Senio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il personaggio leggendario, vedi Senio e Ascanio.
Senio
Stato Italia Italia
Regioni Toscana Toscana
Emilia-Romagna Emilia-Romagna
Lunghezza 92 km
Portata media 10 m³/s
Bacino idrografico 450 km²
Altitudine sorgente 900 m s.l.m.
Nasce Poggio dell'Altella
Sfocia fiume Reno
Mappa del fiume

Il Senio (Seni in romagnolo) è un torrente della Toscana e della Romagna lungo 92 km, ultimo affluente di destra del Reno. La portata media è di circa 10 m³/s alla foce, con minimi di 0,3 m³/s e massimi di oltre 500 m³/s. Il bacino nel tratto appenninico è di 270 km².

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Nasce nell'Appennino tosco-romagnolo dal poggio dell'Altella, presso il monte Carzolano, in provincia di Firenze. Dopo pochi km entra in provincia di Ravenna, riceve da sinistra il torrente Cestina e da destra il torrente Sintria, sbocca in pianura nei pressi di Castel Bolognese e confluisce nel fiume Reno, 6 km a nord-est di Alfonsine, fra Madonna del Bosco e Sant'Alberto.

Il Senio attraversa i comuni di Palazzuolo sul Senio, Casola Valsenio, Riolo Terme, Castel Bolognese, Solarolo, Lugo, Cotignola, Bagnacavallo, Fusignano e Alfonsine.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Presso i Romani era noto come Simnius/Sinnus. Le origini del nome sono pre-romane, probabilmente celtiche: l'idronimo senna indica una conca, oppure un seno, una tortuosità.

Vista dell'Appennino romagnolo dalla Valle del Senio.

Le analisi stratigrafiche hanno dimostrato che il fiume, appena giunto a valle, si immetteva nelle acque del ramo orientale del Santerno, il cui corso era diverso da quello attuale; i fiumi uniti scorrevano in un unico alveo fino alle Valli.

Nel corso dell'Alto Medioevo, presumibilmente nel tardo IX secolo, il Senio, ancora unito al Santerno, si spostò ad ovest, occupando il tracciato attuale (lo dimostra il fatto che le parrocchie di Biancanigo e Tebano, pur essendo al di là del fiume, appartengono alla Diocesi di Faenza). Nel 957 il Senio, almeno nel suo ultimo tratto, tra Codignola (l'odierna Cotignola) e S. Potito, era già nel letto attuale. Dieci km a nord di S. Potito spagliava nelle valli.

Fu dopo il Mille che i due rami del Santerno si divisero: il tratto di collegamento tra il ramo principale e il ramo secondario si prosciugò (o fu prosciugato dall'azione umana: non è da escludere che la causa sia stata la sistemazione del Canale dei Molini)[1]. Sul letto del ramo orientale si convogliarono le acque del solo Senio[2][3]. A partire dal XIII secolo nacquero i comuni di Lugo e Fusignano: il corso del Senio divenne il confine tra entrambi e Bagnacavallo.

Uno dei maggiori eventi storici cui è associato il fiume Senio fu la battaglia di San Procolo, tra la guelfa Bologna e la ghibellina Forlì, che si svolse presso le sue rive nel 1275[4]. Dopo il primo tentativo, fallito, dei bolognesi di attaccare Forlì, i ghibellini, sotto il comando di Guido da Montefeltro, di Maghinardo Pagani e di Teodorico degli Ordelaffi, si diressero verso Bologna: i bolognesi furono sconfitti al ponte di San Procolo, dove la via Emilia attraversa il fiume. La rotta fu tanto grave che il loro carroccio venne portato in trionfo a Forlì.

Ancora nel XV secolo, il Senio spagliava in palude. Alla metà del secolo una serie di ripetute alluvioni causarono lo spopolamento dell'abitato di Masiera. Nel 1534 fu convogliato dagli Estensi nel Po di Primaro, cui venne fatto confluire in località Rossetta.

Un castagneto nella Valle del Senio

Nel corso del 1797 si combatterono numerose battaglie tra le forze francesi e quelle dello Stato Pontificio. Tra i reparti della Francia repubblicana vi era anche la Legione Lombarda, prima unità militare della Repubblica Cisalpina. Lo scontro avvenne in località Ponte San Procolo.

Lungo il Senio, durante la seconda guerra mondiale, nell'inverno 1944-45, si svolsero per molti mesi aspri combattimenti fra i tedeschi e gli Alleati, durante i quali si ebbe da parte delle truppe degli Stati Uniti una delle prime sperimentazioni sul campo delle bombe incendiarie al napalm, da poco inventato, poi divenuto tristemente famoso nella Guerra del Vietnam. L'avanzata degli Alleati in Romagna, iniziata in estate, si bloccò presso la linea difensiva che i tedeschi avevano costruito lungo il Senio. I tedeschi fecero del fiume la loro ultima roccaforte (Battaglia del Senio). Sulle sue sponde si fermò il fronte per diversi mesi, fino allo sfondamento alleato del 10 aprile 1945.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrea Nanetti e Mario Giberti, Viabilità e insediamenti nell'assetto territoriale di Imola nel Medioevo, Imola, La Mandragora, 2014, p. 87.
  2. ^ Carlotta Franceschelli, Stefano Marabini, Assetto paleoidrografico e centuriazione romana nella pianura faentina.
  3. ^ Secondo Lucio Donati (Idrografia antica nella pianura ravennate, Faenza 2008,) il distacco avvenne entro il 1197.
  4. ^ Il Senio, piccolo ma storico “Fiume”, castelbolognese.org. URL consultato il 5 luglio 2017.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Lucio Donati, Note di topografia medievale per la pianura ravennate, Faenza 2007, Stefano Casanova Editore.
  • Lucio Donati, Idrografia antica nella pianura ravennate, Faenza 2008, Stefano Casanova Editore.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]