SISAL

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sisal
Logo
Logo
StatoItalia Italia
Forma societariaSocietà per azioni
Fondazione1945 a Milano
Fondata da
Sede principaleMilano
GruppoFlutter Entertainment[1]
Persone chiaveFrancesco Durante, amministratore delegato[2]
SettoreGiochi
Prodotti
Dipendenti2.362 (2021[3])
Sito webwww.sisal.com

Sisal (Sport Italia Società a Responsabilità Limitata), attiva dal 1946, è un'azienda italiana che opera nel settore del gioco[4] ed è presente sul territorio nazionale con una rete di circa 45.000 punti vendita.[5]

Storia e prodotti[modifica | modifica wikitesto]

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

Vecchio logo

Sisal fu fondata nel 1945, a partire dall'idea del giornalista sportivo Massimo Della Pergola[6][7] che, insieme al giornalista, scrittore e produttore cinematografico Fabio Jegher e al radiocronista Geo Molo,[8][9] realizzò il primo concorso a pronostici legato al calcio.[10][11] I ricavi della "schedina Sisal"[12][13] contribuirono alla ricostruzione degli stadi distrutti dalla guerra.[8][10][14]

Nel 1948 la schedina cambiò nome diventando Totocalcio e contestualmente venne lanciato il Totip, un concorso dedicato alle corse dei cavalli,[15] ritirato nel 2007 dopo quasi 60 anni di attività.[16] Dal 1983 al 1989 il concorso Totip venne associato al Festival di Sanremo, offrendo agli scommettitori la possibilità di votare la classifica finale della gara canora.[17][18]

Nel 1991 la Tris, la scommessa semplice sulle corse dei cavalli, entrò a far parte dell'offerta delle ricevitorie di Sisal,[19] mentre nel 1996 il Ministero dell’Economia affidò a Sisal la concessione per la gestione dell'Enalotto.[19] Diventato l'anno successivo il SuperEnalotto, si affermò in poco tempo come il gioco più popolare fra gli italiani.[20] Sempre nel 1997 venne lanciato anche SisalTV, il canale satellitare dedicato al mondo dei giochi.[21]

Lo sviluppo nel settore gioco[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004 Sisal ha acquisito la rete Matchpoint, entrando nel mercato delle scommesse,[21] e ha lanciato il sito di gioco, portando la sua offerta anche online.[22] L'anno successivo ha inoltre effettuato l'ingresso nel mercato degli apparecchi da intrattenimento.[23]

Nel 2009 ha ottenuto la Concessione Giochi Numerici a Totalizzatore Nazionale (GNTN), che ha permesso la conferma della concessione per la gestione del SuperEnalotto[24] e offerto l'opportunità di introdurre nel mercato nuovi prodotti, primo dei quali Vinci per la vita - Win for Life!, che ad ogni concorso mette in palio una rendita per 20 anni.[25] L’anno successivo Sisal ha aperto dei punti vendita dedicati all’intrattenimento, i Sisal Wincity.[26]

Nel 2011 è stato invece lanciato SiVinceTutto, sorteggio che mette in palio tutto il montepremi in una sera, aggiornato nel 2016 con la modifica della frequenza dell’estrazione (che da mensile diventa settimanale) e dei numeri da scegliere (raddoppiati, da sei a dodici).[27][28]

Nel 2012 Sisal, insieme ad altre società europee, ha introdotto Eurojackpot, gioco a totalizzatore nazionale che permette di sfidare gli altri paesi partecipanti.[29]

Nel 2014 è stato invece lanciato VinciCasa, il gioco che mette in palio un montepremi da destinare all'acquisto di uno o più immobili, modificato nel 2017 aumentando la frequenza di estrazione (che passa da settimanale a giornaliera).[30] Sono stati inoltre introdotti nei punti vendita della sua rete POS NFC per i pagamenti elettronici.[31]

Nel 2016 è stata invece rivista la formula del SuperEnalotto, introducendo la vincita con due numeri, le vincite immediate, e un montepremi più alto.[32]

A partire da gennaio 2019, Sisal gestisce le lotterie in Marocco, dopo essersi aggiudicata la gara per la gestione e lo sviluppo di giochi per la Società di Gestione della Lotteria Nazionale (SGLN) nel febbraio dell'anno precedente.[33] Dallo stesso anno è anche presente sul mercato spagnolo, grazie alla licenza ottenuta per il gioco online,[34] e in Turchia.[35][36]

Sempre nel 2019, Sisal ha ottenuto per il mercato italiano il rinnovo della Concessione dei Giochi Numerici a Totalizzatore Nazionale per altri 9 anni.[37]

Nel 2020 inizia la collaborazione con FilsGame per la produzione e lancio della piattaforma di gioco Next Digital[38] per il mercato regolamentato Italiano.[39][40][41][42][43]

Nell’ambito del settore gioco, Sisal ad oggi gestisce inoltre Tris, Totocalcio, Big Match, Sisal Poker, Sisal Bingo, Sisal Skill Games, Sisal Casinò, Sisal Quick Games.[44][45]

I servizi di pagamento[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 Sisal è entrata nel mercato dei servizi di pagamento, inizialmente offrendo ricariche telefoniche attraverso Sisal Centro Servizi.[46]

Dal 2011, dietro autorizzazione della Banca d’Italia, ha iniziato inoltre ad operare come istituto di pagamento.[47] Attraverso la piattaforma SisalPay, lanciata l'anno successivo, gestiva i servizi di pagamento per articoli quali bollette e tributi, oltre alle ricariche telefoniche e di carte di credito prepagate.[48][49][50] Dal 2016, tramite un accordo con la pubblica amministrazione italiana, è stata aggiunta la possibilità di pagare attraverso la rete anche i principali servizi pubblici al cittadino (es. ticket sanitari).[51]

A settembre del 2018, SisalPay è entrata anche nel mercato dei pagamenti digitali attraverso Bill, una app in grado di abilitare transazioni di denaro via smartphone negli esercizi convenzionati e tra gli utenti.[52]

A seguito dell’accordo con Banca 5 del Gruppo Intesa Sanpaolo, da novembre 2020 SisalPay non fa più parte di Sisal ed è confluita in Mooney, dando vita al primo operatore in Italia per i servizi di pagamento di prossimità.[53]

Le società del Gruppo[modifica | modifica wikitesto]

Dal 4 agosto 2022 Sisal fa parte di Flutter Entertainment, operatore mondiale online di scommesse sportive e giochi con vincita in denaro, quotato alla Borsa di Londra (FTSE 100 index).[1][54]

La capogruppo[3][modifica | modifica wikitesto]

Sisal S.p.A. Con sede legale a Milano, esercita l'attività di direzione e coordinamento nei confronti delle altre società del Gruppo. Gestisce come concessionario dello Stato i giochi numerici a totalizzatore nazionale.[55]

Le altre società operative[3][modifica | modifica wikitesto]

  • Sisal Entertainment S.p.A. Società con unico azionista (fino al 12 dicembre 2012 si chiamava Sisal Slot S.p.A. e in seguito ha assorbito anche Sisal MatchPoint S.p.A.), gestisce i punti vendita Sisal Matchpoint (dal 2004)[56] e Sisal Wincity (dal 2010).[26] Opera nel settore delle scommesse, in quello delle lotterie e in quello degli apparecchi da intrattenimento.[57]
  • Sisal Lottery Italia S.p.A.
  • Sisal Lottery Ltd. (UK)
  • Sisal Germany GmbH
  • Sisal Albania SHPK
  • Sisal Lotérie Maroc S.a.r.l.
  • Sisal Technology (Turkey)
  • Sisal Sans (Turkey)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Flutter Entertainment compra Sisal per 1,9 miliardi, su ansa.it. URL consultato il 14 settembre 2022.
  2. ^ SisalPay con la Pubblica amministrazione e quell'idea di un mondo senza contante, su ilgiornale.it. URL consultato il 23 novembre 2017.
  3. ^ a b c Sisal Bilancio Consolidato 2021, su sisal.com. URL consultato il 14 settembre 2022.
  4. ^ La prima ora di un neo milionario. Nella sede Sisal che «dà» i premi, su corriere.it. URL consultato il 13 novembre 2017.
  5. ^ Sisal investe 20 milioni di euro per innovare la rete dei punti vendita, su ilsole24ore.com. URL consultato il 13 novembre 2017.
  6. ^ Addio a Massimo Della Pergola l'uomo che inventò la schedina, su repubblica.it. URL consultato il 13 aprile 2018.
  7. ^ Della Pergola, il giornalista che trovò in una prigione la schedina della vita, su ilgiornale.it. URL consultato il 13 aprile 2018.
  8. ^ a b Sisal, dalla schedina alla rivoluzione digitale, su repubblica.it. URL consultato il 13 novembre 2017.
  9. ^ 70 anni di totocalcio e non solo, su cinquantamila.it. URL consultato il 13 aprile 2018.
  10. ^ a b Sisal: 70 anni fa la prima schedina del Totocalcio, su affaritaliani.it. URL consultato il 13 novembre 2017.
  11. ^ “1 x 2”, la combinazione che ha cambiato molte vite, su corriere.it. URL consultato il 13 aprile 2018.
  12. ^ 5 maggio 1946 - La prima schedina Sisal, poi fu il Totocalcio, su rainews.it. URL consultato il 13 aprile 2018.
  13. ^ “Ho fatto 13, anzi 12”: 70 anni fa la prima schedina, su lastampa.it. URL consultato il 13 aprile 2018.
  14. ^ Sono io il vero inventore di Sisal, su ricerca.repubblica.it. URL consultato il 13 aprile 2018.
  15. ^ Totip, l'Italia è salita a cavallo?, su ricerca.repubblica.it. URL consultato il 13 novembre 2017.
  16. ^ Ultima galoppata il Totip va in pensione, su repubblica.it. URL consultato il 13 aprile 2018.
  17. ^ Sanremo 1983 - "Sarà quel che sarà", su repubblica.it. URL consultato il 26 maggio 2022.
  18. ^ Ecco Sanremo tanti cantanti e due cavalli, su ricerca.repubblica.it. URL consultato il 13 novembre 2017.
  19. ^ a b L'uomo che vende il sogno di diventare miliardari, su ricerca.repubblica.it. URL consultato il 13 novembre 2017.
  20. ^ Superenalotto, vinto il jackpot di 77,7 milioni di euro a Caorle, in provincia di Venezia, su ilmattino.it. URL consultato il 13 novembre 2017.
  21. ^ a b Profilo Sisal, su argomenti.ilsole24ore.com. URL consultato il 13 novembre 2017.
  22. ^ Concessionari autorizzati al gioco a distanza, su agenziadoganemonopoli.gov.it. URL consultato il 13 aprile 2018.
  23. ^ Scommesse: accordo Sisal-Gruppo Magic Matic sulle newslot, su www1.adnkronos.com. URL consultato il 3 maggio 2022.
  24. ^ Sisal gestirà il SuperEnalotto e gli altri giochi numerici a totalizzatore per i prossimi 9 anni, su repubblica.it. URL consultato il 3 maggio 2022.
  25. ^ Il gioco che dà una rendita di 4.000 euro al mese per 20 anni, su repubblica.it. URL consultato il 13 novembre 2017.
  26. ^ a b Sisal lancia la campagna di comunicazione dedicata a Wincity, il nuovo concept retail che si basa sulla formula “Eat, Drink, Play”, su affaritaliani.it. URL consultato il 2 gennaio 2018.
  27. ^ Il Superenalotto mette in palio tutto il montepremi, su lastampa.it. URL consultato il 13 novembre 2017.
  28. ^ SiVinceTutto di Sisal raddoppia i numeri; da oggi la campagna tv, radio e social, su engage.it. URL consultato il 13 aprile 2018.
  29. ^ Eurojackpot, il 29 marzo la prima estrazione del martedì, su ilgiornale.it. URL consultato il 3 maggio 2022.
  30. ^ E Sisal ora lancia «Vinci Casa». In palio abitazione da 500 mila €, su corriere.it. URL consultato il 13 aprile 2018.
  31. ^ Sisal investe per aumentare la diffusione dei POS NFC, su pagamentidigitali.it. URL consultato il 13 aprile 2018.
  32. ^ Sisal presenta il nuovo Superenalotto, su lettera43.it. URL consultato il 13 aprile 2018.
  33. ^ Sisal si aggiudica la gara per i giochi in Marocco, su ilgiornale.it. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  34. ^ Spagna, sette nuove licenze per l'online: arriva anche Sisal, su casino.gioconews.it. URL consultato il 3 maggio 2022.
  35. ^ Joint venture Sisal Şans: vinta la gara della Turkish National Lottery, su ilgiornale.it. URL consultato l'8 gennaio 2020.
  36. ^ Sisal si aggiudica la Turkish National Lottery, su ilmessaggero.it. URL consultato l'8 gennaio 2020.
  37. ^ Il Superenalotto resta alla Sisal, concessione per altri nove anni, su corriere.it. URL consultato l'8 gennaio 2020.
  38. ^ Gaming machine, su sisal.com. URL consultato il 22 giugno 2022.
  39. ^ Sisal lancia Next, innovativa piattaforma di gioco online, su ilGiornale.it, 21 aprile 2021. URL consultato il 22 giugno 2022.
  40. ^ Chiara Di Nicola, Sisal lancia NEXT, piattaforma proprietaria di gioco online per creare innovazione e supportare l’espansione internazionale del Gruppo – AGIMEG, su agimeg.it, 21 aprile 2021. URL consultato il 22 giugno 2022.
  41. ^ Sisal lancia una nuova piattaforma di gioco online, su SubitoNews, 22 aprile 2021. URL consultato il 22 giugno 2022.
  42. ^ Sisal lancia la sua piattaforma proprietaria di gioco online, su Il Sole 24 ORE, 21 aprile 2021. URL consultato il 22 giugno 2022.
  43. ^ Daniele Duso, Il gruppo Sisal lancia 'Next - Sisal digital technology', su GiocoNews. URL consultato il 22 giugno 2022.
  44. ^ Sisal SpA - Company profile, su bloomberg.com. URL consultato il 3 maggio 2022.
  45. ^ Sisal Entertainment SpA - Company profile, su bloomberg.com. URL consultato il 3 maggio 2022.
  46. ^ Vodafone, la bolletta si paga in ricevitoria, su ilgiornale.it. URL consultato il 13 aprile 2018.
  47. ^ Banca d’Italia bollettino di vigilanza (PDF), su bancaditalia.it. URL consultato il 13 aprile 2018.
  48. ^ SisalPay, il servizio di pagamenti di Sisal, su lettera43.it. URL consultato il 13 aprile 2018.
  49. ^ Scommettere sul vincitore delle presidenziali in Francia: con Sisal Matchpoint si può, su lettera43.it. URL consultato il 13 aprile 2018.
  50. ^ Sisal investe 20 milioni di euro per innovare la rete dei punti vendita, su ilsole24ore.com. URL consultato il 13 aprile 2018.
  51. ^ Sisal investe sui servizi di SisalPay, su lettera43.it. URL consultato il 13 aprile 2018.
  52. ^ SisalPay lancia Bill, la nuova app per pagamenti digitali, su ilsole24ore.com. URL consultato il 19 febbraio 2019.
  53. ^ SisalPay diventa Mooney e lancia la carta prepagata, su ilgiornale.it.
  54. ^ Sisal passa a Flutter Entertainment, su primaonline.it. URL consultato il 14 settembre 2022.
  55. ^ Superenalotto: ADM e Sisal firmano la nuova covenzione di concessione, su pressgiochi.it. URL consultato il 14 settembre 2022.
  56. ^ E adesso Sisal Matchpoint guarda decisa allo sport, su ilgiornale.it. URL consultato il 2 gennaio 2018.
  57. ^ Sisal Entertainment SpA - Profilo, su bloomberg.com. URL consultato il 21 marzo 2022.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Aziende: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di aziende