Sito Curiosone: Chi è lo Slender Man? È possibile che esista veramente?, su curiosone.tv, 19 maggio 2012. URL consultato il 14 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 20 marzo 2015).
  55. ^ (EN) Sito ufficiale BBC Radio 4: Digital Human, Series 2 Episode 5: Tales, su bbc.co.uk, 29 ottobre 2012. URL consultato il 6 febbraio 2015.
  56. ^ (EN) Sito ufficiale The Elm: Behind You: The Cultural Relevance of Slender Man, su elm.washcoll.edu, 15 febbraio 2013. URL consultato il 6 febbraio 2015.
  57. ^ (EN) Sito ufficiale Trilby’s Notes, su fullyramblomatic.com. URL consultato il 27 gennaio 2015.
  58. ^ (EN) Sito ufficiale Lost Girl: Video Lost Girl - SubterrFaenean, su showcase.ca. URL consultato il 6 febbraio 2015.
  59. ^ (EN) Sito ufficiale Joystiq: The Endermen are coming for you in Minecraft mob update, su joystiq.com, 30 luglio 2011. URL consultato il 3 marzo 2015 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2013).
  60. ^ (EN) Sito ufficiale Reddit: Minecraft: Notch posts images of new Mob, su reddit.com, 2012. URL consultato il 6 febbraio 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]