Rutaceae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Rutacee
Ruta chalepensis
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Mesangiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Eudicotiledoni centrali
(clade) Superrosidi
(clade) Rosidi
(clade) Eurosidi
(clade) Malvidi
Ordine Sapindales
Famiglia Rutaceae
Juss.
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Rosidae
Ordine Sapindales
Famiglia Rutaceae
Juss.
Sottofamiglie

Le Rutacee (Rutaceae Juss.) sono una famiglia di piante angiosperme dicotiledoni dell'ordine Sapindales[1][2], a distribuzione prevalentemente tropicale e subtropicale.

Appartengono a questa famiglia gli agrumi (genere Citrus) per lo più originari della Cina e coltivati nelle regioni temperate calde.

Le rutaceae spontanee in Italia si riducono a poche specie erbacee o suffruticose: Dictamnus albus, Ruta graveolens e altre congeneri tra cui la rarissima ruta padovana (Ruta patavina).

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia comprende circa 1600 specie, in gran parte legnose (ma alcune anche erbacee) caratterizzate dalla presenza di ghiandole oleifere che producono oli eterei aromatici.

Le foglie sono composte, a fillotassi alterna o opposta, senza stipole.

I fiori sono ermafroditi, pentameri o tetrametri, in genere attinomorfi con calice dialisepalo e corolla dialipetala. Sono portati singolarmente o in infiorescenze e impollinati da insetti. L'androceo è formato da 2 verticilli di 4-5 stami, il gineceo è per lo più pentacarpellare, supero.[3]

Il frutto è nella famiglia molto variabile: a seconda dei generi può essere una bacca, una drupa o una capsula. In particolare il genere Citrus, il più noto della famiglia nelle nostre zone, ha come frutto una bacca particolare detta esperidio. La polpa del frutto è suddivisa in logge (i cosiddetti "spicchi") ed è composta da cellule ripiene di succhi aciduli.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

La famiglia comprende oltre 150 generi in 6 sottofamiglie[2][4][5][6]:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The Angiosperm Phylogeny Group, An update of the Angiosperm Phylogeny Group classification for the ordines and families of flowering plants: APG IV, in Botanical Journal of the Linnean Society, vol. 181, n. 1, 2016, pp. 1–20.
  2. ^ a b (EN) Rutaceae, su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 3 marzo 2023.
  3. ^ (EN) L. Watson and M. J. Dallwitz, Rutaceae, su The families of flowering plants. URL consultato il 24 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 10 ottobre 2012).
  4. ^ (EN) Appelhans M.S. & al., A new subfamily classification of the Citrus family (Rutaceae) based on six nuclear and plastid markers, in Taxon, vol. 70, 2021, pp. 1035–1061.
  5. ^ (EN) Rutaceae, su APG website. URL consultato il 2 marzo 2023.
  6. ^ (EN) List of Genera in Rutaceae, su APG website. URL consultato il 3 marzo 2023.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 3390 · LCCN (ENsh85116078 · GND (DE4177105-9 · BNE (ESXX557283 (data) · BNF (FRcb122676998 (data) · J9U (ENHE987007548527305171
  Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica