Raf Baldassarre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Raf Baldassarre nel film La moglie in bianco... l'amante al pepe (1980).

Raffaele Baldassarre (Giurdignano, 18 gennaio 1932Roma, 17 gennaio 1995) è stato un attore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fotogenico e ottimo cascatore, trova facile collocazione nel cinema avventuroso degli anni cinquanta e sessanta (Il pirata dello sparviero nero di Sergio Grieco, Sandokan alla riscossa di Luigi Capuano) e nel filone peplum (Ulisse contro Ercole di Mario Caiano, Ercole al centro della Terra di Mario Bava), nei quali interpreta solitamente personaggi di secondo piano o il ruolo dell'antagonista[1].

Nel secondo lustro degli anni sessanta prende parte al filone nascente del Western all'italiana coprodotto da Italia e Spagna diventandone un attivissimo caratterista, adottando per l'occasione lo pseudonimo americaneggiante di Ralph Baldwin o Baldwyn; partecipa, fra gli altri, a Per un pugno di dollari di Sergio Leone e Blindman di Ferdinando Baldi.

Negli anni settanta volge verso altri generi, come la Commedia sexy col film Cugini carnali di Sergio Martino, seguito da Le seminariste diretto da Guido Leoni e prodotto dallo stesso Baldassarre, partecipando anche al film-scandalo Piccole labbra di Mimmo Cattarinich.

Dopo altre due commedie all'inizio degli anni ottanta (La moglie in bianco... l'amante al pepe e La dottoressa preferisce i marinai, dirette da Michele Massimo Tarantini), una partecipazione al film di Dino Risi Fantasma d'amore con Marcello Mastroianni, abbandona il grande schermo.

Uno dei suoi ultimi lavori è una collaborazione con Tele Lecce Barbano, per un film a carattere religioso, in cui egli è il narratore, girato nel 1980, anno in cui Giovanni Paolo II giunse in visita a Otranto.[2]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dizionario del cinema italiano. Gli attori. - Enrico Lancia, Roberto Poppi.
  2. ^ Angela Leucci su angelaleucci.blogspot[collegamento interrotto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90694170 · ISNI (EN0000 0001 1774 4151 · LCCN (ENno2011033022 · GND (DE106142605X