De Agostini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Istituto Geografico De Agostini)
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi De Agostini (disambigua).
De Agostini S.p.A.
Logo
Deagostini novara da a4.jpg
Lo stabilimento di Novara, visto dall'A4 Torino-Milano
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione1901 a Roma
Fondata daGiovanni De Agostini
Sede principaleNovara
GruppoGruppo De Agostini
Persone chiave
SettoreEditoria, media, giochi, finanza
Sito webwww.deagostini.com/it/

De Agostini S.p.A. è la holding del gruppo De Agostini. Nata come casa editrice divenendo una delle più note e importanti in Italia, operando in circa ventinove paesi nel mondo in dodici lingue diverse, le sue pubblicazioni spaziano in vari ambiti. Oggi è attiva in tutto il mondo in 4 settori: editoria, media e communication, giochi e servizi, finanza. De Agostini S.p.A. coordina le attività delle società capogruppo dei settori operativi strategici - De Agostini Editore, DeA Communications, IGT e DeA Capital - ed effettua investimenti finanziari.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il geografo Giovanni De Agostini[1], fratello dell'esploratore salesiano Alberto Maria, fondò a Roma nel giugno del 1901 l'Istituto Geografico De Agostini e pubblicò un Atlante scolastico, quello stesso anno fu inaugurato nei pressi della fontana di Trevi il primo negozio De Agostini. Nel 1904 avviò la pubblicazione del Calendario Atlante de Agostini, un volumetto con notizie geografiche abbinate al calendario annuale, che riscosse grande successo. Nel 1906 venne pubblicata la carta geografica dell'Italia in scala 1:250.000 per il Touring Club Italiano, la più grande mai realizzata fino ad allora. Nel 1908 la sede dell'Istituto, sita a Roma in via Novara, fu trasferita in viale Roma a Novara, dove De Agostini che era originario della vicina Pollone aveva buoni rapporti con gli industriali locali. Poté inoltre giovarsi dei migliori collegamenti con la Germania (nel 1906 era stato inaugurato il traforo del Sempione), dalla quale arrivava la strumentazione necessaria alla produzione.[2]

Nel dicembre 1919 l'azienda venne rilevata da Marco Adolfo Boroli e Cesare Angelo Rossi. Intanto, nel marzo del 1919, era entrato nell'Istituto il geografo e cartografo Luigi Visintin, che sostituì nella direzione Giovanni De Agostini e, dal 1920 al 1958, fu il direttore scientifico, autore di numerose opere fra cui, con Mario Baratta, del primo atlante mondiale italiano, il Grande Atlante Geografico, la cui prima edizione risale al 1922. Nel 1946 l'Istituto viene interamente rilevato dalla famiglia Boroli. Nella prima metà degli anni sessanta la sede degli uffici e delle officine grafiche venne spostata a Veveri in un edificio progettato da Ettore Bolletino[3] e Arialdo Daverio; più tardi, nella seconda metà degli anni settanta, fu costruita una seconda sede con uffici e magazzino automatizzato a Vignale.

Nel 1997 i soci affidano la guida della società a Marco Drago, che nel decennio precedente aveva contribuito fortemente allo sviluppo del gruppo. Nel dicembre 2012 Marilena Ferrari acquista la sezione Opere di Pregio. Nel 1997 De Agostini, con altri investitori, partecipa alla privatizzazione di Seat Pagine Gialle; l'operazione, conclusa nel 2000, ha permesso al gruppo di avviare con Seat Pagine Gialle una collaborazione strategica sviluppando iniziative come il portale Virgilio, da cui sarebbe uscita alcuni anni dopo con una grossa plusvalenza.[2] Nel 2007 venne costituita la Fondazione De Agostini, con la quale il gruppo si impegnò a fornire sostegno a categorie in situazione di disagio come i disabili ecc.[4] Nel 2020 De Agostini Editore era una delle più note e importanti case editrici italiane, operante in circa 30 paesi nel mondo in 13 lingue diverse. Le sue pubblicazioni spaziano in vari ambiti, ma in particolare è molto sentito il tema geografico, con l'istituto geografico precursore delle successive opere editoriali del gruppo. Le attività delle aziende che fanno capo alla De Agostini sono articolate nei settori dell'editoria, mezzi di comunicazione di massa, giochi e servizi e investimenti finanziari.[5]

Gruppo De Agostini[modifica | modifica wikitesto]

Attraverso una successiva strategia di diversificazione e di internazionalizzazione, il Gruppo De Agostini ha progressivamente ampliato le proprie attività dallo storico settore editoriale verso altri settori:[5]

  • Media e Communication: il settore "media e communication" comprende gli interessi del Gruppo nelle attività di broadcasting, content production e distribuzione di contenuti per la televisione, le piattaforme media e il cinema. La partecipazione in Banijay Group, leader internazionale nella produzione e distribuzione di contenuti audiovisivi, è confluita in FL Entertainment, player mondiale nel settore del digital entertainment, quotato su Euronext Amsterdam, dopo l’operazione di business combination con la Spac Pegasus Entrepreneurs. Il Gruppo De Agostini detiene una quota del 4,99% della nuova società. ATRESMEDIA, gruppo radio-televisivo spagnolo quotato alla Borsa di Madrid, di cui è detenuta una quota di rilevanza strategica in partnership con il socio spagnolo Planeta Corporation, è co-leader del mercato televisivo spagnolo.
  • Giochi e servizi: International Game Technology è la società leader del mercato dei giochi e servizi, quotata al New York Stock Exchange. De Agostini S.p.A. controlla IGT con una quota di maggioranza assoluta. IGT dispone di un elevato know-how per l'elaborazione di sistemi e prodotti per giochi, nonché di sistemi per l'accettazione dei giochi e delle scommesse sportive, attraverso la fornitura di terminali e sistemi hardware e software. IGT è il più grande player mondiale nel settore delle lotterie, dei giochi e dei servizi. In Italia IGT Lottery S.p.A. è concessionario statale di tutte le lotterie (Gioco del Lotto, Gratta e Vinci e Lotteria Italia) e dei servizi commerciali e finanziari.
  • Finanza: DeA Capital è uno dei principali operatori italiani nell’Alternative Investment, attivo negli investimenti alternativi e nell’asset management (Real Estate, Credit, Private Equity e Multi-asset / Multi-manager) in Italia, attraverso DeA Capital Alternative Funds SGR S.p.A. e DeA Capital Real Estate SGR S.p.A. e all’estero attraverso le società DeA Capital Real Estate France, DeA Capital Real Estate Iberia, DeA Capital Real Estate Poland e DeA Capital Real Estate Germany.

De Agostini Editore[modifica | modifica wikitesto]

De Agostini Editore è la sub-holding capofila delle attività editoriali del Gruppo, opera in 29 Paesi con pubblicazioni in 12 lingue, ed è organizzata in aree specializzate per tipologia di attività: De Agostini Publishing, De Agostini Libri, Digital De Agostini.[6]A dicembre 2021 viene perfezionata la cessione del 100% di De Agostini Scuola S.p.A. al Gruppo Mondadori. Per De Agostini la cessione di DeA Scuola rappresenta un’importante opportunità di valorizzazione del business dell’editoria scolastica, di cui la società è stata uno dei principali protagonisti del settore nell’ultimo decennio.

De Agostini Publishing[modifica | modifica wikitesto]

De Agostini Publishing è la principale area di business di De Agostini Editore, leader mondiale di prodotti collezionabili (collezioni, modelli in scala da montare e prodotti soft-educational per bambini) venduti via subscription-commerce e retail in Europa, Russia, Asia e America Latina. Dopo la creazione della joint venture con Editorial Planeta De Agostini, è impegnata in un ambizioso piano industriale per consolidare la propria leadership a livello internazionale e diventare il primo operatore nei settori collezionabile, flowpack e nei prodotti di home entertainment venduti via subscription-commerce e retail a livello mondiale.

De Agostini Libri[modifica | modifica wikitesto]

De Agostini Libri Srl è una joint venture paritetica tra De Agostini Editore e Mondadori Libri S.p.A. I prodotti di De Agostini Libri includono libri per bambini e ragazzi, saggistica, opere illustrate, dizionari e atlanti geografici, con i marchi DeA, De Agostini, UTET, AMZ, Abracadabra, Istituto Geografico De Agostini e Libromania. De Agostini Libri è presente nelle vendite online con www.deagostinilibri.it. Attraverso la società libromania.net è attiva nella promozione editoriale, nella consulenza commerciale anche per editori terzi e nel light-publishing.

  • Calendario Atlante De Agostini: venne edito per la prima volta nel 1904 in poche pagine. Fu successivamente molto ampliato acquistando grandissima importanza in Italia ed all'estero, tanto da essere tradotto in numerose lingue. Decisivo fu a questo proposito l'intervento del geografo professor dottor Luigi Visintin, direttore scientifico dell'Istituto Geografico De Agostini, che lo rinnovò e trasformò completamente aggiungendo fra l'altro le sezioni economiche[7]. Egli ne fu il redattore dal 1919 al 1958. Oltre alle statistiche generali del mondo e della produzione, ad un sommario degli organismi internazionali e degli avvenimenti storici essenziali dell'anno di pubblicazione, il Calendario dedica ad ogni stato del mondo una sezione, più o meno ampia a seconda dell'importanza dello stato stesso. Per ciascuno viene fornita innanzitutto una scheda base dove sono indicate le notizie essenziali: la capitale, le dimensioni, l'unità monetaria; vengono poi approfonditi tutti gli aspetti economico-sociali e i contesti storico-geografici in cui lo stato si trova ad operare. La parte conclusiva del Calendario contiene un atlante mondiale con i toponimi più importanti e le bandiere dei singoli stati.

Digital De Agostini[modifica | modifica wikitesto]

Digital De Agostini è la divisione di De Agostini Editore creata nel 2008 con l'obiettivo di sviluppare business sulle piattaforme televisive e digitali, attraverso la costruzione di property originali e coerenti con la storia e i valori dell'azienda. I brand creati e gestiti all'interno della divisione si rivolgono a due target principali: i bambini, per i quali sono pensati i canali televisivi DeA Kids e DeA Junior (in esclusiva su Sky Italia, ai canali 601, 602 e 623) e le donne, alle quali si rivolge, invece, l'offerta editoriale del network digital che fa capo a DeAbyDay.tv. Nel 2020 Digital De Agostini ha lanciato De Agostini Creative, l'hub creativo che si rivolge al mercato per offrire servizi quali campagne di comunicazione integrata, brand identity, progetti di grafica avanzata e soluzioni creative per le diverse piattaforme e KidsMe, società specializzata nello sviluppo e nella distribuzione di contenuti tv dedicati alla fascia Kids e Family, con l’obiettivo di produrre e co-produrre con broadcaster e piattaforme italiani ed europei interessati a questo target.

Canali televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Attivi[modifica | modifica wikitesto]

Logo Nome Inizio trasmissioni Sky
Numerazione LCN Sky Go
DeA Kids 1º ottobre 2008 601 Yes check.svg
DeA Kids +1 10 novembre 2008 602 X mark.svg
DeA Junior 18 marzo 2012 623

Chiusi[modifica | modifica wikitesto]

Logo Nome Inizio trasmissioni Fine trasmissioni
DeA Sapere HD 15 settembre 2012 1º dicembre 2014
Explora HD 1º dicembre 2014 15 novembre 2016
Alpha 1º ottobre 2017 21 dicembre 2019

Fino al 18 ottobre 2019, il gruppo comprendeva anche Super!, poi acquisito da ViacomCBS Networks Italia.

Cure-naturali.it[modifica | modifica wikitesto]

Cure-naturali.it è il sito web dell'Enciclopedia naturale del gruppo De Agostini Editore che si occupa di benessere e vita naturale, in particolare di cure e medicina naturale. Il sito offre anche accesso a una directory di professionisti e operatori italiani del settore.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ De Agostini Editore, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 1º gennaio 2022.
  2. ^ a b De Agostini - chi siamo - la nostra storia, su gruppodeagostini.it. URL consultato il 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 18 ottobre 2020).
  3. ^ che fu poi il costruttore della Rotonda D'Azeglio, edificata in Viale Roma al posto del vecchio De Agostini ormai in disuso da tempo
  4. ^ Chi siamo - La storia, su fondazionedeagostini.it. URL consultato il 15 gennaio 2021.
  5. ^ a b De Agostini - chi siamo - profilo, su gruppodeagostini.it. URL consultato il 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 18 ottobre 2020).
  6. ^ De Agostini - chi siamo - settori, su gruppodeagostini.it. URL consultato il 15 gennaio 2021 (archiviato dall'url originale il 18 ottobre 2020).
  7. ^ cfr. introduzione alla vntunesima edizione (i924)
  8. ^ Cure-Naturali - Chi siamo, su cure-naturali.it. URL consultato il 15 dicembre 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Amedeo Benedetti, Contributo a una storia dell'attività editoriale dell'Istituto Geografico De Agostini, in "Geostorie", n. 3, 2009, pp. 339–350.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN143150049 · ISNI (EN0000 0004 1783 4319 · BAV 494/5076 · ULAN (EN500303770 · LCCN (ENn79068374 · GND (DE125631-2 · BNE (ESXX137536 (data) · BNF (FRcb12426546p (data) · J9U (ENHE987007263388905171 · NSK (HR000050514 · NDL (ENJA00925621 · CONOR.SI (SL340974691 · WorldCat Identities (ENlccn-n79068374