Raffaele Mattioli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Raffaele Mattioli

Raffaele Mattioli (Vasto, 20 marzo 1895Roma, 27 luglio 1973) è stato un dirigente d'azienda ed economista italiano. Per il suo impegno a favore della cultura è spesso ricordato con l'epiteto il banchiere umanista[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver frequentato l'Istituto tecnico commerciale “Ferdinando Galiani” a Chieti, nell'autunno 1912 si iscrive all'Università di Genova. Allo scoppio della Prima guerra mondiale, si arruola come volontario in fanteria. Dopo la fine del conflitto presta servizio nell’ufficio politico-militare del corpo d’occupazione interalleato di Fiume e in seguito si aggrega come osservatore alle legioni di Gabriele D’Annunzio per il quale svolge mansioni di addetto all’ufficio stampa. Lasciato definitivamente l’esercito nel gennaio del 1920, ritorna agli studi universitari, laureandosi nel dicembre dello stesso anno con una tesi di Economia monetaria[2]. Nel 1921 diviene segretario generale della Camera di Commercio di Milano e tiene corsi di economia all'Università Bocconi di Milano anche grazie all'ausilio del Rettore Angelo Sraffa, giurista insigne della cui stima ed amicizia il Mattioli godeva.

Nel 1925 entra alla Banca Commerciale Italiana e nel 1931 rimpiazza l'amico Giuseppe Toeplitz nella carica di Direttore Generale, poi, nel 1933, in quella di Amministratore Delegato. Convinto antifascista, ha comunque rapporti, legati alla sua carica, con Benito Mussolini, ma incontra in segreto anche Palmiro Togliatti.

Piero Sraffa
Enrico Mattei

Il rapporto col Partito Comunista d'Italia e con Togliatti avviene attraverso l'amicizia con Piero Sraffa, al quale fa pervenire cospicui contributi alle spese di ricovero di Antonio Gramsci; dopo la morte dell'intellettuale sardo nel 1937, Mattioli si adopererà per salvare i suoi Quaderni del carcere. In quegli anni l'ufficio studi della Comit diventa una sorta di università "segreta" della classe dirigente laica e antifascista, dove saranno accolti, tra gli altri, Ugo La Malfa, Giovanni Malagodi, Guido Carli ed Enrico Cuccia, con cui costruì il progetto dell'IRI e di Mediobanca.

Discepolo e amico di Benedetto Croce, nel 1942 partecipa alla stesura del manifesto del Partito d'Azione, ma, allo stesso tempo, lavora al salvataggio di casa Savoia. Nel dopoguerra svolse attraverso la Comit un'intensa azione di mecenatismo culturale, finanziando riviste ("La Fiera Letteraria", "La Cultura"), istituzioni (fu Presidente e finanziatore dell'Istituto Italiano per gli Studi Storici), case editrici (fu consigliere culturale della Riccardo Ricciardi editore promuovendone la storica collezione letteraria di Studi e testi).

Il mecenatismo secondo Gadda

Nell'azione di mecenatismo compiuta da Mattioli un posto a sé merita il sostegno fornito a Carlo Emilio Gadda, ospitato dopo che lo scrittore era sfollato da Firenze, bombardata nella primavera del '44. Gadda fu soccorso con committenze e generosi prestiti e col finanziamento di un premio al suo Quer pasticciaccio brutto de via Merulana. Lo scrittore ringrazierà il banchiere dedicandogli le Novelle dal Ducato in fiamme (1953): «A Raffaele Mattioli\despota dei numeri veri\editore dei numeri\e dei pensieri splendidi\in segno di ammirata gratitudine»; Verso la Certosa (1961) «A Raffaele Mattioli\dedicando queste pagine» (con una lunga prefazione-dedica di quattro pagine); infine semplicemente «a Raffaele Mattioli» il racconto San Giorgio in casa Brocchi, nella raccolta degli Accoppiamenti giudiziosi (1963).

Fu il primo banchiere italiano a sostenere Enrico Mattei, finanziando contro ogni logica imprenditoriale la sopravvivenza dell'AGIP nei primi periodi di amministrazione Mattei.

Nel 1972 rifiutò la carica di Presidente onorario della Comit, passata, secondo le logiche della lottizzazione politica, al democristiano Gaetano Stammati, membro della loggia massonica P2 di Licio Gelli.

Scelse di essere sepolto nel cimitero dei monaci dell'Abbazia di Chiaravalle (Milano), chiesa al cui restauro aveva contribuito in modo munifico, si ritiene in ricordo di Guglielma la Boema, oggetto nel Medio Evo di un culto disapprovato dalla Chiesa cattolica.

La casa natia di Mattioli è stata donata dai figli alla cittadinanza di Vasto con destinazione culturale, insieme a un fondo librario di oltre 3800 volumi, tra cui alcuni autografi.[3] I libri di maggior valore sono invece stati conferiti alla Fondazione Raffaele Mattioli per la storia del pensiero economico, la cui biblioteca aveva sede a Milano nei locali della Banca Commerciale Italiana e comprende anche l'archivio Verri.[4] La fondazione, gestita dagli eredi di Mattioli e presieduta (al 2011) da Enrico Decleva, ha arricchito la raccolta libraria vendendo alcuni libri di filosofia e acquisendone altri di storia del pensiero economico; la raccolta risultante, di circa 4000 volumi fra cui alcuni appartenuti ad Adam Smith, è stata donata nel 2011 all'Università degli Studi di Milano, nei cui locali era precedentemente ospitata, andando a costituire la Biblioteca Raffaele Mattioli per la storia del pensiero economico.

Raffaele Mattioli sposò Emilia Tarni, dal quale ebbe un primo figlio, Giuliano, nato nel 1920[5]. La moglie morì nel 1923, e Mattioli sposò in seconde nozze Lucia Monti dalla quale ebbe tre figli, Maurizio, Stefano e Letizia che diventerà scrittrice col nome di Letizia Fortini[6]. Cognato di Raffaele Mattioli fu Antonio Monti a sua volta dirigente della Comit[7]. L'omonimia di quest'ultimo, Antonio Monti, con il nonno dell'economista della Bocconi e presidente del consiglio italiano, Mario Monti, ha fatto sì che questi venisse erroneamente indicato come nipote di Raffaele Mattioli[7], col quale non ha invece alcuna parentela.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mattioli, vita e opere di un mecenate di Giovanni Russo, Corriere della Sera, 11 giugno 2000, p. 31, Archivio storico.
  2. ^ SAN - Portale degli archivi d'impresa, imprese.san.beniculturali.it.
  3. ^ Biblioteca Civica Raffaele Mattioli
  4. ^ Dati; scheda dell'archivio storico degli economisti.
  5. ^ Raffaele Mattioli - Dizionario Biografico Treccani, treccani.it, 31/01/2013.
  6. ^ Letizia Fortini, zam.it, 31/01/2013.
  7. ^ a b La lunga (e misteriosa) vita del professor Monti, linkiesta.it, 31/01/2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesca Pino, «MATTIOLI, Raffaele», in Dizionario Biografico degli Italiani, Volume 72, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2008.
  • Francesca Pino, Le Carte di Raffaele Mattioli (1925-1945), in "Antologia Vieusseux", a. XIX (2013), n. 55, pp. 87-96.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN41853720 · ISNI: (EN0000 0001 1759 7569 · SBN: IT\ICCU\CFIV\050955 · LCCN: (ENn82131795 · GND: (DE119105179 · BNF: (FRcb12024856n (data)