Santana (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Santana
ArtistaSantana
Tipo albumStudio
Pubblicazione1969
Durata37:29
Dischi1
Tracce9
GenereBlues rock
Rock
EtichettaColumbia Records
ProduttoreCarlos Santana, Brent Dangerfield
Registrazionemaggio 1969
FormatiLP, CD
Santana - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1970)

Santana è l'album di debutto del gruppo musicale rock di San Francisco Santana, pubblicato nel 1969.

Il Disco[modifica | modifica wikitesto]

Nell'arco di circa tre anni di esibizioni, quella che era stata originariamente una formazione in prevalenza votata al blues elettrico, come già dimostrava la sua denominazione originale (Santana Blues Band), si evolse in una band seminale del cosiddetto latin rock[1], dopo alcuni cambi di formazione e l'ingresso in pianta stabile dei due percussionisti centroamericani Mike Carabello e José Chepito Areas[1]. Con questo nuovo assetto il gruppo entrò per la prima volta in sala di registrazione[1].

Si tratta di un lavoro in gran parte strumentale, nel quale il complesso conserva prevalentemente le sue origini di band, dalle strutture musicali basate su improvvisazioni free-form. Questo approccio esecutivo si era sviluppato progressivamente nelle loro già al tempo numerose esibizioni dal vivo, dove prevalevano le jam, mutuate dal jazz. Su suggerimento del manager Bill Graham, il complesso aveva iniziato a scrivere canzoni più convenzionali, per ottenere un maggior impatto sul pubblico, ma in questo esordio riesce a mantenere l'essenza improvvisativa della sua musica.

L'album divenne un "major release" da oltre due milioni di copie, nel solo primo anno di pubblicazione[1], in seguito all'enorme impressione suscitata dall'esibizione della band al festival di Woodstock del 1969[1]. Anche se Jingo non riuscì a creare molto interesse quando venne pubblicato come singolo tranne che nelle Fiandre in Belgio dove arriva in prima posizione per tre settimane e nei Paesi Bassi in quarta, "Evil Ways", il secondo singolo tratto dall'album, entrò nella Top Ten degli USA: fu proprio lo stesso Graham a consigliare ai Santana di incidere quest'ultimo brano[2], in origine pubblicato dal percussionista portoricano Willie Bobo nel 1967[3].

Il long playing è il primo dei due album omonimi alla band, l'altro è il terzo Santana III del 1971.

Il disco raggiunse la posizione numero 4 nella chart Billboard 200 e la numero 5 nei Paesi Bassi. Nel 2003 l'album è stato classificato al 150º posto nella lista dei 500 migliori album secondo Rolling Stone sulla rivista Rolling Stone.

Tracce (edizione originale del 1969)[modifica | modifica wikitesto]

  1. Waiting (Santana Band) - 4:07
  2. Evil Ways (J. Zack) - 4:00
  3. Shades of Time (Santana Band) - 3:13
  4. Savor (Santana Band) - 2:47
  5. Jingo (Babatunde Olatunji) - 2:43
  6. Persuasion (Santana Band) - 2:36
  7. Treat (Santana Band) - 4:46
  8. You Just Don't Care (Santana Band) - 4:37
  9. Soul sacrifice (Santana Band) - 6:38

Tracce (edizione CD del 1998)[modifica | modifica wikitesto]

  1. Waiting - 4:07
  2. Evil Ways - 4:00
  3. Shades of Time - 3:13
  4. Savor - 2:47
  5. Jingo - 2:43
  6. Persuasion - 2:36
  7. Treat - 4:46
  8. You Just Don't Care - 4:37
  9. Soul sacrifice - 6:38

Bonus track (registrate live al festival di Woodstock)

  1. Savor - 5:27
  2. Soul Sacrifice - 11:39
  3. Fried Neckbones - 7:13

Tracce (Legacy Edition del 2004)[modifica | modifica wikitesto]

Disco 1:

  1. Waiting - (Santana) – 4:07
  2. Evil Ways - (Henry/Zack) – 4:00
  3. Shades of Time - (Rolie/Santana) – 3:13
  4. Savor - (Areas, Brown, Carabello, Rolie, Santana, Shrieve) – 2:46
  5. Jingo - (Olatunji) – 4:23
  6. Persuasion - (Areas, Brown, Carabello, Rolie, Santana, Shrieve) – 2:36
  7. Treat - (Areas, Brown, Carabello, Rolie, Santana, Shrieve) – 4:46
  8. You Just Don't Care - (Areas, Brown, Carabello, Rolie, Santana, Shrieve) – 4:37
  9. Soul Sacrifice - (Brown, Malone, Rolie, Santana) – 6:38
  10. Savor (Alternate Take numero 2) - (Areas, Brown, Carabello, Rolie, Santana, Shrieve) – 2:57
  11. Soul Sacrifice (Alternate Take numero 4) - (Brown, Malone, Rolie, Santana) – 8:50
  12. Studio Jam - (Areas, Brown, Carabello, Rolie, Santana, Shrieve) – 7:09

Disco 2:

  1. Fried Neckbones - (Willie Bobo/William Correa/Melvin Lastie) – 7:41
  2. Soul Sacrifice - (Brown, Malone, Rolie, Santana) – 9:06
  3. Persuasion - (Areas, Brown, Carabello, Rolie, Santana, Shrieve) – 3:52
  4. Treat - (Areas, Brown, Carabello, Rolie, Santana, Shrieve) – 6:49
  5. Shades of Time - (Rolie/Santana) – 2:29
  6. Jingo - (Olatunji) – 5:20
  7. Waiting (live) - (Santana) – 4:44
  8. You Just Don't Care (live) - (Areas, Brown, Carabello, Rolie, Santana, Shrieve) – 4:55
  9. Savor (live) - (Areas, Brown, Carabello, Rolie, Santana, Shrieve) – 5:25
  10. Jingo (live) - (Olajunti) – 5:14
  11. Persuasion (live) - (Areas, Brown, Carabello, Rolie, Santana, Shrieve) – 3:05
  12. Soul Sacrifice (live) - (Brown, Malone, Rolie, Santana) – 11:49
  13. Fried Neckbones (live) - (Willie Bobo/William Correa/Melvin Lastie) – 7:13

Le tracce 1-6 provengono delle sessioni studio originali dell'album. Le tracce 7-14 sono state registrate live al festival di Woodstock.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Crediti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e pag.247 de Il Grande Rock vol.2, Istituto Geografico De Agostini, Novara 1991.
  2. ^ pag.246 de Il Grande Rock vol.2, op. cit.
  3. ^ (EN) dati ricavati dal sito Second Hand Songs Cover versions of Evil Ways by Willie Bobo | SecondHandSongs.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Scheda dell'album originale sul sito Discogs [1].
Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock