Scusate se esisto!

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Scusate se esisto!
Scusate se esisto.jpg
Paola Cortellesi e Raoul Bova in una scena del film.
Titolo originale Scusate se esisto!
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 2014
Durata 106 min
Genere commedia, biografico
Regia Riccardo Milani
Soggetto Giulia Calenda, Paola Cortellesi, Furio Andreotti, Ivan Cotroneo, Riccardo Milani
Sceneggiatura Giulia Calenda, Paola Cortellesi, Furio Andreotti, Riccardo Milani
Casa di produzione Italian International Film, Rai Cinema
Distribuzione (Italia) 01 Distribution
Fotografia Saverio Guarna
Montaggio Patrizia Ceresani
Musiche Andrea Guerra
Scenografia Maurizio Leonardi
Costumi Alberto Moretti
Interpreti e personaggi

Scusate se esisto! è un film del 2014 diretto da Riccardo Milani, con protagonisti Paola Cortellesi e Raoul Bova.

Il film è ispirato alla storia vera dell'architetto italiano Guendalina Salimei[1][2].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Con una brillante carriera professionale a Londra alle spalle, Serena, architetto di origine abruzzese, decide di ritornare a lavorare in Italia, a Roma. Per una donna ottenere un posto di lavoro all'altezza della sua qualifica si rivela tuttavia difficile, fino al momento in cui decide di farsi passare per uomo. Così decide di interessarsi al progetto di riqualificazione del quartiere di Corviale.

A Roma intanto conosce Francesco, gay, con il quale stringe una profonda amicizia.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato prodotto da Fulvio e Federica Lucisano per Italian International Film con Rai Cinema. Alcune scene del film sono state girate ad Anversa degli Abruzzi e Pescasseroli, in provincia dell'Aquila.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer viene diffuso il 28 ottobre sul canale ufficiale You Tube della 01 Distribution[3]. Il film è stato distribuito nelle sale cinematografiche italiane da 01 Distribution a partire dal 20 novembre 2014. Il film ha incassato complessivamente 5.478.000 euro.[4]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marco Demarco, L’intervista a Guendalina Salimei. L’architetta del film: «In periferia serve una Cortellesi», in Corriere della Sera, Roma, 28 novembre 2014. URL consultato il 28 luglio 2016.
  2. ^ Massimo Frontera, Scusate se esisto! il film ispirato a Guendalina Salimei e al suo progetto (vero) per Corviale, in Il Sole 24 Ore, 14 novembre 2014. URL consultato il 28 luglio 2016.
  3. ^ Filmato audio 01 Distribution, Lista di trailer, su YouTube. URL consultato il 28 ottobre 2014.
  4. ^ Mo-Net s.r.l. Milano-Firenze, Scusate se esisto! (2014), su mymovies.it. URL consultato il 21 marzo 2017.
  5. ^ Premio Dedalo Minosse Cinema come miglior film, vicenzareport.it, maggio 2016. URL consultato il 28 luglio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]