Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Rashid Ramzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rashid Ramzi
Osaka07 D6A Rashid Ramzi-2.jpg
Rashid Ramzi ai Mondiali del 2007.
Nome Rashid Mohamed Ramzi
Nazionalità Marocco Marocco (fino al 2001)
Bahrein Bahrein (dal 2002)
Altezza 172 cm
Peso 65 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Mezzofondo
Record
800 m 1'44"05 (2006)
800 m 1'46"15 (indoor - 2004)
1500 m 3'29"14 Record asiatico (2006)
1500 m 3'37"31 (indoor - 2008)
Miglio 3'51"33 Record nazionale (2005)
3000 m 7'43"85 (2008)
5000 m 13'10"72 (2008)
Società Royal Bahraini Armed Forces
Carriera
Nazionale
1999-2001 Marocco Marocco
2002- Bahrein Bahrein
Palmarès
Marocco Marocco
Campionati africani juniores 0 1 0
Bahrein Bahrein
Mondiali 2 1 0
Mondiali indoor 0 1 0
Giochi asiatici 1 0 1
Campionati asiatici 1 1 0
Campionati asiatici indoor 2 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 2 agosto 2016

Rashid Mohamed Ramzi (in arabo: رشيد رمزي‎, Rašīd Ramzī; Safi, 17 luglio 1980) è un atleta marocchino naturalizzato bahreinita, specializzato nel mezzofondo e campione mondiale degli 800 e dei 1500 metri piani ad Helsinki 2005.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ramzi è cresciuto a Safi ed ha gareggiato a livello internazionale per il Marocco fino all'arruolamento nell'esercito del Bahrein, del quale ha ottenuto di conseguenza la cittadinanza. Tutt'oggi comunque si allena in altura ancora nel suo paese natale, il punto più alto del piccolo stato asiatico è infatti solo 134 metri sul livello del mare.

Il primo successo a livello internazionale lo ottiene ai Campionati del mondo indoor di Budapest nel 2004. L'anno successivo diventa il primo atleta capace di realizzare la doppietta 800 e 1500 metri piani in un Mondiale di atletica leggera, fatto che non succedeva in una competizione internazionale dal 1964 (Peter Snell a Tokyo).

Dopo un argento ai Mondiali di Osaka 2007 nei 1500 m, ai Giochi olimpici di Pechino nel 2008 vince i 1500 m con un tempo di 3'32"94, battendo nell'ordine Asbel Kiprop e Nick Willis, diventa il primo medagliato e il primo campione olimpico del Bahrein.

Nel 2009 risulta positivo al CERA ai test anti-doping effettuati sui campioni di sangue prelevati durante i Giochi olimpici e dovrà riconsegnare la medaglia su richiesta del Comitato Olimpico Internazionale.[1]

Record nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Seniores[modifica | modifica wikitesto]

Record nazionali bahreiniti
  • 1500 metri piani: 3'29"14 (Italia Roma, 14 luglio 2006) Record asiatico
  • Miglio: 3'51"33 (Stati Uniti Eugene, 4 giugno 2005)

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
In rappresentanza del Marocco Marocco
1999 Africani juniores Tunisia Tunisi 1500 m piani Argento Argento 3'47"13
In rappresentanza del Bahrein Bahrein
2002 Campionati asiatici Sri Lanka Colombo 1500 m piani Argento Argento 3'46"41
Giochi asiatici Corea del Sud Busan 1500 m piani Oro Oro 3'47"33
2003 Campionati asiatici Filippine Manila 1500 m piani Oro Oro 3'41"66
2004 Campionati
asiatici indoor
Iran Teheran 800 m piani Oro Oro 1'48"03 Record asiatico
1500 m piani Oro Oro 3'55"73 Record dei Campionati
Mondiali indoor Ungheria Budapest 800 m piani Argento Argento 1'46"15 Record asiatico
Giochi olimpici Grecia Atene 1500 m piani Semifinale 3'44"60
2005 Mondiali di cross Francia Saint-Galmier Corsa breve 32º 12'22"
Mondiali Finlandia Helsinki 800 m piani Oro Oro 1'44"24 Record personale
1500 m piani Oro Oro 3'37"88
2006 Giochi asiatici Qatar Doha 1500 m piani Bronzo Bronzo 3'38"91
2007 Mondiali Giappone Osaka 800 m piani Semifinale 1'47"76
1500 m piani Argento Argento 3'35"00 Record personale stagionale
2008 Mondiali indoor Spagna Valencia 1500 m piani 3'40"26
Giochi olimpici Cina Pechino 1500 m piani sq 3'32"94

Coppe e meeting internazionali[modifica | modifica wikitesto]

2005

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Olimpiadi: oro Pechino Ramzi positivo al doping. Riconsegnerà medaglia, su asca.it, 18 novembre 2009. URL consultato il 18 novembre 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]