Raffaele Baldassarre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Raffaele Baldassarre
Baldassarre Raffaele 2014-02-05 3.jpg

Eurodeputato
Legislature VII
Gruppo
parlamentare
Partito Popolare Europeo
Circoscrizione Sud Italia
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico PdL
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Avvocato

Raffaele Baldassarre (Lecce, 23 settembre 1956) è un politico italiano, ex deputato europeo per Il Popolo della Libertà.

Carriera professionale[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in giurisprudenza all'Università Cattolica del Sacro Cuore a 31 anni nel 1987, è iscritto all'albo degli avvocati dal 1991 ed è avvocato cassazionista dal 2004.[1]

È stato consulente legale della CISL.[2] È presidente provinciale del Movimento Cristiano Lavoratori di Lecce.[1]

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1982 diventa responsabile del movimento giovanile della Democrazia Cristiana[senza fonte] del comune di Cavallino, in provincia di Lecce, di cui è eletto nel 1988 consigliere comunale, carica ricoperta fino al 2002.[1]

Dal 1991 al 1994 Baldassarre è vicesegretario della sezione provinciale di Lecce del Partito Popolare Italiano, quindi dal 1998 al 1999 segretario provinciale dei Cristiani Democratici Uniti (CDU).[1]

Nel 1999 diventa segretario provinciale dei Cristiani Democratici per la Libertà (CDL), movimento politico di Raffaele Fitto confluito in Forza Italia, di cui diventa segretario provinciale nel 2001, rieletto per accalamazione nel 2004. Consigliere regionale di maggioranza della Puglia nelle file di Forza Italia dal 2001, è stato rieletto all'opposizione nelle elezioni regionali del 2005.

Nel 2004 è candidato del centrodestra a presidente della provincia di Lecce; raccoglie il 47,8% dei voti e perde contro il candidato del centrosinistra, Giovanni Pellegrino, eletto con il 51,8% dei voti al primo turno.[3]

Alle elezioni europee del 2009 in Italia è eletto deputato europeo per il Popolo della Libertà.

Dal 16 novembre 2013 è nominato Capodelegazione della rinata Forza Italia al Parlamento europeo[4]. Baldassarre è il terzo capodelegazione dell'ex PdL dopo le elezioni del 2009 dopo l'abbandono di Mario Mauro passato a Scelta Civica e di Giovanni La Via approdato al Nuovo Centrodestra di Angelino Alfano.

Ricandidato alle Elezioni europee del 2014 (Italia) nella Circoscrizione Italia meridionale per Forza Italia con 59.186 preferenze non viene rieletto. Il 24 marzo 2014 diventa membro del Comitato di Presidenza di Forza Italia.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

In giugno 2013 viene intervistato da un giornalista olandese dopo aver firmato una presenza "toccata e fuga" al fine di percepire il cosiddetto "sign in and slope off" (diaria riservata agli eurodeputati). Baldassarre è colto sul fatto e, irritato dalle pressanti domande del giornalista prima finge non capire le domande, poi cerca di allontanarlo percuotendolo [5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]