Pugno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Pugno (disambigua).
Video, al rallentatore, di un pugno sferrato all'addome di un uomo.

Il pugno è un attacco fisico, consistente nel colpire il bersaglio con la mano chiusa.[1]

Nello sport[modifica | modifica wikitesto]

Pugilato[modifica | modifica wikitesto]

Nella boxe, i pugni sono l'unico attacco consentito.[2] È permesso colpire l'avversario con la parte frontale del guantone ma non con il dorso, con il palmo e ruotando completamente il corpo prima di portare il colpo.[2]

Un pugile attacca il suo avversario con un diretto al volto.

Arti marziali[modifica | modifica wikitesto]

Nelle arti marziali, come il karate, il pugno deve essere controllato: qualora l'esecutore miri al viso, alla testa oppure al collo dell'avversario non deve avvenire il contatto con il bersaglio. È invece ammesso un leggero contatto con la zona addominale; l'eventuale pugno irregolare, così come altri colpi, comporta la squalifica dell'atleta.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Emanuela Audisio, Ray Boom Boom Mancini: "Il pugno che cambiò la boxe", su repubblica.it, 2 novembre 2015.
  2. ^ a b Claudio Ferretti e Augusto Frasca, Enciclopedia dello Sport - Le Garzantine, Garzanti Libri, 2008, p. 1670, ISBN 9788811505228.
  3. ^ Dario Torromeo e Franco Esposito, Dentro i secondi: Jimmy Ellis, Furino, Martini, Di Capua. Lo sport degli ultimi che diventano primi, Absolutely Free Editore, 2015, p. 332, ISBN 9788868580674.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]