Volontario di guerra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Per volontario di guerra si intende quella persona, sia un militare che un civile, che si arruola in caso di conflitto all'interno di una forza armata (es. esercito) in maniera volontaria, senza coscrizione obbligatoria, per andare a combattere in guerra, o comunque prestare servizio durante un conflitto bellico.

Cacciatori delle Alpi nel 1859 durante la seconda guerra d'indipendenza italiana

Il fenomeno del volontariato militare è al centro di un crescente interesse accademico sia a livello internazionale[1] sia nazionale[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene il volontarismo bellico possa farsi risalire all'età antica, ebbe grande impulso a partire dal Medioevo con il fenomeno delle Crociate. Durante il fenomeno del colonialismo poi seguirono i volontari spagnoli, portoghesi e olandesi che conquistarono le Indie e le Americhe. Nell'epoca moderna i polacchi, che combatterono sotto le bandiere francesi, e i prussiani. Volontari europei combatterono per l'indipendenza della Grecia. Al Risorgimento italiano diedero il loro tributo di sangue ungheresi e polacchi.[3]

Nel mondo[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Reparto di Cavalleria statunitense, composto da volontari nel 1898 (Guerra ispano-americana)

Negli Stati Uniti le truppe arruolate come milizie dei vari Stati federati erano sempre descritte come "volontari". Sia i volontari statunitensi che i regolari venivano chiamati "US troops". Nel 1812 la stragrande maggioranza dei soldati che prestarono servizio nella guerra anglo-americana erano volontari o membri delle milizie.

Italia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia il volontarismo fu il sentimento da cui sgorgò il Risorgimento, ma volontari italiani combatterono anche per l'indipendenza greca, in Sud America con Garibaldi, nelle guerre carliste in Spagna. Nel 1859 i reparti di volontari inquadrati nei Cacciatori delle Alpi divennero un complemento alle forze regolari, fenomeno che poi si ampliò nel 1866 con il Corpo Volontari Italiani. Con lo scoppio della prima guerra mondiale, significativo fu il fenomeno del volontarismo, sotto la spinta dell'Associazione Nazionalista Italiana. Reparti italiani composti esclusivamente di volontari di guerra furono nella guerra civile spagnola il Corpo Truppe Volontarie e nella seconda guerra mondiale la 29. divisione Waffen SS, nelle file tedesche, e i Volontari della Libertà che presero parte alla Resistenza.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

E anche la qualifica di "volontario di guerra" è stata riconosciuta legalmente dallo Stato italiano. Le onorificenze previste sono:

Knight Order of the Crown Württemberg.png - volontari della Guerra Italo-austriaca 1915-1918 (regio decreto 24 maggio 1923, n.1163);
Volontari Irredenti 1923.svg - irredenti volontari di guerra 1915-18 (Regio decreto n. 1626 del 16 ottobre 1921)
VolontarioAOI.png - volontari della Campagna in Africa Orientale 1935-1936 (regio decreto 26 ottobre 1939, n.2163);
VolontarioSpagna.png - volontari della Campagna di Spagna 1936-39 (regio decreto 6 giugno 1940, n.1244);
Italian volunteers of the war 1940-45 BAR.svg - volontari della Seconda guerra mondiale 1940-43 (decreto l. 21 aprile 1948, n.1054)
Knight Order of the Crown Württemberg.png - volontari della guerra 1943-45 (R.D.L. n. 54 del 27 gennaio 1944)
Volunteers of Liberty BAR.svg - volontari del Corpo Volontari della libertà 1943-45 (decreto luogotenenziale 3 maggio 1945, n.350).

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Martini Crotti, La Campagna dei volontari nel 1866, Cremona, Tip. Fezzi, 1910.
  • C. Cesari, I corpi volontari italiani dal 1848 al 1870, Roma, 1927

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàThesaurus BNCF 5728 · GND (DE4155349-4