Ring (pugilato)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un ring per il pugilato.

Il ring è lo spazio quadrato dove si svolge un incontro di pugilato.

Forma[modifica | modifica wikitesto]

Data la sua forma quadrata, il ring presenta 4 angoli: a ciascuno di essi è collegato un paletto cui sono assicurate, in orizzontale, 4 corde delimitanti il perimetro.[1] L'arena si trova, sovente, in posizione rialzata con tappeti posti al di sotto di essa.[2]

Misure[modifica | modifica wikitesto]

Le misure regolamentari sono le seguenti:

  • Lato: da 488 a 732 cm
  • Perimetro esterno: 61 cm
  • Altezza: da 91 a 122 cm
  • Spessore del tappeto: 2,5 cm
  • Diametro delle corde: 2,5 cm
  • Altezza delle corde: 46, 76, 107, 137 cm

Etimologia del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il termine, che in inglese significa «anello», deriva dal fatto che agli albori di questo sport l'area di lotta avesse una forma circolare, tracciata sul terreno.[3] La denominazione rimase immutata anche quando, nel 1838, la Pugilistic Society introdusse un'arena quadrata (con area di 920 cm² e 2 corde).[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sergio Torrisi, Quelle sedici corde intorno al ring , quando la boxe incanta i fotografi, su roma.corriere.it, 2 marzo 2012.
  2. ^ Boxe al quadrato se lo spettacolo sale sul ring, in la Repubblica, 13 ottobre 2015, p. 12.
  3. ^ a b Sport - 300 domande, Bologna, Script Edizioni, 2012, p. 43, ISBN 9788866147060.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Pugilato Portale Pugilato: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pugilato