Rory McCann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rory McCann in una foto del 2014.

Rory McCann (Glasgow, 24 aprile 1969) è un attore scozzese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di grande presenza fisica (è alto 198 cm), prima di intraprendere la carriera da attore McCann ha svolto diverse attività tra cui quella di giardiniere a sud di Glasgow e imbianchino del Forth Road Bridge. Fu proprio durante quest'ultimo lavoro che venne selezionato come protagonista per gli spot pubblicitari dei cereali Oats Porage Scott, in cui appariva in canottiera e con il tipico gonnellino scozzese.[1]

Come attore televisivo, debuttò nel 2002 nella commedia drammatica The Book Group in cui la sua interpretazione di un giovane paraplegico gli valse il premio BAFTA Scotland Award come miglior attore televisivo. In seguito ha ricoperto molti altri ruoli per la televisione, tra cui l'ispettore Stuart Brown in State of Play e Pietro il Grande in Peter in Paradise, ed è apparso come un sacerdote in Shameless, la premiata serie tv brillante britannica.

Ha fatto il suo debutto ad Hollywood con Oliver Stone nel film Alexander. Nel 2007 è apparso anche in Hot Fuzz nel ruolo di Michael Armstrong. Nel 2008, ha recitato come Moby in The Crew e nel ruolo di Attila l'Unno nella serie tv Heroes and Villains prodotta dalla BBC.

Dal 2011 al 2019 interpreta il personaggio di Sandor Clegane detto "il Mastino" nella serie televisiva HBO Il Trono di Spade.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Ha una sorella più giovane che lavora come costumista per il cinema e la televisione e che ha lavorato al suo fianco in Alexander.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Rory McCann è stato doppiato da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Past Scott's Porage Campaigns, Scott's Porage Oats. URL consultato il 6 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2011).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN107576464 · ISNI (EN0000 0000 7755 730X · LCCN (ENno2013019810 · GND (DE1095669192 · WorldCat Identities (ENno2013-019810