Ring (pugilato)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Illustrazione di un ring per la boxe.

Il ring (in italiano, quadrato) è la struttura all'interno della quale si svolge un incontro di pugilato.[1][2][3]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La pedana ha forma quadrata, con pali metallici a determinare gli angoli.[1] A ciascuno di essi vengono assicurate 4 file di corde elastiche (nel corso del XX secolo, le file erano 3[1]); il perimetro interno individua l'area adibita alla lotta.[1] Il ring è costituito da una base in legno, ricoperta da un feltro sul quale poggia - a sua volta - un tappeto di tela grezza e resistente.[1]

Misure e regolamento[modifica | modifica wikitesto]

Le dimensioni di ciascun lato vanno da 4,90 a 6,10 m.[1] Durante l'incontro, sul ring sono ammessi soltanto i pugili e l'arbitro deputato a dirigere il match.[4] I secondi devono abbandonare l'arena prima che il combattimento abbia inizio: nell'intervallo tra ciascuna ripresa devono attendere l'autorizzazione del giudice di gara per accedere al ring.[4] In caso di ingresso abusivo da parte del secondo mentre la lotta è in svolgimento, il rispettivo atleta viene squalificato con assegnazione della vittoria al suo avversario.[4]

Varianti negli altri sport[modifica | modifica wikitesto]

Il ring viene usato anche nel Pro Wrestling, ma in questo sport il ring ha solo tre corde senza i pali metallici per permettere ai wrestler di salire sulla terza corda. Alcuni ring da boxe per bambini, oltre ad essere più piccoli, hanno tre corde anziché 4. Alcune promotion di MMA usano dei ring molto particolari come per esempio la M-1 Global Word, che usa un ring a forma esagonale anziché quadrata, con tre corde invece di quattro, e una piccola rete posizionata sotto la prima corda. Un altro esempio di ring esagonale è il ring da Pro Wrestling usato dal 2005 AL 2010 dalla TNA.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome, che in inglese significa «anello», è riconducibile all'originaria forma della pedana che era, infatti, circolare.[1][5][6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g Claudio Ferretti e Augusto Frasca, Enciclopedia dello Sport, Garzanti Libri, 2008, p. 1211, ISBN 9788811505228.
  2. ^ Sergio Torrisi, Quelle sedici corde intorno al ring, quando la boxe incanta i fotografi, su roma.corriere.it, 2 marzo 2012.
  3. ^ Boxe al quadrato se lo spettacolo sale sul ring, in la Repubblica, 13 ottobre 2015, p. 12.
  4. ^ a b c (EN) What are the rules of a boxing match?, su telegraph.co.uk, 26 agosto 2017.
  5. ^ (EN) Why is it called a boxing ring?, su espn.com.
  6. ^ (EN) Why are boxing rings called rings when they are square?, su todayifoundout.com, 20 aprile 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Pugilato Portale Pugilato: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pugilato